Come coltivare e come riconoscere le varie specie di abelia

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'Abelia è un tipo di pianta ornamentale, sempreverde, caratterizzata da un'abbondante fioritura e da un bellissimo fogliame. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come coltivare e soprattutto, come riconoscere le varie specie di Abelia, fornendovi tutte le informazioni necessarie su questa pianta, in modo da farla crescere nel miglior modo possibile. Vediamo quindi come procedere attraverso una serie di passi molto efficaci. Ovviamente si potranno chiedere, qualora ce ne fosse bisogno, ulteriori chiarimenti e consigli a dei professionisti del settore.

24

Di portamento cespuglioso, si presenta spesso in gruppi, ma è piacevole da coltivare anche isolato, un vaso. Le specie appartenenti al genere, non superano normalmente i due/tre metri, fatta eccezione appunto per l'Abelia Chinensis, che non raramente supera i quattro metri di altezza. Tra le specie di Abelia più conosciute, possiamo citare l'Abelia chinensis (Cina): si presenta sotto forma non compatta e tende ad allungarsi notevolmente. I fiori sono di un bel bianco rosato ed emanano un piacevole profumo; l'Abelia grandiflora: è in assoluto la specie più coltivata in Italia, dove è spesso confusa con l'Abelia chinensis. Presenta il vantaggio di essere più resistente delle altre specie, perché più rustica. Possiede rami sottili, con una forma leggermente ad arco, con foglie verde scuro, i fiori bianco rosato; l'Abelia floribunda (Messico): la specie forse più elegante, ma anche delicata. Sempreverde, presenta dei fiori rosa-cremisi.

34

Molto facile da coltivare, si tenga presente che ama molto il sole. Questo genere di pianta può anche sopportare brevi gelate, purché non siano eccessivamente fredde; in caso di inverni molto rigidi vi consiglio di coprire la parte interessata con agri tessuto e con della pacciamatura da mettere ai piedi della pianta, al fine di salvaguardarla da gelate eccessivamente intense.

Continua la lettura
44

Per quanto riguarda le irrigazioni, queste piante necessitano di annaffiature continue ed abbondanti, bagnando il terreno in profondità, durante l'estate; evitate, nei limiti del possibile, di lasciare asciugare completamente il terreno. Con l'arrivo dell'autunno bagnatele sporadicamente e sospendetele nella stagione invernale. A questo punto tutte le nozioni necessarie per poter riconoscere le varie specie di abelia sono stato elencate. Resta quindi noi cercare di distinguere le specie di questa pianta seguendo i passi di questa guida. Vi auguro quindi un buon lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riconoscere le principali specie di Cerambicidi

All'interno di questa guida, vi spiegherò come riconoscere le principali specie di Cerambicidi. Questo genere, che si rifà alla famiglia dei Coleotteri, comprende davvero innumerevoli specie, circa 25.000 secondo gli studi. La maggior parte di questi...
Giardinaggio

5 specie di orchidee rare da coltivare in casa

Le Orchideo sono divise in circa seicentocinquanta generi e oltre ventimila specie. Si tratta di un fiore molto bello, decorativo e molto utilizzato per fare un regalo al proprio partner e nei matrimoni. Sono anche dei fiori molto costosi, quindi vengono...
Giardinaggio

Come Riconoscere E Coltivare Hylocereus Undatus

Vogliamo proporre ai nostri lettori, una guida pratica e veloce, da mettere in pratica, nel mondo delle piante ed in particolar modo cercheremo di imparare insieme come e cosa fare per poter riconoscere e coltivare il Hylocereus Undatus, nel modo corretto...
Giardinaggio

Come riconoscere e coltivare la Feijoa

La Feijoa, chiamata anche Acca sellowiana, è un arbusto originario del Sudamerica. Essa è coltivata nell'Italia meridionale e nelle regioni dal clima temperato come la Toscana e la Liguria. È una specie sempreverde, arbustiva, cespugliosa a crescita...
Giardinaggio

come riconoscere e coltivare il carrubo

Il carrubo, albero sempreverde diffusamente presente soprattutto in Sicilia e Sardegna, appartiene alla famiglia delle Caesalpiniaceae. È una pianta dioica, ovvero che produce fiori solo maschili o solo femminili. In rarissimi casi entrambi i sessi si...
Giardinaggio

Come riconoscere e coltivare il Tricyrtis

La natura ci ha fornito una vastissima scelta di piante verdi, e tra esse troviamo quelle fiorifere, quelle a foglia caduca, le stagionali insieme alle sempreverdi, e ancora arbusti, piante grasse e molte altre tipologie. Tra le tante specie ne troviamo...
Giardinaggio

Come riconoscere e come coltivare l'albero dei fazzoletti

In un giardino quello che fa la differenza, che lo rende particolare, unico e diverso dagli altri, è senza dubbio la presenza di piante rare, inusuali, ma di notevole impatto visivo. Tra le tante varietà di piante particolari c'è l'albero del fazzoletto,...
Giardinaggio

Come Riconoscere E Coltivare L'Ananas Bracteatus

L'Ananas è una pianta erbacea che forma ampie rosette di lunghe foglie coriacee e spinose, tra le quali si erge, nel periodo estivo, un fusto carnoso che porta un'infiorescenza a pannocchia, destinata a trasformarsi in un'infruttescenza dal caratteristico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.