Come coltivare carote in casa o in giardino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il modo migliore per sopravvivere al caro vita e mangiare sano è quello di coltivare da sè il proprio cibo, magari in casa. Le carote, per esempio, si possono coltivare in vaso o in giardino: se si ha la fortuna di averne uno abbastanza grande, lo si può sfruttare al massimo, ma in mancanza di esso, è possibile improvvisare un piccolo orto anche se si possiede una veranda o un balcone. La carota è sicuramente tra le più indicate da coltivare e, in questa guida, vedremo come fare.

27

Occorrente

  • semi di carote
  • vasi profondi o casse
  • terriccio
37

Per prima cosa ci si può recare in un negozio specializzato oppure in un qualsiasi centro commerciale ed acquistare una bustina di semi di carota. Prendendo poi un vaso profondo almeno 32-35 cm o una cassetta in legno o in plastica, si può praticare la semina. Se non si vogliono acquistare i contenitori, è possibile reperirli gratuitamente al mercato ortofrutticolo: infatti, basta chiedere ad un commerciante per ottenere una vecchia cassa di legno e modificarla a proprio piacimento. A questo punto non resta che riempire il contenitore scelto con del buon terriccio, ricco di materia organica e soprattutto ben drenato in modo da evitare i ristagni d'acqua che tendono a far marcire le radici.

47

Se la semina avviene in prossimità della stagione calda (aprile, maggio, giugno e luglio) bisogna optare per semi di una qualità "precoce", mentre se la semina avviene in inverno è opportuno acquistare i cosiddetti "tardivi". In ogni caso si può scegliere se seminare direttamente nel terriccio oppure far germogliare prima i semi con il metodo dello sprout box. Tuttavia in un modo o nell'altro, i semi devono essere distribuiti in fila e a distanza di almeno 2 cm l'uno dall'altro. La velocità di crescita dipende dalle temperature a cui la coltivazione viene esposta, le temperature più fredde ne rallentano di fatto la crescita.

Continua la lettura
57

Le carote devono essere irrigate periodicamente ma con moderazione, ovviamente il terreno non deve essere mai totalmente arido nè troppo umido. Se non si vogliono avere sorprese, conviene utilizzare dei concimi liquidi di natura organica per proteggere la coltivazione dalle insidie degli afidi e nei mesi più freddi conviene invece coprire il raccolto con un telone di plastica soprattutto nei periodi dove sono frequenti le gelate notturne. Il raccolto varia in relazione al periodo di semina per cui, se questa avviene nei mesi caldi ad esempio luglio, le prime carote commestibili si ottengono verso la fine di agosto. Il raccolto post periodo invernale, può invece avvenire proprio all'inizio della primavera se la semina è avvenuta verso la metà di febbraio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per avere più raccolti di fila, conviene fare più semine a distanza di 15-30 giorni l'una dall'altra.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il bambù nel proprio giardino

Il bambù è una pianta originaria delle zone tropicali e sub-tropicali, soprattutto dell'estremo oriente. Se ne conoscono molteplici specie; è proprio per questo che la sua altezza può variare da pochi centimetri, fino ad arrivare ad altezze imponenti....
Giardinaggio

Come coltivare un melo in giardino

La mela è uno dei frutti più apprezzati e che può essere consumato per tutto l'anno. Decidere di coltivare un melo nel proprio giardino significa poter mangiare frutti sani e deliziosi, nonché mettere alla prova il proprio pollice verde. Nella seguente...
Giardinaggio

5 ortaggi da poter coltivare senza fatica in giardino

Ci sono diversi ortaggi da poter coltivare in una parte del giardino, tutti gustosi e quindi ottimi per preparare deliziose pietanze, non tutti però sono semplici da coltivare, in quanto diversi di essi richiedono tempo e fatica, nonché il mantenere...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare aglio in casa o in giardino

Coltivare in casa qualsiasi prodotto è la migliore delle scelte. Potrete infatti risparmiare sulla spesa ma, soprattutto, saprete che quel prodotto è buono e privo di concimi chimici. Nella seguente guida vedremo come coltivare aglio in casa o in giardino....
Giardinaggio

Come coltivare agrumi sul terrazzo o in giardino

Originari dell'India e dell'Estremo Oriente, gli agrumi sono oggi ampiamente coltivati in tutta la fascia subtropicale del mondo. Attraverso piccole cure sarà possibile coltivare facilmente gli agrumi, sia sul terrazzo di casa che in giardino, dove,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare le fucsie da giardino

Se si è amanti del giardinaggio e si cerca una variante ai fiori profumati da piantare nel giardino oppure sui balconi e terrazzini questo tutorial è l'ideale. Infatti, leggendo la guida si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni...
Giardinaggio

Come coltivare more da giardino

Le more da giardino sono molto diffuse proprio perché non hanno bisogno di particolari cure e sono caratterizzate dall'assenza di spine. Una volta piantate regaleranno i loro ottimi frutti. Le more contengono sostanze antiossidanti e sono usati anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.