Come coltivare e raccogliere i topinambur

Tramite: O2O 05/08/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il topinambur risulta essere un tubero molto simile alla patata. Viene consumato anche allo stesso modo delle patate, fritto o bollito, ma può essere mangiato anche crudo. Ha numerose proprietà benefiche, tra le quali quella di facilitare la digestione e prevenire l'obesità. La sua coltivazione risulta essere un'operazione davvero molto semplice, proprio per questo motivo potrete provare voi stessi ad effettuarla, ottenendo sicuramente degli ottimi risultati. Inoltre, facendo tutto da soli non solo avrete la possibilità di apprendere una tecnica piuttosto interessante, ma potrete anche risparmiare il vostro denaro dal momento che non dovrete necessità di assumere un giardiniere professionista. A questo punto, non vi rimane che continuare a leggere con molta attenzione le semplici indicazioni riportate esattamente nei successivi passi di questa interessante guida, per comprendere utilmente come coltivare e raccogliere i topinambur.

26

Occorrente

  • terreno
  • compost organico
  • zappa
36

RACCOLTA:

Innanzitutto sappiate che quando il topinambur inizia a crescere dovete ricordare di avvicinare sempre del terreno al fusto della piantina in maniera tale da mantenerla più fresca, e per permetterle così di avere un sostegno man mano che continuerà a crescere. Continuate quindi a curarla fino a quando non sarà completamente cresciuta, dopodiché si potrà procedere alla sua raccolta. La raccolta bisognerà effettuarla spostando il terreno, posto sopra i tuberi, con l'aiuto di una zappa oppure con le mani, per scoprirli. Una volta raccolti, i topinambur vanno conservati in luogo fresco e asciutto, fino al momento della consumazione.

46

COLTIVAZIONE:

Il periodo che risulta essere ottimale per la coltivazione del topinambur risulta essere sicuramente la fine della stagione invernale. Innanzitutto, livellate il terreno e create dei solchi con l'aiuto di una zappa. Una volta formati i solchi, dovete procedere col distribuire, per tutta la loro lunghezza, una certa quantità di composto organico, in quanto è molto utile per rendere più fertile il terreno e per offrire al topinambur tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Dunque, disponete i tuberi nei solchi, a circa mezzo metro di distanza l'uno dall'altro e ad una profondità di circa 10 cm. Finite di distribuirli e, successivamente, mettete su di essi uno strato di terreno, al fine di ricoprirli completamente.

Continua la lettura
56

Innaffiatura:

Innaffiate i tuberi con una minore frequenza all'inizio, mentre eseguitela in modo più regolare al momento della fioritura e della crescita. Il topinambur necessità di un terreno che sia abbastanza umido, ma non eccessivamente bagnato. La pianta deve essere sempre curata, pertanto ricordate di eliminare sempre l'erbaccia che è solita crescere nei solchi, ma fatelo con delicatezza per non rovinare le vostre piantine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come raccogliere le fragole

Le fragole sono frutti davvero ricchi di sostanze nutrienti e benefiche per il nostro organismo e per la nostra forma fisica. Ecco perché è bene raccoglierne e mangiarne molte, anche se in maniera moderata. Le fragole sono un frutto stagionale molto...
Giardinaggio

Come riconoscere il momento giusto per raccogliere le patate

La coltivazione delle patate è una delle colture più facili. Infatti, non prevede grandi cure e crescono in maniera naturale. Pertanto, si possono anche coltivare sul balcone utilizzano vasi e terriccio universale. L'importante è sistemare e riporre...
Giardinaggio

Come raccogliere il mais

Il mais è una delle colture più diffuse a livello mondiale, occupando una superficie di circa 800 milioni di ettari, per la maggior parte situati in America e, più nello specifico nel Nord del continente. Tuttavia è una pianta diffusa in varie zone...
Giardinaggio

Come e quando raccogliere i pomodori

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire meglio come e quando raccogliere i pomodori, durante la loro maturazione. Avere dei pomodori in ottimo stato, è molto importante, anche per la buona realizzazione di piatti a base di...
Giardinaggio

Come raccogliere le carote

Le carote sono degli ortaggi ricchi di beta-carotene e facili da coltivare, soprattutto in un giardino con terreno profondo. Imparare come si effettua la coltivazione e la raccolta delle carote è un ottimo modo per approfittare dei loro benefici nutrizionali....
Giardinaggio

Come Raccogliere La Frutta

L'amore per la campagna e per i suoi frutti freschi e genuini, negli ultimi tempi, è sempre più diffuso. Soprattutto per chi è amante delle tradizioni e delle coltivazioni biologiche senza pesticidi, che invece possiamo trovare sempre più spesso in...
Giardinaggio

Come raccogliere il peperoncino

Il peperoncino è una pianta originaria delle Americhe, ma oggi diffusa praticamente in tutto il mondo. Esistono varie specie piccanti, dolci ed ornamentali. Tutte le varietà di peperoncino possono essere coltivate in Italia, seminando nei mesi di febbraio...
Giardinaggio

Come e quando raccogliere le olive

Una delle attività più svolte dai contadini, la raccolta delle olive è quella meno stressante rispetto alle altre. Essa può certamente iniziare nei mesi autunnali, protraendosi anche fino al mese di febbraio inoltrato. Questa variazione può dipendere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.