Come coltivare e moltiplicare la yucca: l'alberello della felicità

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La Yucca è una pianta d’appartamento che si riconosce per il fusto legnoso e ruvido e perché in cima ha ciuffi di foglie ensiformi. Questo genere comprende una quarantina di specie; allo stato spontaneo la pianta può raggiungere anche l’altezza di 12 metri. Essa coltivata all’aperto produce un infiorescenza che si sviluppa al centro della rosetta di foglie. Ogni infiorescenza è composta da molti fiori bianchi campanulati. In questo tutorial vengono date alcune indicazioni su come coltivare e moltiplicare la Yucca: l'alberello della felicità.

25

Occorrente

  • torba, sabbia, semenzaio, seghetto, contenitore, ciottoli,concime, ormone rizogene,
35

Notizie generali

Questa pianta va rinvasata ogni anno in primavera con terricci fertili. Tra aprile e ottobre si deve innaffiare abbondantemente, senza far ristagnare l’acqua nel sottovaso perché le radici potrebbero marcire. La Yucca deve essere tenuta al sole; nei mesi caldi si deve spostare la pianta all’aperto. Questa pianta, essendo robusta, sopporta ampie oscillazioni di temperatura; infatti, in estate tollera temperature che superano anche i 28° C. In questi periodi bisogna spruzzarla con acqua al mattino presto, mai sotto il sole diretto. In autunno ed inverno la Yucca sopporta temperature anche fino ai 6° C; è comunque preferibile non scendere sotto i 10° C per garantire piena salute alla pianta.

45

Come aver cura della pianta

Essa è abituata a lunghi periodi di siccità; in inverno si possono ridurre al minimo le innaffiature. Tra novembre e marzo bisogna sospendere ogni tipo di concimazione ed annaffiarla soltanto per non far prosciugare il terreno. Per la moltiplicazione verso febbraio/ marzo si deve seminare a circa 0,5 cm di profondità ed utilizzare un composto di terriccio utilizzato e sabbia abbastanza grossolana. Il contenitore dei semi deve stare all’ombra fino a quando i semi sono germogliati; poi, si spostano in un posto luminoso. Dopo tre mesi si trapianta ogni pianta in un vasetto, distribuendo sul fondo alcuni cocci sparsi per favorire il drenaggio.

Continua la lettura
55

Moltiplicazione e malattie della pianta

Se la pianta è diventata troppo grande si può moltiplicare tagliando il fusto, togliendola dal vaso e poggiandola su un tavolo. Il fusto va tagliato in tanti segmenti di circa 10 cm; si deve coprire il contenitore con una pellicola di plastica trasparente, il terreno deve essere sempre umido e dopo circa tre settimane si toglie la copertura. Se la Yucca comincia a perdere le foglie vuol dire che la pianta ha bisogno di ricevere più luce. La comparsa di muffe grigie sono causate da un fungo; esse si tolgono con un fungicida, dopo che sono state rimosse le parti colpite. È opportuno chiedere consigli ad un fioraio per utilizzare il prodotto più idoneo a risolvere il problema.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare un albero di Yucca

La yucca è una pianta originaria del Centro America, è facile da coltivare e appartiene alla famiglia delle Liliacee o Agavacee. Ne esistono circa 40 specie, tutte che si distinguono per le foglie rigide, a forma di spada. In Europa, è una tipica pianta...
Giardinaggio

Come coltivare un alberello di avocado

L'avocado è un gustoso frutto che si presta in cucina per la preparazione di svariate ricette. Una volta consumata la sua deliziosa polpa, sarà utile conservare il seme per poi piantarlo ed iniziare a far crescere una pianta rigogliosa e verde. All'interno...
Giardinaggio

Come coltivare un alberello di fucsie

Possiamo trasformare facilmente una vigorosa pianta di fucsia in un alberello, con la quale possiamo decorare il nostro terrazzo, rendendolo variopinto. L'operazione non è molto difficile e non crea assolutamente problemi alla pianta, se scegliamo solo...
Giardinaggio

Come Riconoscere La Yucca Filifera

La Yucca Filifera viene comunemente chiamata in italiano soltanto come Yucca. Questa pianta è un membro delle Asparagaceae e fa parte della sottofamiglia delle Agavaceae. Quest'ultima è un vegetale che proviene dal bellissimo Messico.Nella presente...
Giardinaggio

Come coltivare e moltiplicare gli echium

Con il termine Echium si intende un genere composto da circa 40 specie di piante, annuali e biennali che possono avere sia carattere rustico che delicato ma sono accumunate fra loro dal periodo di semina: ad inizio primavera. Nella guida che segue parleremo...
Giardinaggio

Come piantare la yucca

Il giardinaggio è un passatempo che al giorno d'oggi appassiona tantissime persone in quanto permette di rilassarsi e di stare in contatto con la natura e l'ambiente circostante. Ci sono tantissime piante che è possibile coltivare a casa propria, una...
Giardinaggio

Come potare una rosa ad alberello

Le rose ad alberello sono una particolare tipologia di rose leggermente più piccole rispetto alle altre specie. La dimensione inferiore è però compensata da una fioritura decisamente più abbondante. Si tratta pertanto di piante esteticamente molto...
Giardinaggio

Come moltiplicare l'oleandro

Originaria del Mediterraneo e dell'Asia sud-occidentale, la pianta dell'oleandro è un arbusto amante del tepore che fiorisce tutto l'anno. I suoi fiori extra-large, della grandezza che varia dagli otto ai venti centimetri di diametro, e dal colore rosso,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.