Come aumentare la pressione della caldaia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per mantenere la la caldaia perfettamente efficiente è bene farla controllare periodicamente, solitamente lo si fa una volta all'anno. Verranno scongiurati malfunzionamenti e sarà garantito, nel contempo, il massimo livello di efficienza. Nel corso dell'anno possono, ad ogni modo, sorgere dei piccoli problemi che è possibile risolvere da soli, semplicemente procedendo con piccole regolazioni. Nei vari passaggi che compongono la seguente guida vi sarà spiegato come aumentare la pressione della caldaia, un'operazione molto facile da portare a termine.

26

Occorrente

  • Caldaia
36

Osservare il pressostato

Innanzitutto è bene sottolineare che il livello ottimale della pressione in una caldaia, a freddo, è quello compreso tra 1 e 1,5 bar. Nel caso in cui la pressione scende al di sotto di 1 bar, il rischio principale è costituito dal blocco completo dell'impianto, che rende impossibile sia usufruire dei termosifoni che dell'acqua calda. Il livello indicato precedentemente consente alla caldaia di raggiungere massimo i 2 bar nella fase attiva. La prima cosa da fare per aumentare la pressione della caldaia è quella di osservare con attenzione il pressostato, per verificare l'esatto livello della pressione.

46

Aprire la valvola

Successivamente cercate la valvola, situata sul fondo della caldaia stessa; quest'ultima possiede la forma di un rubinetto e deve essere aperta con estrema cautela, in modo da evitare la formazione di bolle d'aria. Se al termine dell'operazione vi accorgete di aver portato la pressione ad un livello eccessivamente alto, potete tranquillamente intervenire sul tubo di sfogo, presente anch'esso sul fondo della caldaia. Questo può certamente essere dotato di una valvola oppure è rappresentato da un tubo tagliato e aperto.

Continua la lettura
56

Far sfiatare i termosifoni

Un'altra soluzione per abbassare la pressione portata ad un livello troppo alto consiste nell'intervenire direttamente sui termosifoni facendoli sfiatare, agendo su quello che si trova nel punto più lontano dalla caldaia, eventualmente facendo uscire anche poca acqua. Una volta terminato l'intervento, per verificare il corretto funzionamento della caldaia è sufficiente aprire un rubinetto dell'acqua calda. Nel caso in cui, nonostante l'intervento effettuato, la caldaia non sia in grado di riscaldare l'acqua oppure quando il medesimo problema si ripresenti nel giro di pochi giorni, è opportuno rivolgersi al personale specializzato perché molto probabilmente sarà necessario sostituire un pezzo usurato o difettoso. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Una volta terminato l'intervento, per verificare il corretto funzionamento della caldaia è sufficiente aprire un rubinetto dell'acqua calda.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come abbassare la pressione della caldaia

Come si può facilmente intuire, uno degli elementi maggiormente importanti per il corretto funzionamento della caldaia, è la sua pressione: se quest'ultima risulta più bassa del dovuto oppure troppo alta, può causare una serie di importanti malfunzionamenti,...
Casa

Come aumentare la temperatura della caldaia

Tutte le abitazioni generalmente dispongono di una caldaia che serve a riscaldare la casa e a rendere l'acqua calda. Tuttavia a volte essa può danneggiarsi e diminuire la temperatura. Prima di rivolgersi ad un tecnico specializzato bisogna però sapere...
Casa

Come aumentare la pressione dell'acqua in casa

Spesso nella nostra casa può succedere che per esempio in alcuni rubinetti diminuisca la pressione dell'acqua, quando succede molte persone vanno in panico pensando che riportare il flusso d'acqua in modo regolare sia complicato, in realtà non è cosi,...
Casa

Come riparare perdite d'acqua dalla caldaia

Tutte le caldaie sono dotate di un tubo di uscita speciale della pressione; è un piccolo punto di collegamento nel lato della caldaia che non presenta accessori aggiuntivi e che occasionalmente gocciola (ciò consente la fuoriuscita della pressione all'interno...
Casa

Come pulire il vaso di espansione di una caldaia

Molto spesso nella nostra abitazione ci troviamo a dovere eseguire alcuni piccoli interventi di manutenzione in modo da garantire sempre il perfetto funzionamento di ogni impianto ed elettrodomestico. Tuttavia per eseguire questi interventi, molto spesso...
Casa

Come fare la taratura del minimo della caldaia

Per garantire sempre un perfetto riscaldamento e acqua calda alla vostra casa, è fondamentale eseguire le manutenzioni dell'impianto. Vi servirà a tenere sempre in forma la vostra caldaia e aiutarvi nel gestire le spese ad essa collegate, a volte diminuendo...
Casa

Come regolare la valvola del gas della caldaia

Con questa guida vedremo, in linea teorica, come regolare la valvola del gas della vostra caldaia. Si ricorda che le operazioni che andremo ad indicare sono operazioni molto delicate. Consigliamo quindi di ASTENERSI DAL FAI DA TE se non si è supportati...
Casa

Come spurgare una caldaia combinata

Se in casa avete una caldaia di tipo combinato ovvero che funziona sia a legna che a pellet, è importante periodicamente effettuare lo spurgo, affinché il calore si diffonda in modo uniforme nelle condotte distribuite lungo il perimetro delle pareti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.