Come coltivare frutti tropicali in Italia

Tramite: O2O 26/10/2016
Difficoltà: media
15

Introduzione

All'interno di questa guida, andremo a occuparci di frutti tropicali. Nello specifico caso, come avrete già potuto scoprire attraverso la lettura del titolo stesso di questa guida, ci concentreremo su Come coltivare frutti tropicali in Italia. Negli ultimi anni, i frutti tropicali hanno occupato un posto praticamente fisso nelle nostre tavole. Ciò che li rende accattivanti sono soprattutto i colori vivacissimi ed i profumi intensi. Alle volte, però, l'aspetto estetico ha la meglio sul gusto: questo tipo di frutta, infatti, subisce molto la conservazione ed il trasporto attraverso i continenti. Perché allora non provare a coltivare nel nostro giardino qualche specie esotica? Laddove vi fossero le condizioni climatiche adatte, con un po' di attenzione e qualche consiglio di questa guida potrete cimentarvi nella coltivazione di ananas, mango e papaya.

25

Come abbiamo appena accennato all'interno del passo che è andato a introdurre le tematiche che svilupperemo tra poco, ora ci occuperemo di spiegarvi Come coltivare frutti tropicali in Itailia. Partiamo subito dall'ananas (Ananas comosus). Essa è una pianta che viene dall'America meridionale, ed appartiene alla famiglia delle cosiddette bromeliacee. Il frutto che ne deriva viene prodotta dalla pianta all'altezza più o meno di 1 metro. Presenta foglie lunghe e spinose, di un colore grigio-verde e porta dei fiori di colore rosso vivo. La polpa dell'ananas, acquosa e di colore giallo, è utilizzata nella preparazione di cocktails o come dopo pasto, in quanto fresca e leggermente acidula. Le condizioni ambientali ottimali per la coltivazione dell'ananas sono date dalla temperatura, che dovrebbe essere superiore ai 15 gradi, e dall'esposizione al sole. Questa pianta, infatti, ama ambienti soleggiati con buon ricambio d'aria. Possiede delle radici che non sviluppano molto in profondità, permettendoci di coltivare in vaso e rinvasare ogni due anni circa. Il terriccio indicato a questa coltivazione dev'essere costituito da sabbia e torba in parti uguali. La concimazione inizia in primavera e termina in autunno: potrete utilizzare un concime a lento rilascio che coprirà tutto il periodo indicato. In inverno, facendo attenzione a riparare bene la pianta dal vento freddo, la concimazione sarà a cadenza bimestrale, servendovi di un concime liquido.
L'ananas non necessita di potature: basterà limitarsi a rimuovere le foglie secche per scongiurare l'insorgere di problematiche.

35

Il frutto del mango, invece, proviene da un albero maestoso (Mangifera indica) alto fino a 40 metri, di origine Asiatica. Ha un fusto robusto con radici che penetrano in profondità nel terreno. Pianta sempreverde, porta i fiori raggruppati in in piccoli boccioli di colore giallo e rosa. Il frutto contiene una polpa giallo/arancione dal gusto intenso. La coltivazione del mango, similmente all'ananas, dovrà tener conto delle esigenze climatiche della pianta. Quest'albero, infatti, predilige il caldo umido, tipico di zone come l'India, e annaffiature frequenti, facendo attenzione a bagnare solo quando il terreno è asciutto per evitare i ristagni d'acqua. Per quanto riguarda la messa in dimora, vi vorrei consigliare di effettuarla nel periodo primaverile o estivo. Nel periodo invernale, invece, non dovrete preoccuparvi eccessivamente, dato che non avrà bisogno di attenzioni particolari. Ha una predilezione per un terreno con caratteristiche argillose, in modo che le radici possano riuscire a svilupparsi ad una profondità consona. Per quanto riguarda l'aspetto della concimazione, invece, vi consiglio di usare un fertilizzante avente ricchezza d'azoto, andando a spargerlo per un periodo di 10 giorni, durante il periodo primaverile.

Continua la lettura
45

La papaya (Carica papaya), originaria dell'America centrale, è una pianta dal fusto esile, il quale sorregge un'ampia chioma di foglie grandi e sempreverdi. Riesce a superare i 20 metri di altezza e porta fiori gialli. I frutti sono grandi, a forma allungata e di colore giallo. La polpa, gialla e zuccherina, contiene al suo interno moltissimi piccoli semi, che potrete utilizzare per cominciare la coltivazione. Essendo la papaya un albero di grandi dimensioni, questa necessita di ampi spazi per poter crescere. Come le altre due, anche la papaya ha bisogno di temperature alte, circa 25 gradi. Il miglior periodo per la semina è giugno ed il terreno più adatto è quello tendente al sabbioso. La concimazione migliore prevede l'apporto di azoto, potassio e fosforo. L'irrigazione della papaya dev'essere abbondante nei mesi estivi, cercando di pulire l'area attorno alla nostra pianta dalle infestanti, che potrebbero crescere troppo. La raccolta dei frutti avverrà circa 4 o 5 mesi dopo la fioritura nei climi caldi, più verosimilmente dopo 9/10 alle nostre latitudini.
In ultima analisi, vi vorrei vivamente consigliare la lettura di ulteriori articoli che si occupano di queste specifiche tematiche che abbiamo sviluppato nei tre passi, in modo tale che voi possiate ulteriormente approfondire i contenuti di queste argomentazioni. A tal proposito, il mio consiglio, è quello di leggervi anche questo link, davvero interessante: http://ortopertuttiblog.blogspot.it/2011/12/piante-da-frutto_27.html.
Spero che questa guida su Come coltivare frutti tropicali in Italia possa esservi utile.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'ananas ha proprietà depurative e disintossicanti.
  • Il mango è ottimo per combattere il raffreddore.
  • La papaya è antiossidante: rallenta l'invecchiamento cellulare.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè

Meraviglioso, corroborante, aromatico caffè! Poche cose riescono a stimolarci come l'aroma inconfondibile e ristoratore del caffè, soprattutto al mattino.Per chi ama il giardinaggio, non sarà difficile cimentarsi nella produzione della pianta del caffè....
Giardinaggio

Come coltivare l'albero di limone

L'albero di limone è una pianta prettamente mediterranea. Il sud dell'Italia, nelle sue coltivazioni, si caratterizza spesso di colorate piante di agrumi. Fra di esse, spicca il giallo dei frutti dell'albero di limone. Ricchi di vitamina C, sono un vero...
Giardinaggio

Come coltivare agrumi sul terrazzo o in giardino

Originari dell'India e dell'Estremo Oriente, gli agrumi sono oggi ampiamente coltivati in tutta la fascia subtropicale del mondo. Attraverso piccole cure sarà possibile coltivare facilmente gli agrumi, sia sul terrazzo di casa che in giardino, dove,...
Giardinaggio

Come coltivare il tamarillo

Possedere un giardino pieno di piante, colorato e variegato è cosa piuttosto comune. Molte sono le varietà di piante e fiori che si possono trovare, ma negli ultimi periodi le piante esotiche sono le più amate. Il Tamarillo o Cyphomandra betacea, è...
Giardinaggio

Come Ottenere Frutti Dal Citrus Limon Meyer

Il limon Meyer (Citrus Lemon Meyer) è un piccolo arbusto molto decorativo ottenuto dall'incrocio tra il limone e l'arancia dolce. I frutti di questa pianta, un ibrido naturale scoperto agli inizi del XX secolo in Cina, sono molto simili a quelli del...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di albicocco

Le albicocche sono normalmente dei frutti deliziosi, pieni di succo e hanno un sapore delicato. Queste qualità sono ancora più accentuate soprattutto se vengono mangiate direttamente dall'albero, in quanto sono più gustose rispetto a quelle che vengono...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di anacardi

L'albero di anacardi è una pianta originaria dei Caraibi e del Brasile nord-orientale, anche se oggi viene coltivato in molte altre zone tropicali del mondo, soprattutto in Africa, in India e nel Sud-Est asiatico. Fa parte della famiglia delle Anacardiaceae,...
Giardinaggio

Come coltivare la salicornia

La salicornia o asparago di mare è una pianta poco conosciuta che cresce spontaneamente in prossimità del mare, sulla spiaggia e nelle zone paludose. Appartiene alla famiglia delle Chenopodiacee e si presenta come una pianta grassa. In Italia cresce...