Come carteggiare la vetroresina

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si eseguono dei lavori di riparazione, soprattutto sulle macchine o su pezzi di essa, il materiale più usato è certamente la vetroresina. Si tratta di un materiale chimico molto usato per questo tipo di lavori ma che richiede delle piccole accortezze e lavorazioni una volta indurito. La fibra di resina è un tipo di plastica impregnata di piccole fibre di vetro da rinforzo, nota anche con il nome di vetroresina. La vetroresina è leggera, forte sia in compressione che in tensione e facile da plasmare in forme complesse. È stata introdotta nel settore aeronautico e da allora ha guadagnato ampi consensi come materiale per gli scafi delle barche, per le carrozzerie e nell'edilizia residenziale. Le proprietà speciali della fibra di vetro la rendono un po' difficile da carteggiare ed imparare a scartavetrare la vetroresina richiede tanto lavoro di preparazione e molta pazienza. Vediamo insieme come carteggiare la vetroresina. Attraverso pochi e semplici passaggi, vi forniremo degli utili consigli in merito cercando di realizzare un lavoro a regola d'arte. Mettiamoci dunque all'opera.

27

Occorrente

  • Carta vetrata a grana fine e a grana grossa
  • Primer per fibra di vetro
  • Mastice in fibra di vetro
  • Una cera e uno sgrassatore per vetroresina
37

Assemblare i componenti

La prima cosa da fare è quella di lasciare la fibra di vetro al sole. Se lavorate con della vetroresina nuova, avrà un sottile strato di gelcoat sulla sua superficie. Il gelcoat è una resina epossidica o di composti a base di resina che viene utilizzata per allineare gli stampi quando si costruiscono componenti in vetroresina. Prima della levigatura, lasciate la fibra di vetro al sole per un periodo che può variare dai due ai sette giorni: questo processo permette l'eliminazione di eventuali sacche d'aria che potrebbero causare problemi in fase di levigatura e verniciatura. Assemblate i componenti in fibra di vetro, se possibile. Se il progetto è costituito da più componenti in vetroresina (come il corpo, le porte o il cofano di una macchina), montateli prima della levigatura e della rifinitura. Questo vi permetterà di scartavetrare contemporaneamente tutti i componenti, creando una superficie completamente liscia, senza dislivelli.

47

Levigare la superficie

A questo punto pulite l'intera superficie con una cera e uno sgrassatore. Usare questi prodotti è particolarmente importante quando si lavora con della vetroresina nuova, in quanto è necessario rimuovere la sostanza utilizzata per estrarre la componente dal suo stampo. La cera e lo sgrassatore possono essere acquistati da un rivenditore di ricambi per auto. Carteggiate la fibra di vetro con una carta vetrata a grana grossa. Per il primo passaggio di levigatura, utilizzate una carta a grana ottanta o cento. Per le zone più piccole invece utilizzate uno smeriglio in gomma che vi permetterà di seguire meglio le linee; lo stesso vale in caso di presenza di superfici intricate o con curve. Non scartavetrate mai della vetroresina che ha ancora lo strato di gelcoat, ciò causa due problemi: indebolisce la resistenza del componente, e crea fori nella vetroresina che causa delle spaccature nella vernice, più avanti. Il gelcoat dovrebbe fungere da guida durante la prima fase di sabbiatura. Occorre pertanto lavorare fin quando il rivestimento non risulterà opaco: nel momento in cui tutti i componenti avranno perso la loro naturale lucentezza, vuol dire che l'operazione di smerigliatura è andata a buon fine e che quindi il primer e il colore aderiranno perfettamente.

Continua la lettura
57

Applicare il primer

Riempite tutti i punti troppo bassi utilizzando un mastice in fibra di vetro. Lavorate il mastice e poi carteggiatelo finché l'area risulta a filo con il resto della superficie. In alternativa è possibile utilizzare dello stucco che andrà poi levigato così da rendere liscia la superficie. Applicate infine il primer per fibra di vetro e lasciatelo asciugare. Si sconsiglia l'utilizzo del mastice in quanto non aderisce alla vetroresina in maniera perfetta. Come ultima operazione carteggiate l'intera superficie con una carta vetrata a grana più fine, come la 180 o la 220. Chi lo preferisce può poi passare una nuova mano di primer o di vernice. Dopo ogni mano ricordate però di smerigliare. Per carteggiare la vetroresina non occorrono particolari abilità, basterà infatti avere un po' di accortezza e precisione seguendo i suggerimenti di questa guida che vi aiuteranno ad eseguire un lavoro pulito e apprezzabile. Durante tale operazione si consiglia di indossare occhiali protettivi e guanti per evitare di riportare danni. Non mi resta quindi che augurare buon lavoro.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come riparare superfici in vetroresina

La vetroresina liquida o solida si presta moltissimo per le riparazioni di oggetti della stessa natura; infatti, in circolazione ce ne sono tantissimi come ad esempio barche, paraurti di automobili oppure ripiani di mobili tipo il lavello o il piano...
Materiali e Attrezzi

Come riparare una piscina in vetroresina

Le piscine in vetroresina sono molto resistenti e perciò durano per molti anni se ci si prende cura di esse. In caso contrario saranno più suscettibili a danneggiamenti e richiederanno molto tempo per la loro riparazione. Se possedete una piscina in...
Materiali e Attrezzi

Come carteggiare il legno

Carteggiare il legno può rivelarsi essere un compito lungo e noioso, ma lo si può completare nella metà del tempo e con ottimi risultati semplicemente utilizzando gli attrezzi adeguati e seguendo alcuni metodi. Utilizzando pochi strumenti è possibile...
Materiali e Attrezzi

Come lucidare la vetroresina

La vetroresina rappresenta un materiale abbastanza resistente che viene particolarmente utilizzato per la realizzazione di differenti tipologie di oggetti. La vetroresina si tratta di un materiale sostanzialmente plastico, rinforzato mediante l'ausilio...
Materiali e Attrezzi

Come usare la vetroresina

La vetroresina è una tipologia di plastica la quale è rinforzata con il vetro. Esso può essere in forma di tessuti o tessuto non tessuto, impregnato con delle resine termo-indurenti, normalmente in forma liquida a base di vinilestere, epossidica o...
Materiali e Attrezzi

Come colorare la vetroresina

La vetroresina è un materiale particolarmente robusto utilizzato per realizzare molti oggetti tra cui mobili, paraurti delle auto e barche. Per tinteggiarla sono necessari però alcuni passaggi fondamentali affinché i colori attecchiscano. Colorare...
Materiali e Attrezzi

Come incollare il legno sulla vetroresina

Prima di iniziare il lavoro, è bene sapere che bisogna svolgerlo in un ambiente adeguato. Tutte le resine epossidiche devono essere esercitate quando la temperatura ambientale è fra i 15 e i 25 gradi. Una temperatura troppo bassa, può dare dei mutamenti...
Materiali e Attrezzi

Come scollare adesivi dalla vetroresina

A tutti è capitato di chiedersi quale sia il sistema più efficace per rimuovere gli adesivi dalla vetroresina. Spesso si tratta di souvenir dei ruggenti anni '80, decisamente rovinati, scoloriti e fuori moda, che non se ne vogliono più andare, restando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.