Come centrare una ruota di biciclette

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Compriamo una bicicletta usata ma ci rendiamo conto che, anche se a prima vista sembrava a posto, la ruota non è molto dritta. Oppure dopo anni che la usiamo, saltiamo dal marciapiede e prendiamo dei fossi per strada le ruote della nostra bici non sono più dritte come all'inizio e andiamo tutti storti. Non vogliamo però portarla dal biciclettaio perché non vogliamo spendere, per cui decidiamo di risistemarci da soli le ruote della nostra bicicletta.
In questa guida vedremo come centrare la ruota delle biciclette: non è un lavoro tecnicamente difficile, ma lungo e noioso. Per cui prendetevi un pomeriggio intero e armatevi di pazienza, molta pazienza!

29

Occorrente

  • chiave inglese da 3-4 mm
  • dima o metro
  • alette di carta
39

Prendiamo la nostra bicicletta e capovolgiamola. Osserviamo le ruote non lateralmente ma in linea con esse e facendole girare manualmente, in modo da verificare se sono dritte. Se il risultato non ci soddisfa allora rimuovere la camera d'aria e il copertone, in modo da lavorare sullo scheletro della ruota spoglia, cosa che agevolerà moltissimo il lavoro.

49

Prima di spiegare come fare, osserviamo un attimo la nostra ruota, altrimenti sarà difficile capire dove agire. L'elemento che ci interessa sono i raggi, che partono dalla flangia nel mozzo e si innestano poi nel cerchio della ruota, in cui risultano tenuti in tensione dai nottlini filettati.
Occorre poi osservare che esistono raggi sinistri, che si innestano sulla parte sinistra della flangia, e raggi destri, viceversa.

Continua la lettura
59

Ora analizzate raggio per raggio. Fatelo vibrare per capire se è lento oppure ben teso: se il suono è acuto allora va bene, il raggio è ben teso, se invece il suono è più cupo e sordo allora risulta essere lento. Ogni volta che incontrate un raggio lento prendete la vostra chiave inglese e ruotate in senso orario per aggiungere tensione, di un quarto di giro per volta. Provate a "risuonare" il vostro raggio e ripetete l'operazione finché il suono non sarà acuto.

69

A questo punto dovreste ricontrollare la centratura laterale. Se non disponete di un calibro, potrete utilizzare delle semplici alette di carta da porre a distanza ravvicinata dalla ruota. Fatela girare: se toccherà l'aletta destra allora la ruota è spostata a destra, se invece tocca quella sinistra è spostata a sinistra.
Nel caso sia spostata verso destra, dovrete aumentare la tensione dei raggi sinistri per spostare la ruota verso quella direzione, sempre di un quarto di giro per volta. Verificate bene in quale punto la ruota tocca l'aletta, perché non dovrete agire su tutti i raggi sinistri ma solo su quelli immediatamente precedenti e successivi al punto di contatto. Viceversa se invece tocca a destra.
Ripetete la prova per vedere se la centratura laterale ora va bene, altrimenti continuate ad agire sui raggi finché non avrete raggiunto il risultato desiderato.

79

Controllare la campanatura senza dima è invece piuttosto complicato, ma potrete comunque prendere le misure semplicemente con un metro: smontate la ruota e misurate esattamente, al millimetro, la distanza che intercorre tra il cerchio in un punto e il suo esatto opposto passando sopra il mozzo. La ruota pende verso il lato in cui la misura risulta essere minore.
Se la ruota tende a destra, dovrete fare un quarto di giro in senso orario a tutti i nippolini del lato sinistro, viceversa se la ruota tende a sinistra. Ripetere la misurazione e, se non siete soddisfatti, la regolazione. Se un quarto di giro fosse troppo, allora agite con sezioni di giro ancora più ridotte.

89

Infine controllate la campanatura orizzontale. Prendete un aletta di carta e ponetela a brevissima distanza dal cerchio, non lateralmente ma verso l'alto. Fate girare la ruota: se si allontana o tocca l'aletta allora la ruota non è perfettamente tonda ma è ovalizzata.
Nei punti in cui la ruota tocca l'aletta i raggi sono meno tesi che altrove, per cui dovete fare un quarto di giro in senso orario ai due raggi immediatamente precedente e successivo al punto di contatto: è un raggio destro e un raggio sinitro. Se la ruota si allontana, invece, dovrete fare un quarto di giro in senso antiorario, perché in quel punto i raggi sono più tesi, sempre al raggio destro e al raggio sinistro immediatamente precedente e successivo.
Ripetete l'operazione finché la ruota non risulta a filo dell'aletta, senza mai toccarla e senza mai allontanarsene.

99

Infine, ripetete tutte le operazioni: centratura laterale, campanatura e centratura orizzontale, finché non otterrete il giusto compromesso in tutte e tre le situazioni.
Quando sarete soddisfatti potrete rimontare camera d'aria e copertone e, una volta opportunamente gonfiata, rigirare la vostra bici, ora con le ruote perfettamente dritte.  

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come costruire una rastrelliera per biciclette

L'utilizzo del biciclo o come meglio dire della "famosa" bicicletta, già da parecchi anni è entrata nella nostra quotidianità e la troviamo infatti in quasi tutti gli appartamenti italiani e non. Ma questo velocipede nonostante sia molto richiesto...
Materiali e Attrezzi

Come misurare la ruota di una bicicletta

Sostituire la ruota della propria bicicletta è un’azione molto comune e spesso indispensabile per la corretta manutenzione del proprio mezzo. Il lavoro potrebbe però essere meno semplice di quello che sembra, bisogna innanzitutto sapere come misurare...
Materiali e Attrezzi

Come dimensionare una ruota dentata

Se abbiamo l'hobby per la meccanica, e magari intendiamo realizzare con un tornio da banco una ruota dentata oppure rettificarne una simile, per essere sicuri che a lavoro ultimato ingrani perfettamente con i pignoni di altre ruote, è necessario controllare...
Materiali e Attrezzi

Come allentare i bulloni della ruota dell'automobile

Può capitare di dover allentare i bulloni delle ruote dell'auto in caso di foratura dello pneumatico, per un controllo dei freni o per altre riparazioni. Ecco allora che si pone il problema di smontare i bulloni e in caso di foratura vanno proprio tolti...
Materiali e Attrezzi

Come regolare i raggi della bici

Accade di rado - le ruote delle bici tendono a durare molti anni prima di aver bisogno di questo tipo di manutenzione - ma potrebbe capitare che, tirando fuori la bici dal garage vi accorgiate che una o entrambe le ruote siano storte. Non è necessariamente...
Materiali e Attrezzi

Come realizzare una carriola in legno

Dalle antiche origini, la carriola in legno è utile in terrazzo come nei terreni agricoli. Graziosa fioriera per il giardino oppure simpatico porta-vaso, si presta a molteplici scopi. È ideale per il trasporto degli attrezzi da lavoro oppure come gioco...
Materiali e Attrezzi

Consigli di calibrazione di una bussola analogica

Se abbiamo una bussola vecchio tipo ovvero analogica, quindi con il classico ago magnetico, è importante affinché funzioni correttamente calibrarla, e per fare ciò è necessario trattarla praticamente come un orologio; infatti, ci sono alcuni piccoli...
Materiali e Attrezzi

Come costruire uno stendibiancheria in metallo

Non tutti noi abbiamo a disposizione uno spazio esterno alla casa dover poter appendere la nostra biancheria lavata. Siamo limitati soprattutto d'inverno, quando per via dei mal tempo siamo costretti per forza a stenderla in casa. Ciò ci costringe a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.