Come aumentare la lunghezza di una serpentina di scarico

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

La serpentina di scarico è un tubo a spirale, generalmente in rame od in acciaio, presente negli impianti termici, come termocamini o termostufe a legna. Il suo scopo è rendere più sicuro lo scarico dei fumi dell'impianto. Normalmente è presente in quelli definiti a "vaso chiuso" e garantisce la sicurezza dello stesso favorendo il raffreddamento dell'impianto in caso di surriscaldamento o di eccessiva pressione. I sistemi di riscaldamento sopracitati, la prevedono già integrata al loro interno ed è standard. Tuttavia, può capitare di trovarsi nella necessità di doverla allungare. In questa guida spiegheremo come aumentare la lunghezza di una serpentina di scarico in pochi e semplici passi. Scopriamoli insieme nel dettaglio.

27

Occorrente

  • tubo di rame a serpentina per allungamento
37

La lunghezza della serpentina di scarico di un termocamino o di una termostufa, normalmente viene stabilita dalla casa produttrice. Quest'ultima la determina in base a misure che generalmente vengono ritenute sufficienti ad assolvere alla sua funzione. A volte però, la localizzazione scelta per installare le suddette apparecchiature richiede dei metraggi maggiori. Per allungare la serpentina di scarico, è necessario procurarsi un tubo delle stesse dimensione e del medesimo materiale. Impiegarne uno differente anche per pochi centimetri, rovinerebbe tutto il lavoro svolto in precedenza.

47

Una volta che lo si ha acquistato, si può procedere ad allungare la serpentina di scarico. Per fare ciò, bisogna scegliere il punto migliore in cui fare la giunzione. Per questioni di praticità, è consigliabile che questa venga eseguita nel punto iniziale oppure in quello finale della serpentina stessa. Quelle al centro della serpentina richiedono interventi più complessi, lunghi, che comportano una perdita eccessiva di tempo ingiustificata. Si procedere semplicemente scollegando il punto prescelto, inserendo il nuovo pezzo della serpentina di scarico e creando una giunzione sicura e ben salda tra la due parti.

Continua la lettura
57

Quando si decide di allungare la serpentina di scarico della termostufa o del termocamino, si deve tenere presente che questi impianti hanno un punto di accesso dell'acqua collegato all'acquedotto ed un altro di scarico allacciato alla fognatura. È molto importante che entrambi rimangano totalmente liberi e funzionanti al termine del lavoro. In caso contrario, il funzionamento stesso della serpentina di scarico risulterebbe compromesso rendendo l'intero impianto pericoloso. Consigliamo di non cimentarsi in lavori idraulici se non si è in grado di esegurli nella maniera più corretta.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non si è molto pratici con questo tipo di lavori idraulici è meglio rivolgersi ad un esperto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come rimuovere una serpentina riscaldante elettrica

Se tempo addietro nella nostra casa abbiamo installato una serpentina riscaldante elettrica sotto al pavimento, ed adesso intendiamo rimuoverla perché magari risulta danneggiata o non ci soddisfa dal punto di vista del funzionamento, è necessario asportare...
Materiali e Attrezzi

Come installare una serpentina riscaldante elettrica

Se in casa abbiamo la necessità di installare una serpentina elettrica riscaldante sotto la pavimentazione, lo possiamo fare seguendo delle linee guida ben precise, che si articolano in vari passi fondamentali per la corretta riuscita del lavoro. In...
Materiali e Attrezzi

Come installare un sistema di scarico su un doppio lavello

Se in cucina avete un lavello e volete cambiarlo con uno a due vasche, il procedimento e le operazioni non saranno complicate, siccome ci sono delle tubazioni in PVC pratiche ed economiche che si possono incastrare assemblandole, perciò senza l'occorrenza...
Materiali e Attrezzi

Consigli per aumentare la resistenza dell'acciaio inox

L' acciaio inox (ossia inossidabile) è una lega di ferro con particolare resistenza alla corrosione, all’abrasione, all’ossidazione e alle alte temperature. In questo articolo forniremo dei consigli per renderlo ancora più resistente. È possibile...
Materiali e Attrezzi

Come riparare una caldaia a condensazione

Oggi le caldaie a condensazione sono molto diffuse. Grazie alla loro tecnologia offrono enormi rendimenti facendo gioire il nostro conto in banca. La caldaia a condensazione riscalda l'acqua che passa attraverso una serpentina tramite la combustione di...
Materiali e Attrezzi

Come riparare un condizionatore a finestra

Il condizionatore a finestra, o monoblocco, viene comunemente impiegato nei negozi, nelle aziende, come nelle abitazioni. Dal design elegante, costa poco ed offre grandi prestazioni. Per mantenerlo in efficienza, bastano alcuni semplici interventi di...
Materiali e Attrezzi

Come si utilizza la molla sturalavandini

Le molle sturalavandini sono dei dispositivi che racchiudono una molla all'interno di una capsula filettata. Gli idraulici, ma non solo, le utilizzano al fine di risparmiare tempo e lavoro, in quanto garantiscono una tensione positiva e controllata quando...
Materiali e Attrezzi

Come montare un sifone esterno per lavatrice

Se abbiamo appena acquistato una lavatrice ed intendiamo collegarla allo scarico, è necessario utilizzare un sifone esterno. Quest'ultimo è semplice da montare, e non richiede un intervento di un idraulico, se non un minimo di praticità nel maneggiare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.