Come Arare Il Terreno

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Arare un terreno potrebbe sembrare un lavoro da poco, ma chi lo fa da anni sa bene che invece è necessaria molta pazienza e bravura per ottenere degli ottimi risultati e fare in modo che il terreno diventi adatto per la semina. Da secoli gli uomini hanno imparato ad arare il terreno, farlo nella maniera corretta significava fare la differenza tra l'avere un buon pasto per pranzo o il morire di fame. Se avete comprato da poco un aratro e non sapete come iniziare l'aratura del vostro terreno non preoccupatevi. In questa piccola guida vi saranno infatti svelati dei piccoli segreti per effettuare un'ottima aratura, evitando sprechi di tempo ma soprattutto senza danneggiare il vecchio trattore. Vediamo insieme come procedere passo dopo passo.

25

Reperite il materiale necessario

L'operazione che compie il vostro aratro consiste nel taglio di una fetta di terreno a forma di parallelepipedo e nel suo rivoltamento. Il rivoltamento della fetta di terreno è utile per rinnovare lo strato superficiale e per interrare i concimi organici. Per arare bene dovete sapere che esistono varie tecniche a seconda dell'aratro che usate e della pendenza del terreno. Su un terreno piano e con un aratro che non vi da la possibilità di essere rotato, è possibile eseguire un'aratura a colmare oppure una a scolmare: per eseguire l'aratura a colmare dovete partire dal centro del terreno e poi allargarvi arando una volta alla destra e una volta alla sinistra del solco centrale.

35

Su un terreno in pendenza arate in discesa

Per effettuare un'aratura a scolmare è invece necessario partire dalle linee laterali del campo per poi arrivare al centro. L'unico inconveniente di questa tecnica è che alla fine del lavoro si sarà ottenuto un unico solco in mezzo al vostro campo. Se invece vi trovate su un terreno con forte pendenza, dovrete arare solo ed esclusivamente in discesa. L'aratura varia anche in base alla profondità dei solchi che è possibile suddividere in tre tipi: superficiale, media e profonda. L'aratura superficiale è più indicata per l'aratura in piano, quella media è invece l'aratura più diffusa e più facile da praticare, anche se l'aratura più efficace rimane sempre quella più profonda.

Continua la lettura
45

State con la ruota del trattore nel solco

Il periodo migliore per arare il terreno rimane sempre quello primaverile, subito prima dell'inizio della semina, e il periodo autunnale, quando a fine raccolto si prepara il terreno per la stagione invernale e per la semina successiva. Infine, quando si effettua l'aratura, bisogna stare con la ruota del trattore nel solco, in questo modo otterrete una maggiore direzionali. Se non siete degli esperti e vi ritenete alle prime armi, i consigli di questa guida si riveleranno utili per effettuare un'aratura degna di nota, rendendo il terreno fertile per la semina. Non mi resta che augurare buon lavoro.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per arare bene dovete sapere che esistono varie tecniche a seconda dell'aratro che usate e della pendenza del terreno.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come arricchire un terreno sabbioso

Un terreno si definisce sabbioso quando la presenza di sabbia è superiore al 70%. Esistono diversi tipi di sabbia con granuli di diverse dimensioni. Solitamente la grandezza dei granelli va dai 50 micron ai 2 millimetri. La sabbia viene anche classificata...
Giardinaggio

Come livellare il terreno

Prima di coltivare qualsiasi pianta in giardino, o se bisogna installare una piscina, è necessario il terreno sia ben livellato. Se si effettua questa operazione, il terreno degrada più lentamente e non occorre poi dover agire per pareggiare eventuali...
Giardinaggio

Cosa coltivare su un terreno sabbioso

Un terreno sabbioso presenta lo svantaggio di trattenere scarsamente l'acqua, ma compensa questo difetto con la maggiore lavorabilità del terreno. Se vogliamo coltivare su terreni sabbiosi, dovremo quindi ricordarci di annaffiare poco e spesso le nostre...
Giardinaggio

Come rendere il terreno acido

Alcuni alberi e arbusti il più delle volte necessitano di un terreno con un PH acido, ossia al di sotto di 7.0, altrimenti si svilupperebbero con un eccesso di clorosi ferrica. Per esempio, se intendete coltivare la betulla, i mirtilli, le azalee e...
Giardinaggio

5 piante per un terreno argilloso

Se avete un giardino che si presenta con un terreno argilloso, è importante sapere che non tutte le piante sono adatte per questo tipo di suolo per cui la scelta deve essere oculata. Ci sono infatti alcune specie di tipo perenne che per proliferare nel...
Giardinaggio

Come determinare il pH del terreno

Coltivare un terreno è un ottimo modo per avere sempre frutta e verdura di stagione sempre fresca da mangiare, oppure venderla per poterne ricavare un introito che possa ovviare alle spese di mantenimento del terreno stesso. Ma per coltivare qualsiasi...
Giardinaggio

Come riconoscere le caratteristiche del terreno e migliorarlo

Chi possiede un piccolo o grande giardino sa bene quanto sia importante possedere le giuste conoscenze e competenze al fine di dare il giusto benessere alle piante che coltiva. L'elemento principale, senza il quale evidentemente le piante non potrebbero...
Giardinaggio

Come rendere più drenante un terreno

Un terreno con problemi di drenaggio risulta essere costantemente umido o bagnato, con conseguente presenza di molte pozze di acqua stagnante. Dopo un temporale, o semplicemente dopo anche una piccola pioggia, alcuni terreni tendono a trattenere l'acqua...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.