Come attaccare un bottone

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Attaccare un bottone non è un'operazione affatto complicata, l'importante è non arrendersi se i primi tentativi non risultano perfetti. La manualità conta molto e, con un po' di pratica, i buoni risultati non si faranno attendere. In commercio, esistono diverse tipologie di bottoni: a quattro fori, a due fori, bottoni con anello di metallo ed altri ancora. All'interno di questa guida, vi spiegherò come attaccare un bottone.

27

Occorrente

  • Bottoni di vario tipo
  • Ago e filo
  • Stoffa
37

Passare l'ago sul diritto del tessuto

Per quanto riguarda i bottoni a quattro fori, iniziate passando l'ago sul diritto del tessuto nel punto previsto per il bottone. Nel primo buco del bottone, inserite l'ago e passate il filo due o tre volte in ogni foro a "x" oppure a "II". Poiché i bottoni a quattro fori sono piatti, per semplificare l'inserimento del bottone nell'asola ogni volta che lo utilizzate, fate 3-4 quattro giri col filo, in cerchio, intorno ai fili che vanno dal bottone alla stoffa, sotto al bottone stesso. Ciò gli farà guadagnare quei millimetri in altezza che renderanno più agevole la chiusura. Terminate eseguendo un nodo e rafforzate con un punto indietro sul rovescio.

47

Utilizzare un filato di buona qualità

Per il bottone con anello di metallo, utilizzate un filato di buona qualità, poiché il metallo tende a logorare il filo. Sono bottoni che, generalmente, vanno applicati su camicette, giacconi, cinture di gonna e così via. Per applicare i bottoni con gambo, passate il filo più volte nell'anello ed attraverso il tessuto, dopodiché fermate il filo con il solito nodino. Un bottone cucito a regola d'arte non presenta fili disordinati sul rovescio ed i veri sarti non utilizzano il nodo iniziale, anche se semplifica parecchio il lavoro. Per evitare quell'antiestetico e poco professionale nodo, inserite semplicemente il filo nella stoffa, lasciandolo sporgere per circa un centimetro, e fermatelo con l'ago, passando il filo stesso sulla parte di esso che entra nella stoffa.

Continua la lettura
57

Cucire un piccolo quadrato di stoffa

A volte, si usa un rinforzo per il bottone stesso chiamato "controbottone": si tratta di un bottone più piccolo applicato sul rovescio dell'indumento. Solitamente, questi bottoni vengono applicati in indumenti abbastanza pesanti con tessuti rigidi e spessi (vedi per esempio giubbini e cappotti). Per quanto riguarda l'applicazione, il procedimento è uguale al precedente, solo che i due bottoni vengono cuciti contemporaneamente. Nel caso di jeans o altro tipo di pantalone, il bottone sottoposto a pressione può essere rinforzato cucendo sul rovescio un piccolo quadrato di stoffa e facendo passare il filo che trattiene il bottone attraverso il maggiore spessore di stoffa.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Trucchi per attaccare i bottoni

Esistono tanti e diversi bottoni da scegliere per un determinato vestito, camicia, maglione e così via. Ma cucire i bottoni giusti può essere un modo per cambiare l'aspetto dell'indumento. Infatti, un bel capo lo si riconosce dalle finiture oltre che...
Cucito

Come creare una sciarpa con chiusura a bottone

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter creare, con le proprie mani e la propria fantasia, una sciarpa con la chiusura a bottone. Cercheremo di creare tutto ciò grazie al metodo del fai da te e del bricolage, che...
Cucito

Come attaccare pizzo chiacchierino alla stoffa

Il pizzo chiacchierino è una lavorazione davvero molto particolare e antica, e soprattutto molto amata durante il periodo Vittoriano. Tornato in voga in tempi decisamente più recenti, il pizzo chiacchierino è una lavorazione morbida e "rotonda". Perfetto...
Cucito

Come attaccare il pizzo chiacchierino al tessuto

Il pizzo chiacchierino può essere una raffinata e delicata decorazione per ogni articolo in tessuto e per ogni tipologia di stoffa. Un bordo in pizzo chiacchierino, ad esempio, può rendere speciale un semplice asciugamano per gli ospiti da esporre in...
Cucito

Come attaccare un pizzo al macramè

Che meraviglia il pizzo! Sottile e impalpabile come un velo, oppure con i tipici ricami del raffinatissimo macramè, romantico e stupendo in tutti i colori possibili. È elegantissimo in bianco, avorio e rosa chiarissimo, ed è modernissimo anche in tinte...
Cucito

Come attaccare una cerniera ad un pantalone

Sarà successo a tutti, almeno una volta, di rompere la cerniera di un pantalone.E cosa avrete pensato? Molto probabilmente che ormai il pantalone fosse da buttare o che per rimetterlo apposto avreste dovuto spendere molto dalla sarta.Ma non dovrete drammatizzare...
Cucito

Come attaccare pizzi e merletti

È' possibile che sbirciando nell'armadio della nonna, tu abbia visto dispiegarsi davanti agli occhi un piccolo mondo antico: vestiti, camicie da notte, asciugamani, tovaglie di lino orlate e decorate con raffinati merletti lavorati a mano in fibre naturali....
Cucito

Come rinforzare i bottoni della giacca

Proprio nel momento in cui una persona meno se lo aspetta, uomo oppure donna che sia, capita che ci si ritrova con un bottone di una giacca, di una camicia o di una gonna allentato. Molte volte questo succede sempre nel bel mezzo di una cerimonia o festa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.