Come cablare un sensore di movimento esterno

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I rilevatori di movimento sono piccoli occhi elettronici che rilevano infrarosse ondate di calore, che si irradiano su oggetti in movimento. Quando il rilevatore individua un oggetto in movimento attraverso il suo campo, auto-gira elettronicamente le luci. La luce rimane accesa ovunque da 1 a 20 minuti, a seconda di come si preimposta il timer: il rivelatore oltretutto, si spegne automaticamente ma la luce posta al suo esterno continua a rilevare il movimento. Una fotocellula disattiva la luce durante le ore diurne. La maggior parte dei rilevatori di movimento hanno un campo semicircolare di vista fino a 240° e un intervallo di distanze regolabile. Nei passi a seguire troverete la giusta spiegazione su come cablare un sensore di movimento esterno.

27

Occorrente

  • Rilevatore di movimento
  • nastro isolante
  • cacciavite
  • lampadine
37

I rilevatori di movimento permettono di operare sulla luce in modo manuale e tradizionale: tutto ciò consente di mantenere la luce accesa di notte anche quando non c'è movimento. Spegnete l'alimentazione del dispositivo del pannello principale, verificate il corretto funzionamento dei fili e assicuratevi che la corrente sia spenta. Strofinate un filo contro il filo da terra e l'altro cavo contro il filo caldo (nero) e poi contro il filo neutro (bianco): se il tester si accende in entrambi i casi, l'alimentazione è ancora attiva, quindi spegnete il circuito dal pannello principale.

47

Il coperchio della scatola elettrica esterna deve essere impermeabile perché l'umidità può penetrare nelle prese del rivelatore e rovinarlo: per evitare questo, localizzate l'apparecchio in una zona protetta e rivolgete le lampadine verso il basso, in modo che l'umidità non entri nella presa. Regolate l'angolo del campo visivo e impostate l'intervallo di distanza del sensore in movimento, per evitare falsi arresti.

Continua la lettura
57

Il cablaggio di un sensore esterno in alluminio richiede una gestione speciale; infatti è necessario controllare la dimensione del quadro elettrico. Utilizzate una striscia di nastro isolante sull'interruttore che controlla il circuito, rimuovete i bulbi dal dispositivo esistente e utilizzate il cacciavite per rimuovere le viti che fissano il dispositivo alla casella. Quando rimuovete il secondo bullone, assicuratevi di tenere in alto il dispositivo, in modo da non farlo cadere, svitate i dadi dal filo e separateli; spingete delicatamente i fili nella scatola e collegate il dispositivo con le viti in dotazione. Installate le nuove lampadine e accendete l'alimentazione, infine dopo che le luci si spengono, impostate la sensibilità del sensore con la manopola posta sul lato o sul retro.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di iniziare il lavoro, assicuratevi di avere spento l'alimentazione del dispositivo del pannello principale
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come cablare un doppio interruttore

Quando si parla di elettricità la costante sempre presente deve essere quella della sicurezza. Basta infatti un cavo non sistemato o una messa a terra sbagliata per far verificare un pericoloso incidente. Per questo, intale utile guida, vedremo insieme...
Materiali e Attrezzi

Come montare un sifone esterno per lavatrice

Se abbiamo appena acquistato una lavatrice ed intendiamo collegarla allo scarico, è necessario utilizzare un sifone esterno. Quest'ultimo è semplice da montare, e non richiede un intervento di un idraulico, se non un minimo di praticità nel maneggiare...
Materiali e Attrezzi

Come calibrare un misuratore di portata

Un misuratore di portata è uno strumento che serve per calcolare la massa volumetrica dei liquidi, ed è simile a quello che vediamo girare nel contatore dell’acqua, oppure in una colonnina dei distributori di carburante, indipendentemente se si...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un conduttivimetro

La tecnologia odierna, ha raggiunto il massimo dello sviluppo. Infatti tra telefoni cellulari, e computer, diciamo che la comunicazione risulta migliorata a pieno. Oggigiorno possiamo usufruire di qualsiasi cosa, ma si cerca sempre di costruirsi un passatempo....
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un trapano a colonna

Il trapano a colonna è formato da una base d'appoggio, composta da un piano in ghisa dove vengono collocati i pezzi da lavorare: al di sopra vi si trova la colonna, la parte penetrante e composta dalle parti meccaniche in movimento; a sua volta il movimento...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare un tornio per metallo

Uno dei primi e più versatili strumenti di lavorazione dei metalli è sicuramente il tornio. Il tornio è uno strumento che viene utilizzato da epoche molto antiche, praticamente la sua invenzione è avvenuta nel periodo della preistorica, fino a subire...
Materiali e Attrezzi

Multimetro: 5 errori da evitare per un corretto utilizzo

Il multimetro è uno strumento di grande importanze nel campo dell'elettronica, in quanto permette la misurazione della resistenza elettrica (ovvero la tendenza di un corpo ad opporsi al passaggio della corrente elettrica). Questa ha varie funzionalità,...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere un calibro a corsoio

Il calibro è uno strumento molto utilizzato soprattutto nelle officine meccaniche, per eseguire misure di lunghezza oppure di larghezza o profondità. Seppur sia uno strumento meccanico di misurazione, ha un grado di precisione sbalorditivo. In commercio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.