Come coltivare e curare un eschinanto

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le Eschinanto sono piante provenienti dalle zone tropicali delle Filippine e del sud-est asiatico, appartenenti alla famiglia delle Gesneriaceae. Le Eschinanto sono particolarmente apprezzate come piante d'appartamento, sia per i loro vivacissimi fiori, sia perché si prestano molto bene ad essere allevate in vasi sospesi. Sono caratterizzate da fusti piuttosto flessibili e sinuosi, rampicanti o ricadenti verso il basso. Le foglie sono posizionate a coppia lungo gli steli e presentano una forma ovale. L'efflorescenza dell’Eschinanto avviene durante la stagione estiva. I fiori possono variare dal giallo all'arancione, con toni di rosso o porpora. Sono contraddistinti da un aspetto grazioso, cilindrico e sono raccolti a mazzetti. Per coltivare un Eschinanto, sono necessari alcuni piccoli accorgimenti, che vi consentiranno di mantenere inalterato il suo aspetto e il suo vigore nel tempo. Leggete i suggerimenti della guida che segue e scoprirete come coltivare e curare questa pianta.

26

Occorrente

  • Ambiente umido, mite e soleggiato
  • Terriccio drenante, costituito da ¾ di torba ed ¼ di muschio
  • Argilla espansa (per mantenere umido l’habitat)
  • Concime liquido
  • In caso di cocciniglia: batuffolo di cotone, alcol etilico, antiparassitario specifico
36

La coltivazione dell’Eschinanto non è particolarmente difficile. L’unico aspetto di cui dovete tenere conto è la temperatura. Queste piante, infatti, amano il clima tropicale. Prediligono il caldo durante l’estate (28/30°C) e una condizione termica mite nelle stagioni fredde. La temperatura minima ottimale non deve mai essere inferiore ai 15°C. Potete posizionare l’Eschinanto anche all'esterno o in un’area ben illuminata, ma mai a diretto contatto con i raggi del sole. Ricordate, inoltre, che questa pianta teme i ristagni d’acqua. Optate per un terriccio drenante, costituito da ¾ di torba ed ¼ di muschio.

46

Provenendo dai paesi tropicali, l’Eschinanto predilige un ambiente umido. Per riprodurre il medesimo habitat, innaffiate la pianta regolarmente, specialmente durante l’estate. Inoltre dovete nebulizzare la chioma almeno una volta a settimana. Nella stagione fredda, invece, dovete ridurre le irrigazioni, assicurandovi che il terreno rimanga sempre umido. Cospargete il sottovaso con argilla espansa e bagnatelo regolarmente. L’acqua evaporerà, assicurando costantemente l’umidità intorno alla pianta.

Continua la lettura
56

Affinché l’Eschinanto si mantenga vigorosa e in salute, provvedete a concimarla solo in primavera e in estate. Dovrete semplicemente irrigarla una volta a settimana, con del concime liquido appositamente diluito. Sospendete la concimazione in autunno e inverno. L’Eschinanto può essere facilmente attaccato dalle cocciniglie. Per eliminarle, usate un batuffolo di cotone imbevuto di alcol. Quindi cospargetene le foglie con degli antiparassitari specifici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare e curare gli aceri

Probabilmente pur non conoscendone il nome e l'origine, tutti ci siamo fermati ad ammirare rapiti le splendide chiome infuocate degli aceri. Esistono moltissime varietà di questo suggestivo albero, capace di arrivare anche a raggiungere i 30 metri di...
Giardinaggio

Come coltivare e curare i pomodori

Il pomodoro è una pianta annuale i cui frutti sono alla base di molti piatti della cucina italiana, può essere coltivato in tutta Italia a partire dalle zone costiere meridionali fino ad arrivare sopra le Alpi. Resiste ad una temperatura compresa tra...
Giardinaggio

Come coltivare e curare una zamioculcas

Sono davvero tante le persone che decidono di dedicarsi al giardinaggio: in questo modo, infatti, è possibile poter tenere nel proprio giardino o sul proprio balcone delle piante particolari, magari anche da poter utilizzare in cucina per la preparazione...
Giardinaggio

Come curare la gerbera

La gerbera è una pianta da fiore particolarmente diffusa e utilizzata sia per gli interni che per gli esterni. Esistono in commercio una settantina di specie con caratteristiche differenti ed è coltivata sia per adornare le case e i giardini sia per...
Giardinaggio

Come curare il papiro

Il papiro è una specie molto antica che ricorda l'affascinante storia del popolo Egizio. Si tratta di una sorta di canna di palude che cresce in quelle zone dove vi è una presenza massiccia di acqua. Necessita della temperatura calda dell'aria: ciò...
Giardinaggio

Come piantare e curare le zucche ornamentali

Le zucche ornamentali sono degli ortaggi molto apprezzati per il loro succulento sapore. Sebbene vengono utilizzate per preparare svariate ricette sono famose per la loro particolare forma. A questo proposito si adoperano anche per decorare. Queste, infatti,...
Giardinaggio

Come curare le ortensie

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire ed imparare come poter curare le ortensie, nel modo migliore affinché possano essere ben fiorite e ricchi di colore. Le ortensie sono delle piante uniche e speciali, che possono essere...
Giardinaggio

Come curare le dalie

Le dalie sono piante dalle radici tuberiformi e con fiori dalle più svariate forme: a palla, cactus, globosi, pompon, a margherita, doppi e semplici. Le varietà nane, che raggiungono un'altezza massima di circa 30 cm, sono solitamente utilizzate come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.