Come collegare un raccogli foglie ad un pluviale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando una casa si trova in prossimità di un zona alberata, può nascere il problema non trascurabile legato alle foglie che specie in autunno tendono ad intasare il pluviale, impedendo di conseguenza il corretto smistamento delle acqua piovane. Per intervenire in modo corretto, è necessario quindi collegare all'impianto un raccogli foglie. In riferimento a quest'ultimo, nei passi successivi ne descriviamo forma e dimensione, e soprattutto come avviene l'installazione.

25

Occorrente

  • Raccogli foglie rettangolare
  • Gomito in PVC
  • Stucco epossidico
  • Silicone
35

Come si evince dalla foto introduttiva, il raccogli foglie che è disponibile nei negozi che vendono prodotti per l'edilizia o per la termoidraulica, ha una forma rettangolare. Inoltre, si compone di una cassetta in PVC dotata di griglia di chiusura con all'interno un vaso sempre dello stesso materiale, che serve per raccogliere proprio le foglie. La caratteristica principale di questa speciale cassetta, è tuttavia evidenziata in un apposito sportellino che al passaggio delle acque si chiude, come una sorta di valvola antiriflusso, impedendo quindi alle foglie di incanalarsi nel pluviale ed intasarlo irrimediabilmente.

45

Per fissare il raccogli foglie su una pavimentazione preesistente di un terrazzo, è dunque necessario praticare un foro in corrispondenza proprio della colonna pluviale, che conduce l'acqua piovana al piano terra in direzione dell'apposito pozzetto. La foto annessa a questo passo, sintetizza quanto sin qui descritto, per cui possiamo procedere con l'innesto all'interno del tombino appena creato del raccogli foglie. Il tombino ovviamente deve avere la medesima profondità della cassetta raccogli foglie, in modo che il tutto venga a trovarsi perfettamente a livello della pavimentazione, e senza pericolose ed antiestetiche sporgenze.

Continua la lettura
55

La posa di questo importante accessorio è piuttosto semplice; infatti, dopo aver inserito all'interno della botola un gomito in PVC collegato alla tubazione verticale del pluviale preesistente sulla corona del gomito stesso (radente alla pavimentazione), si imbocca poi con quello che si trova sottoposto al raccogli foglie. Fissando quest'ultimo con dei fischer, e sigillandone le giunture con dello stucco epossidico del tipo utilizzato per le fughe dei pavimenti o con del silicone, si viene a completare il lavoro. In tal modo, si ha la certezza che le foglie nell'autunno successivo non creeranno più intasamenti del pluviale, e quindi eviteranno i periodici allagamenti a cui ci eravamo abituati a convivere.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come installare un pluviale circolare

Se per la nostra casa e precisamente in prossimità del tetto, intendiamo installare un pluviale per la raccolta e lo smistamento delle acque piovane, è importare sapere che in commercio oltre ai vecchi modelli dalla tipica forma ad imbuto, ce ne sono...
Materiali e Attrezzi

Come sostituire un pluviale in rame

Se all'esterno della nostra casa notiamo che quando piove l'acqua anzichè convergere nel pluviale, fuoriesce all'esterno dell'apposito convogliatore in rame (a forma di imbuto), non è difficile capire che si tratta di una lesione o di un foro, per cui...
Materiali e Attrezzi

Come installare un pluviale su una parete di cemento

Dopo aver installato una grondaia, è necessario montare anche i pluviali discendenti per non vanificare tutto il lavoro. Hanno infatti il compito di allontanare le acque meteoriche dal tetto e dalle pareti, convogliandole in un pozzetto di ispezione,...
Materiali e Attrezzi

Come installare una prolunga flessibile sul pluviale

Se abbiamo intenzione di ripristinare un pluviale, senza spostare il vecchio pozzetto ubicato sul terrazzo, possiamo rimediare aggiungendo una prolunga. Nello specifico si tratta di utilizzarne una di tipo flessibile che è possibile tenere a vista,...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare un pluviale di alluminio

Un pluviale è quello che comunemente viene definito "grondaia", ed è utile per la raccolta delle acque piovane nei periodi di pioggia. In questo modo l'acqua non cade liberamente dal tetto e viene raccolta mediante il tubo di cui si compone il pluviale,...
Materiali e Attrezzi

Come inserire il pluviale in un pilastro

I pluviali sono tubi che permettono di raccogliere le acque del tetto e di convogliarle nella fognatura bianca o in appositi pozzetti di dispersione. C'è anche chi riutilizza le acque bianche per annaffiare le piante del giardino. Nella maggior parte...
Materiali e Attrezzi

Come collegare un tubo dell'acqua a una grondaia

Collegare il tubo dell'acqua alla grondaia può essere utile per molteplici scopi. Ad esempio può essere importante per drenare l'acqua e farla scorrere verso una zona adibita per tale scopo; un altro fine può essere quello di utilizzare l'acqua che...
Materiali e Attrezzi

Consigli per la scelta di un pluviale in pvc

L'acqua piovana rappresenta una della maggiori cause d'infiltrazione nelle nostre case ed è quindi importante progettare un ottimo sistema per incanalarla. Proprio a questo servono i pluviali (comunemente chiamati grondaie) che con il loro opportuno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.