Come coltivare e curare una zamioculcas

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Sono davvero tante le persone che decidono di dedicarsi al giardinaggio: in questo modo, infatti, è possibile poter tenere nel proprio giardino o sul proprio balcone delle piante particolari, magari anche da poter utilizzare in cucina per la preparazione di piatti sfiziosi, oppure semplicemente per adornare la propria casa. Una tra le piante maggiormente decorative e semplici da coltivare è sicuramente la zamioculcas. Si tratta di una pianta caratterizzata dalla bellezza del suo fogliame, che ha visto negli ultimi anni una rapida diffusione in Italia. Se volete scoprire, nello specifico, come coltivare e curare questa pianta, continuate nella lettura della guida che segue.

26

Occorrente

  • concime
  • forbici
  • terriccio
36

Ponete la pianta in un luogo non troppo freddo

Potete scegliere per la vostra pianta qualunque luogo e qualunque clima, in quanto essa è davvero molto resistente a tutte le temperature, fatta eccezione, però, per quelle che sono troppo fredde, in quanto potrebbe andare incontro a dei problemi anche abbastanza seri. Per far fiorire la zamioculcas ricordate che la stessa necessita di alcune condizioni particolari: la prima cosa che dovete fare sarà quella di riporla in un luogo che dovrà essere del tutto luminoso e, inoltre, occorre annaffiarla generosamente, soprattutto durante tutta la stagione calda. Ovviamente bisognerà prestare particolarmente attenzione ai ristagni d'acqua, specialmente se coltiverete la pianta in vaso, in quanto un eccesso di umidità potrebbe far marcire le radici portando alla morte le pianta.

46

Eliminate le parti danneggiate

Concimate dunque la pianta durante la primavera, cercando di diluire l'acqua, che utilizzerete per l'irrigazione, con l'utilizzo di un concime di buona qualità, avendo anche estrema cura di dimezzare le dosi. Subito dopo eliminate tutte quelle parti della pianta che risultano essere danneggiate e/o che sono secche, in maniera tale da poter evitare l'attacco da parte di parassiti, con conseguente grave danno per tutta la pianta. Nel caso in cui voleste provvedere alla sua moltiplicazione, sicuramente quella che avviene mediante la semina dei bulbi è la più semplice, ma anche la più lenta.

Continua la lettura
56

Prelevate le foglie con il picciolo

Ad ogni modo, è bene sapere che potete anche provvedere alla sua propagazione sia per seme che mediante talea di foglia. Tenete sempre ben presente, però, che i semi non sono facilmente reperibili. Qualora decideste per la propagazione per talea di foglia, dovrete prelevare le foglie con tutto il picciolo e provvedere a piantarle in modo verticale in un vaso, dove avrete anche provveduto a sistemare un composto formato da quantità uguali di abbia e torba. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Qualora decideste per la propagazione per talea di foglia, dovrete prelevare le foglie con tutto il picciolo e provvedere a piantarle in modo verticale in un vaso, dove avrete anche provveduto a sistemare un composto formato da quantità uguali di abbia e torba.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare e curare gli aceri

Probabilmente pur non conoscendone il nome e l'origine, tutti ci siamo fermati ad ammirare rapiti le splendide chiome infuocate degli aceri. Esistono moltissime varietà di questo suggestivo albero, capace di arrivare anche a raggiungere i 30 metri di...
Giardinaggio

Come coltivare e curare un eschinanto

Le Eschinanto sono piante provenienti dalle zone tropicali delle Filippine e del sud-est asiatico, appartenenti alla famiglia delle Gesneriaceae. Le Eschinanto sono particolarmente apprezzate come piante d'appartamento, sia per i loro vivacissimi fiori,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare i pomodori

Il pomodoro è una pianta annuale i cui frutti sono alla base di molti piatti della cucina italiana, può essere coltivato in tutta Italia a partire dalle zone costiere meridionali fino ad arrivare sopra le Alpi. Resiste ad una temperatura compresa tra...
Giardinaggio

Come curare la gerbera

La gerbera è una pianta da fiore particolarmente diffusa e utilizzata sia per gli interni che per gli esterni. Esistono in commercio una settantina di specie con caratteristiche differenti ed è coltivata sia per adornare le case e i giardini sia per...
Giardinaggio

Come curare il papiro

Il papiro è una specie molto antica che ricorda l'affascinante storia del popolo Egizio. Si tratta di una sorta di canna di palude che cresce in quelle zone dove vi è una presenza massiccia di acqua. Necessita della temperatura calda dell'aria: ciò...
Giardinaggio

Come piantare e curare le zucche ornamentali

Le zucche ornamentali sono degli ortaggi molto apprezzati per il loro succulento sapore. Sebbene vengono utilizzate per preparare svariate ricette sono famose per la loro particolare forma. A questo proposito si adoperano anche per decorare. Queste, infatti,...
Giardinaggio

Come curare le ortensie

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire ed imparare come poter curare le ortensie, nel modo migliore affinché possano essere ben fiorite e ricchi di colore. Le ortensie sono delle piante uniche e speciali, che possono essere...
Giardinaggio

Come curare le dalie

Le dalie sono piante dalle radici tuberiformi e con fiori dalle più svariate forme: a palla, cactus, globosi, pompon, a margherita, doppi e semplici. Le varietà nane, che raggiungono un'altezza massima di circa 30 cm, sono solitamente utilizzate come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.