Come attaccare un pizzo al macramè

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Che meraviglia il pizzo! Sottile e impalpabile come un velo, oppure con i tipici ricami del raffinatissimo macramè, romantico e stupendo in tutti i colori possibili. È elegantissimo in bianco, avorio e rosa chiarissimo, ed è modernissimo anche in tinte decisamente vivaci, solitamente preferite dalle giovanissime. Con un pizzico di fantasia e buon gusto, è possibile utilizzarlo per trasformare un capo piuttosto anonimo, arricchendolo e rendendolo unico, oppure si può offrire un tocco di delicato fascino ad un semplice capo in jeans, rendendolo squisitamente sexy e certamente speciale. Ecco dunque una guida che vi suggerirà un semplice sistema per attaccare ad un tessuto qualsiasi questo meraviglioso pizzo.

26

Il macramè è un tipo di merletto realizzato a piccoli nodi. E’ solitamente utilizzato per rendere più elegante la biancheria intima, colletti oppure alcune parti di camicette e vestiti, ma anche per abbellire gli arredi della casa. Vediamo adesso come attaccare il macramè all’orlo di una gonna oppure di un abito. Non è necessario disporre di una macchina da cucire, anzi, svolgendo il lavoro esclusivamente a mano il risultato sarà persino migliore. Procedete misurando l’ampiezza del bordo della gonna o dell’abito, e successivamente recatevi in qualche negozio per acquistare una striscia di pizzo della stessa lunghezza che avete precedentemente misurato.

36

Imbastite la striscia fissandola a filo sul bordo della gonna o del vestito e successivamente, se utilizzate una macchina da cucire, eseguite delle cuciture a zig zag per afferrare sia il tessuto che il pizzo. Il colore del filo dev’essere in tinta con il campo da adornare, in modo che le impunture che state realizzando passino inosservate. Se invece avete optato per la cucitura a mano, procedete con piccoli e morbidi punti, cercando di andare avanti cautamente, senza tirare troppo: una volta terminato il lavoro non si noterà assolutamente nulla. Togliete le imbastiture e sulla stoffa poggiate un panno umido. Dopodiché stirate con un ferro molto caldo: il risultato che otterrete sarà sorprendente!

Continua la lettura
46

Seguendo lo stesso procedimento letto finora, potete impreziosire tende, tovaglie, lenzuola e federe. Nello stesso modo potete personalizzare anche gli asciugamani, facendo attenzione ad applicare il pizzo direttamente a filo dell’orlo, con piccoli punti e senza tirare troppo il filo. Se poi vi piace disporre di un salotto elegante, potete seguire lo stesso procedimento anche per i cuscini dei divani, tramite delle applicazioni in macramè ai bordi delle federe.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come attaccare pizzo chiacchierino alla stoffa

Il pizzo chiacchierino è una lavorazione davvero molto particolare e antica, e soprattutto molto amata durante il periodo Vittoriano. Tornato in voga in tempi decisamente più recenti, il pizzo chiacchierino è una lavorazione morbida e "rotonda". Perfetto...
Cucito

Come fare un pizzo macramè

Il Macramè è una tecnica che ha origini molto antiche. Mentre il nome Macramè deriva dall'arabo. Questo indica un merletto definito a pizzo. La lavorazione consiste nell'eseguire una serie di nodi legati fra di loro. Naturalmente partendo da una base...
Cucito

Come aggiungere una frangia a un lavoro a macramè

Il macramè è un tipo di pizzo elegante e molto delicato, viene utilizzato soprattutto per la rifinitura di capi importanti come copertine, centrotavola oppure asciugamani da corredo. Realizzare una frangia in macramè richiede delle conoscenze di base...
Cucito

Come lavorare a macramè

Il macramè è una tra le tecniche di ricamo più apprezzate nel mondo. Spesso si assimila erroneamente al pizzo o a un intreccio gradevole di nodi, mentre invece si tratta di un tipo di merletto a nodi, che possiede delle radici molto antiche e profonde....
Cucito

Come cucire un vestito di pizzo e perline

Sei invitata al matrimonio della tua più cara amica e vuoi cucirti un bel vestito di seta con applicazioni di pizzo per questa speciale occasione, sicuramente sai come tenere in mano un ago, altrimenti non penseresti di poterti cucire un abito da sola....
Cucito

Come creare una farfalla a macramè

Il macrame è una particolare tipologia di pizzo in tessuto che impiega diversi nodi per realizzare degli elementi utili e decorativi. Nel macramè su posdo usare essere diversi fili ed è impiegato anche per la realizzazione dei gioielli. Inoltre, il...
Cucito

Come cucire un pizzo sangallo

Il pizzo sangallo prende il nome dalla città svizzera di San Gallo divenuta, a partire dal XIX secolo, una esportatrice internazionale di questi tipi di ricami. Chi intende visitare questa splendida cittadina non dovrà infatti mancare di fare una capatina...
Cucito

Come realizzare un vestito in macramè

Il macramè è tornato da un paio di anni a fare breccia nel cuore della moda. Canottiere, borse e addirittura gioielli fatti con questa tecnica di origine araba, sfilano sulle passerelle e per le strade delle città. Anche diversi manufatti decorativi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.