Come colorare con ossidi e pigmenti in polvere una superficie smaltata

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se in soffitta abbiamo trovato un vecchio vassoio smaltato oppure un piatto particolarmente decorato, possiamo colorarlo utilizzando invece delle tradizionali tempere o altre vernici acriliche, dei prodotti naturali ricavati dall'ossidazione di diversi materiali, e da sedimenti presenti in pietre e terreni. In riferimento a ciò, nei passi successivi di questa guida, vediamo dunque come colorare con ossidi e pigmenti in polvere una superficie smaltata.

25

Occorrente

  • Ossido di rame e di zolfo
  • Talco
  • Polvere di mattoni rossi
  • Pigmenti di tufo
  • Vernice finale per quadri
  • Pennelli
35

Se l'oggetto da colorare è di rame e si presenta particolarmente nerastro, lo ripuliamo dal suo naturale aspetto rosaceo con della tela abrasiva. In tal modo recuperiamo la polvere ossidata, che opportunamente mescolata in un solvente a base di lacca, del tipo utilizzato come vernice finale per quadri, ne ricaviamo una tintura ideale per colorare il disegno che ci apprestiamo a realizzare sul vassoio, una volta diventato lucido.

45

Se dunque intendiamo procedere con un disegno direttamente sul color rame, allora con una matita lo abbozziamo, e poi con il suddetto ossido di rame, della terra d'ombra, dell'ossido di zolfo (giallastro) e delle tonalità grige o bianche ricavate da alcune pietre, otteniamo i colori necessari per riempire gli interni del disegno. Successivamente scegliamo le tinte che maggiormente si adattano, specie se si tratta di fiori e piante, dove in genere a prevalere sono il verde, il marrone ed altre tonalità vivaci. Se invece abbiamo un vassoio a cui intendiamo cambiare totalmente l'aspetto, quindi ricoprendolo per intero con una tinta unica e poi provvedendo alla colorazione del soggetto disegnato, allora bisogna procedere nel seguente modo. Innanzitutto, il vassoio illustrato nella foto principale, si presenta con una tinta di fondo bianca e azzurra, quindi possiamo usare del talco e poi aggiungiamo anche un pizzico di tempera del colore celeste. A questo punto, quando la tonalità ci soddisfa, allora procediamo con la totale copertura del vassoio.

Continua la lettura
55

Adesso in attesa dell'essiccazione, provvediamo a racimolare ossidi e pigmenti tali da assicurarci una vasta gomma di colori naturali, che raggruppati su una tavolozza, man mano misceliamo con acqua, oppure con della lacca trasparente. Tra quelli disponibili nei colorifici e alcuni reperibili in terreni di montagna o da sassi e pietre grattugiate, riusciamo quindi ad ottenere il verde e l'arancione, quest'ultimo recuperandolo ad esempio dai mattoni in gres. Con l'intera gomma di colori a disposizione e l'aggiunta di ossidi naturali di metalli, la nostra tavolozza è davvero completa per colorare una superficie smaltata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come decorare la ceramica smaltata

Avete un vaso di ceramica smaltata ma vorreste cambiare il disegno per avere qualcosa di nuovo oppure avete creato con le vostre mani un oggetto in ceramica e adesso vorreste decorarlo con degli smalti per renderlo ancora più bello ma non avete idea...
Bricolage

Come decorare un set di latta smaltata in stile Novecento

L'ambiente domestico è costituito da una miriade di elementi che ne rendono l'atmosfera unica e personalizzata. Ognuno di noi in base alle proprie passioni, agli interessi e alla propria storia tende ad arredare e sistemare la propria abitazione nella...
Bricolage

Come decorare con la polvere da rilievo

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori più appassionati del metodo del fai da te ed anche del metodo del bricolage, per capire come è possibile decorare, con l'utilizzo della polvere da rilievo. Anche grazie al fai da te, saremo...
Bricolage

Come decorare i barattoli di vetro con la polvere colorata

Quante volte, dopo aver finito la marmellata, si lava il barattolo pensando che possa essere ancora utile? Beh, i barattoli usati possono essere riciclati per fare altre conserve oppure per realizzare dei porta oggetti colorati e personalizzati. Ecco...
Bricolage

Come forare una superficie di ceramica

Dispiace sempre dover forare la ceramica, ma a volte bisogna farlo. Capita quando installiamo un lavandino, fissiamo una lampada alla parete del bagno o cucina e così via. La ceramica esiste in commercio con spessori differenti che ne determinano maggiore...
Bricolage

Come Miscelare Dovutamente La Polvere Di Gesso

La polvere di gesso rappresenta lo strumento davvero ideale per eseguire tanti lavori originali, usando magari degli stampini di silicone, ovvero quelli che servono solitamente per fare i dolci. Ma questo tipo molto particolare di polvere va miscelata...
Bricolage

Come colorare i mandala

Colorare i mandala è un'attività benefica per la mente. Disegnare e colorare i mandala è un prendersi dei momento solo per se stessi e attivare la concentrazione. Colorare i mandala aiuta a migliorare la capacità d'attenzione, la memoria e la creatività....
Bricolage

Come cuocere l'argilla con la polvere di legno

L'argilla dopo essere stata lavorata, cioè dopo aver creato il pezzo. Deve seguire alcuni passaggi fondamentali per dirsi finita, tali passaggi sono diversi a seconda che si voglia realizzare una terracotta grezza, o un pezzo decorato e smaltato. Il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.