Come cambiare l'acqua a un acquario marino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Tutti coloro, che hanno la passione per gli acquari, e hanno intenzione di comprarne uno in futuro, devono essere coscienti, di alcuni aspetti al riguardo. Il primo di questo, è che chiaramente, così come un natura, esistono due tipologie di pesci, quelli di acqua dolce, e quelli di acqua salata. Così è anche per gli acquari stessi, esistono acquari di acqua dolce e di acqua marina. Fondamentalmente non cambia nulla dall'aspetto strutturale dell'acquario, dato che sarà sempre composto da pareti in vetro temperato spesso. Ma ovviamente, è il contenuto quello che cambia, quindi si parla di flora e fauna differente. Proprio per questo motivo, entrami hanno bisogno di manutenzione anche differente. Uno di questi casi di manutenzione, è chiaramente il cambio dell'acqua. Ecco perché, in questa guida, cercheremo di spiegarvi nel miglior modo possibile, ed esauriente, come cambiare l'acqua, a un acquario marino.

25

Occorrente

  • Tubo di gomma di circa 1,5 m - 2 m
  • Secchiello contenitore
  • Acqua salata per acquario
  • Spugnetta lava vetri
35

Innanzitutto, mi piacerebbe iniziare col darvi un consiglio al riguardo. È veramente molto importante effettuare il cambio d'acqua nell'acquario, ma non in maniera frequente. Poiché se effettuato troppe volte in un determinato periodo, potrebbe causare la morte sia dei pesci che lo abitano, che di tutti i microrganismi. Quindi, se si vuol mantenere sempre pulito l'acquario, consigliamo un cambio parziale dell'acqua, e non totale. Di solito, è preferibile cambiarne circa il venti o venticinque percento. Premesso ciò, dobbiamo assicurarci di avere tutto il materiale.. Quindi una volta ottenuto, potremo cominciare con il nostro lavoro di manutenzione.

45

Dunque, prendiamo il nostro tubo di gomma, ed il secchiello per l'acqua. Inseriamo un lato del tubo dentro l'acqua dell'acquario. A questo punto, una volta che abbiamo posizionato sotto il nostro piano di lavoro, il secchiello per l'acqua, potremo asportare l'acqua. Per far si che l'acqua sgorghi da sola, dovremo ricorrere alle leggi fisiche. Quindi dall'estremità del tubo, che è fuori dall'acquario, dovremo esercitare un risucchio con la bocca. È consigliabile non far arrivare l'acqua fin dentro la nostra cavità orale, poiché potrebbe contenere batteri. È importante tenere l'estremità al di fuori dell'acquario, sempre al di sotto dell'estremità all'interno, così sarà in grado di scorrere da sola. Arrivati a questo punto, attendiamo che l'acqua arrivi al punto da noi prestabilito.

Continua la lettura
55

Una volta giunti a questo punto, potremo approfittare che l'acquario sia parzialmente vuoto, per eseguire delle pulizie sul vetro. Chiaramente senza utilizzare alcun prodotto, con un spugnetta, passiamo leggermente senza graffiare il vetro. Successivamente alla pulizia del vetro, potremo riempire nuovamente il nostro acquario, con l'acqua salata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come misurare il PH in un acquario

Un acquario grande e ricco di pesci presuppone una grande cura da parte del suo proprietario. Egli dovrà infatti, necessariamente, tenere sotto controllo la temperatura, la limpidezza dell'acqua, il suo livello di acidità/basicità, per far sì che...
Altri Hobby

Come creare un finto acquario con barattoli o bottiglie

Se intendete creare un acquario finto, lo potete fare in diversi modi, ed un metodo particolarmente ingegnoso ed originale, è quello di sfruttare barattoli o bottiglie, inserendo all'interno dell'acqua e alcune pietre colorate. Per quanto riguarda invece...
Altri Hobby

Acquario: manutenzione e pulizia

L'acquario è l'habitat naturale per i pesci che vivono in cattività. I pesci rossi sono piuttosto semplici da curare, non richiedono particolari manutenzioni, per cui la pulizia si può limitare al solo cambio dell'acqua. L'acquario tropicale, invece,...
Altri Hobby

Come montare un sifone per acquario

Se avete un acquario tropicale per pulirlo a fondo, è importante eseguire un cambio parziale dell'acqua con relativa pulizia della ghiaia e del filtro. Oggi in commercio esiste tuttavia un sifone specifico che consente di ottimizzare il risultato con...
Altri Hobby

Come fertilizzare le piante dell'acquario

Chi non vorrebbe un bell'acquario pieno di pesci tropicali? Per molti rappresenta un sogno! Ancora meglio, un acquario pieno di pesci e piante rigogliose. Mica vorrete usare delle orribili piante finte, vero? Come per le piante da terra, però, anche...
Altri Hobby

Le migliori pietre per l'acquario

Se ci apprestiamo ad allestire un acquario tropicale dovendo inserire delle pietre, è importante sapere che in natura ce ne sono tantissime compatibili con questo ecosistema. Si tratta in genere di materiali granitici e di origine vulcanica, disponibili...
Altri Hobby

Come realizzare un bouquet in stile marino

Rotondo, voluminoso, a cascata, composito o a mazzolino, il bouquet è un accessorio indispensabile per la sposa. L'accompagna all'altare, ne impreziosisce l'abito, l'acconciatura e si amalgama al tema della cerimonia. In altre circostanze, si può rivelare...
Altri Hobby

Come scegliere il fondo per un acquario

Un acquario può diventare un meraviglioso e sorprendente elemento di arredo per un appartamento moderno ed affascinante. Curare un acquario con tanti pesci colorati è rilassante ed interessante, e di certo un acquario curato e ben decorato può veramente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.