Come capire se una lampadina è bruciata

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Azionando l'interruttore della luce di una stanza, di una lampada, o di qualsiasi altro punto luce a nostra disposizione, può capitare che la luce non si accenda o che si accenda per pochi istanti e dopo un leggero scoppio si spenga definitivamente. In questo caso supporre che la lampadina si sia fulminata non è complicato, ma nel primo caso, quando semplicemente la luce resta spenta, come possiamo capire se effettivamente la lampadia è bruciata ?


Con le vecchie lampadine ad incandescenza non era difficile comprendere quando la stessa fosse bruciata. Bastava metterla in contro luce per notare la rottura del filamento.

Le lampadine di nuova generazione, per lo più opaline, sono quasi impossibili da controllare mediante una semplice occhiata in trasparenza, soprattutto per l'assenza del filamento ed anche per il vetro opaco che contraddistingue la maggior parte delle attuali lampadine a risparmio energetico in circolazione.

Spesso il malfunzionamento di una lampadina, inteso come la sua mancata accensione, può dipendere da un banale errato avvitamento al supporto o dal malfunzionamento del portalampade in cui viene inserita. Questo può costarci la sostituzione di una lampadina funzionante qualora non fossimo in grado di determinarne autonomamente la rottura.

Per evitare di dover necessariamente ricorrere all'aiuto di un tecnico elettricista, cerchiamo di imparare a determinare da soli lo stato delle nostre lampadine malfunzionanti per capire quando è il caso di sostituirle.

27

Occorrente

  • Multimetro analogico o digitale
  • Portalampade funzionante
37

Tracce visibili di malfunzionamento

In caso di malfunzionamento delle lampadine di nuova generazione non sempre è possibile riscontrare difetti o tracce visibili che ne determinino il malfunzionamento, se escludiamo il semplice fattore di non accensione. In svariati casi, però, è possibile riscrontrare dei difetti visibili a occhio nudo che caratterizzano lo stato di "bruciatura". Tra i più comuni notiamo l'annerimento dell'opale; la presenza di aloni scuri disomogenei all'interno della lampadina; l'ingiallimento in prossimità della filettatura di collegamento al portalampade. In alcuni casi è possibile determinare la rottura di una lampadina anche semplicemente agitandola per verificare che all'interno non siano presenti componenti distaccati e quindi tintinnanti (come può accadere in caso di lampadine a led composte da piccoli elementi elettronici).

47

Cause di danneggiamento

Generalmente le lampadine sono soggette a rotture dovute ad urti accidentali durante la pulizia o il montaggio e smontaggio di plafoniere, lampade o lampadari. Non di rado possiamo riscontrare veri e propri difetti di fabbricazione. Possono influire nel danneggiamento delle nostre lampadine domestiche anche forme di infiltrazione di umidità localizzate in punti specifici della casa o dovuti a perdite d'acqua all'interno delle pareti. La condensa dovuta a vapori acquei presenti negli ambienti di bagno e cucina potrebbero agevolare il cortocircuito di componenti di scarsa qualità o portalampade male isolati.

Continua la lettura
57

Verifica del malfunzionamento

Quando segni di bruciatura nella lampadina non sono visibili ad occhio nudo viene solitamente impiegato un multimetro analogico o digitale (tester) per determinare lo stato di efficienza della conducibilità elettrica dei componenti, ma se non si possiedono lo strumento in questione o le capacità adatte ad utilizzarlo, possiamo impiegare un metodo molto più semplice e logico, per testare la nostra lampadina.

Basterà montare la lampadina difettosa su di un portalampada funzionante che presenti lo stesso attacco della lampadina difettosa. In questo caso potremo avvalerci di una lampada già presente in casa. Assicurandoci che la lampada funzioni correttamente, provvediamo a svitare la lampadina funzionante dopo averla spenta, per poi avvitare la lampadina difettosa o bruciata, in modo da avere l'assoluta certezza che il problema non sia riconducibile al portalampade da cui è stata rimossa in precedenza o ad altro genere di malfunzionamento elettrico. Se la lampadina difettosa resta spenta anche all'interno del portalampade sicuramente funzionante allora potremo ritenerla da sostituire.

Ne avremo ulteriore riprova quando, montando la lampadina nuova all'interno del portalampade originario, si accenderà escludendo quindi difetti al portalampada che ospitava la nostra lampadina difettosa.

Se il fenomeno di fulminazione dovesse ripetersi assicuriamoci che non ci siano tracce di umidità o altri agenti esterni sfavorevoli al corretto funzionamento della lampadina e favorevoli a possibili corto circuito.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

5 passi per sostituire una lampadina in sicurezza

Spesso, a causa di vari sbalzi di tensione, di forti temporali, di problemi legati alla corrente e di varie complicazioni ai circuiti della corrente elettrica, le lampadine possono facilmente fulminarsi, ed è necessario cambiarle in estrema sicurezza...
Casa

Come svitare una lampadina rotta

Questo tutorial ha l'obiettivo di dare dei consigli su come imparare a svitare una lampadina rotta. A volte può capitare che una lampadina scoppia oppure che, una volta fulminata, andandola a svitare dall'alloggiamento il vetro si rompe e resta la parte...
Casa

Come creare una lampadina fosforescente

Le lampadine fosforescenti sono ideali per un utilizzo interno poiché sfruttano le sorgenti di luce generale rilasciandole, dopo averle immagazzinate, di notte oppure in condizioni di scarsa illuminazione. Questo principio, infatti, viene solitamente...
Casa

Come capire se un calorifero é efficiente

È facilmente intuibile che in una casa una delle prime regole è il risparmio. Ma come si fa a risparmiare, per esempio sul riscaldamento? Innanzitutto, dobbiamo dire che con qualche piccolo accorgimento si può migliorare l'efficienza del nostro impianto....
Casa

Come sostituire la resistenza al ferro da stiro

In una serata tranquilla, mentre stiamo con calma stirando i vestiti puliti, ad un tratto, il ferro da stiro si raffredda. Non vuole più saperne di riscaldarsi! Oppure vogliamo riutilizzare una vecchio ferro da stiro, in disuso ma funzionante, senza...
Casa

Come sostituire le lampadine dei faretti

In molte case, soprattutto quelle moderne, presentano i faretti in molti posti della casa. Anche le lampadine dei faretti come le classiche si bruciano. Quindi occorre sostituirle di tanto in tanto. La cosa spaventa molto le persone alla prima esperienza...
Casa

Come sostituire la lampada nel frigorifero

Quante volte ci sarà capitato di aprire il frigorifero e di trovarlo completamente al buio, subito ci viene da pensare che se ne sia andata via la luce ma poi ci accorgiamo che il problema riguarda la lampadina che non funziona più. Generalmente ogni...
Casa

Come cambiare le lampadine alogene

Uno degli aspetti più importanti nell'arredamento di una casa è sicuramente l'illuminazione. Esistono diversi parametri da rispettare, ad esempio un'illuminazione che si adatti bene all'interior design e che garantisca una buona qualità di illuminazione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.