Come coltivare e mantenere la pianta del mandarino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quella del pollice verde può essere considerata come una naturale attitudine dell'uomo nei confronti della coltivazione. Ovviamente la passione per il mondo della flora non basta per ottenere delle coltivazioni rigogliose. Occorre anche possedere le giuste conoscenze specifiche per avere dei risultati ottimali. In questa guida avremo l'opportunità di vedere come coltivare una pianta che offre dei frutti tipici del mediterraneo. Infatti vedremo come coltivare in maniera efficace e mantenere al meglio la pianta del mandarino. Prima di procedere consiglio vivamente di seguire accuratamente i passaggi di questa guida.

24

Valutare il problema del clima

Valutiamo innanzitutto il problema del clima. Il mandarino possiamo ritenerla a tutti gli effetti una pianta tropicale, pertanto gli occorre un clima fondamentalmente caldo, con una buona umidità, ed inverni non particolarmente rigidi. Inoltre è una specie vegetale che teme moltissimo le escursioni tra notte e giorno. In genere vegeta tra i tredici e i trenta gradi centigradi, dunque temperature al disotto dello zero e superiori ai quaranta causano forti traumi alla specie. Anche il vento può provocare ingenti danni alla coltura. È una pianta che desidera particolarmente l'acqua, quindi questa non deve mancare mai, soprattutto nei primi periodi di vita. Va piantata in un terreno non eccessivamente chiuso ed argilloso, bensì sciolto e drenato, con un ph relativamente neutro e, aspetto fondamentale, ricco di humus.

34

Piantare il mandarino in primavera

Il momento migliore per piantare il mandarino è in primavera. Il periodo infatti deve essere scelto in modo tale che il pericolo gelate notturne sia ormai nullo. Prima di eseguire tale operazione, occorre preparare accuratamente il terreno impiegando dei concimi idonei. Anche i diserbanti devono essere mediamente utilizzati. Le erbe infestanti infatti sono responsabili della cosiddetta competizione idrica, ovvero sottraggono acqua destinata alla nostra pianta causandone rapidamente il depauperamento.

Continua la lettura
44

Stare attenti ai parassiti di natura animale e vegetale

Infine dedichiamo quest'ultima parte ai parassiti, sia di natura animale che vegetale. Tra i primi possiamo citare il cosiddetto Mal secco, il cancro gommoso e la carie del legno, i quali rappresentano la maggior fonte vegetale di attacco alla pianta. Tra quelli animali invece possiamo citare le pericolose cocciniglie, gli afidi e le mosche e, per ultimo ma non per ordine di importanza, gli acari. A questo punto non mi rimane altro che augurarvi una buona coltivazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il mandarino cinese

Il Mandarino Cinese è un albero da frutto di piccole dimensioni che regala frutti gustosi e perfetti per ricette particolari e deliziose conserve, dal sapore deciso ed il profumo intenso. Essendo alquanto complicato riuscire a trovare i Mandarini Cinesi...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta carnivora

La Dionaea muscipola è sicuramente la "pianta carnivora" per eccellenza, ovvero quella più conosciuta e apprezzata da tutti gli amanti di questa specie. Per la sua semplicità di coltivazione, è sicuramente quella più indicata per tutti i neofiti...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta antibatterica come l'Areca

Al mondo esistono una quantità infinita di piante, ed ognuna di esse possiede delle caratteristiche particolari. Alcune sono curative, altre solo decorative, studiarle per comprenderne le potenzialità potrebbe rivelarsi particolarmente utile. L'Areca...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta di ciclamino

Il ciclamino è una pianta a fiori, di piccole dimensioni, adeguata infatti non solo per ambienti come il giardino ma anche per interni. Come lo stesso nome richiama, si tratta di una pianta a fiori dai colori che variano come il bianco, il rosa ed i...
Giardinaggio

Come mantenere bella una pianta ricadente in fiore

Ci sono alcune varietà di piante che si adattano meglio a essere coltivate in una cesta pensile. Si tratta di piante ricadenti, molto belle da vedere, ma che richiedono qualche piccolo accorgimento per mantenere una forma compatta e omogenea della fioritura....
Giardinaggio

Come coltivare e utilizzare la pianta delle giuggiole

Se avete il desiderio di acquistare una pianta per il vostro appartamento, dovrete innanzitutto verificare le vostre abilità di coltivatori. La coltivazione, infatti, risulterà fondamentale per far sì che la pianta in questione cresca sana e forte;...
Giardinaggio

Come Coltivare Una Pianta Di Cordilina

Se siete degli appassionati delle piante di ogni genere e siete anche in cerca di qualche nuova specie da coltivare nel vostro giardino, potete provare ad acquistare una pianta davvero particolare: la Cordilina. Si tratta di una pianta di origine australiana...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ananas

L'Ananas è tra i frutti tropicali più mangiati ed apprezzati di sempre, è possibile trovarlo negli scaffali e nei banchi frutta di moltissimi supermercati, anche se molto spesso è meglio scegliere qualcosa di più fresco e genuino. L'Ananas è un...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.