Come carteggiare in punti critici a mano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le operazioni di carteggio costituiscono uno di quei processi meccanici atto a ripristinare una superficie liscia ed omogenea in grado di accogliere, successivamente, altre operazioni come stuccature, e verniciature. Il carteggio viene effettuato su una serie di superfici differenti, da quelle riguardanti muri, soffitti e pareti, a quelle dei metalli o ancora a quelle che interessano il settore della falegnameria in tutte le sue sfaccettature. Talvolta durante le operazioni di carteggio vi sono oggettivamente dei punti critici da raggiungere. Vediamo insieme come carteggiare i punti critici a mano.

26

Occorrente

  • Stecca in legno
  • Carta vetrata di diverse grane
36

Gli strumenti per carteggiare sono più di uno. Troviamo apposite apparecchiature come ad esempio l'orbitale, utilizzata sia in falegnameria che in carrozzeria. La materia prima per carteggiare e senza dubbio la carta vetrata. Sul mercato sono presenti diversi tipi di carta vetrata. Troviamo carta vetrata a grana grossa adatta per carteggiare e sgrossare in modo incisivo. Carta vetrata a grana media, più delicata della precedente e infine, carta vetrata a grana fine, utilizzata per levigare con dolcezza e rifinire le superfici.

46

In relazione ai vari passaggi di carteggio e alla superficie da trattare, si opterà per un certo tipo di grana piuttosto che un altra, fermo restando che per le operazioni finali di levigatura, è sempre preferibile adottare carta vetrata a grana fine. Per riuscire manualmente a levigare dei punti difficili sia su muro, legno o metallo, ci si avvale di supporti artigianali di facile realizzazione. Il supporto d'eccellenza è costituito da una stecca di legno di forma rettangolare.

Continua la lettura
56

In relazione alla zona da carteggiare ed al punto da raggiungere, si potranno costruire dei supporti in legno di varie dimensioni sui quali posizionare, in modo adeguato e stabile, il foglio di carta vetrata. La stecca in legno di forma rettangolare dovrà essere lunga circa 20 centimetri larga 5 ed alta 3 o 4 centimetri od anche più, in modo da consentirne un agevole impugnatura. Per rifinire e carteggiare spacchi e crepe sul legno, è consigliabile agire con la sola carta vetrata ripiegandola su se stessa. Per i muri e le superfici più estese la stecca in legno consente di raggiungere agevolmente anche angoli e nicchie. In alcuni casi, come ad esempio nella carteggiatura del metallo o lamiera, si potrà anche utilizzare oltre alla carta vetrata un po' d'acqua, mentre per il legno anche l'uso di pagliette di metallo sottili sarà utile per compiere alcune operazioni di rifinitura.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione a scegliere la carta vetrata della grana giusta

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come dipingere un mobile di legno senza carteggiare

Se in casa abbiamo un mobile che necessita di una ristrutturazione totale, in quanto si presenta piuttosto malconcio e soprattutto con delle superfici ruvide, possiamo ugualmente procedere senza tuttavia generare polvere, che si crea ad esempio se usiamo...
Casa

Come comandare l'accensione di una lampada da due punti diversi

Se volete comandare l'accensione di una lampada da due punti diversi di una stanza, ma non sapete come realizzare l'impianto, questa guida fa al caso vostro. Non è necessario spendere soldi per far realizzare il lavoro ad un esperto del settore. Con...
Casa

Come trasformare una vasca da bagno in fioriera

Quando gli oggetti all'interno di un appartamento si rovinano, si ha spesso la tendenza a gettarli via, sostituendoli con altri nuovi. L'arte del fai da te, però, vi consente di creare nuovi oggetti proprio con quelli usurati o che non utilizzate più...
Casa

Come Realizzare Un Tavolo Effetto Invecchiato

Molto spesso si ha il desiderio di avere un mobile o un tavolo antico in casa. Ebbene, non è necessario comprarne uno antico autentico, in quanto è possibile rendere un mobile o un tavolo verniciato color legno naturale, non trattato, in uno dall'effetto...
Casa

Come riorganizzare il guardaroba

Uno dei punti critici di ogni abitazione è senza dubbio il guardaroba; infatti, molto spesso in esso sono stipati indumenti ormai dimenticati che giacciono appallottolati tra cinture e foulard. Una struttura ordinata potrebbe invece rivelarsi una grande...
Casa

Come ricolorare un mobile

Ricolorare un mobile è un'operazione davvero molto semplice e divertente che consentire di dare nuova vita ad un vecchio mobile ormai inutilizzato. Ricolorando un mobile, infatti, si può adattare lo stesso allo stile della stanza in cui verrà inserito...
Casa

Come accorciare una porta in legno

Se hai fatto installare una nuova moquette o parquet in una stanza, allora potrebbe essere necessario accorciare la porta onde evitare che possa danneggiare la superficie a causa dello strofinio. Una moquette spessa, infatti, può impedire la corretta...
Casa

Come rinnovare lo schienale di una sedia

In tutte le case si possono trovare delle sedie imbottite, magari ormai vecchie e un po' rovinate.Vi sarà capitato di pensare di buttarle, ma sarebbe stato un errore in quanto sono sedie rimodernabili con semplici trucchetti e mosse, non spendendo nemmeno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.