Come coltivare funghi champignon

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se tra i tanti hobby avete quello del giardinaggio, potete coltivare tra le varie piante anche i funghi; infatti, il procedimento è piuttosto semplice, e c'è bisogno soltanto di un po' di tempo a disposizione per raggiungere un ottimo risultato. In riferimento a ciò, nei passi successivi di questa guida, vediamo come coltivare i funghi champignon che si prestano a numerose ricette e sono sicuramente anche fra i più apprezzati.

26

Occorrente

  • Cassette della frutta
  • Substrato (un composto a base di letame, residui vegetali, paglia e pollina)
  • Terra calcarea
  • Miceli di fungo champignon
  • Foglio di plastica
36

Procurarsi delle cassette

Innanzitutto dovete procurarvi delle cassette per far crescere i funghi, come ad esempio quelle della frutta; infatti, lavatele bene, asciugatele e poi mettetele al sole. Adesso rivestite le pareti interne con un foglio di plastica, dopodichè riempitele con del terriccio misto a letame, paglia, erba e della torba sminuzzata. A questo punto compattate il terreno, riempite i contenitori fino al bordo ed annaffiatelo.

46

Acquistare i miceli dei funghi

Presso i consorzi agrari, i vivai o un centro di giardinaggio è possibile acquistare l'ingrediente fondamentale per la nostra coltivazione, ossia il micelio dei funghi champignon. Adesso inseriteli in piccole buche di circa quattro centimetri, però avendo l'accortezza di distanziarli all'incirca di quindici centimetri. Poi ricoprite i miceli ed annaffiateli, dando inizio in questo modo alla fase d'incubazione che durerà due settimane. Infatti si noterà che la terra diventerà rossastra, ed inizierete a sentire l'odore del fungo. Inoltre è necessario in questo periodo, mantenere una temperatura di circa venticinque gradi, tenere le cassette in un luogo umido, non ventilato e non soleggiato. Fatto ciò, annaffiate i funghi tutti i giorni, facendo però attenzione che l'acqua non ristagni, quindi non esagerate con il quantitativo.

Continua la lettura
56

Bagnare periodicamente il terriccio

A questo punto ricoprite il composto con del terriccio di origine calcarea, formando uno strato di circa due centimetri: poi bagnatelo e compattatelo, lisciando la superficie con una spatola. Dopo una decina di giorni i miceli penetreranno il terriccio, e quindi la temperatura deve essere abbassata ed arrivare ad almeno quindici gradi. A questo punto aspettate almeno altre due o tre settimane, e vedrete spuntare delle puntine bianche, ossia dei piccolissimi funghi che farete crescere fino alle dimensioni volute. Questa nascita si ripeterà se continuerete ad annaffiarli periodicamente per cinque o sei mesi, e sicuramente otterrete dei fughi saporiti, naturali che potete utilizzare per le vostre svariate elaborazioni culinarie.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini in giardino

Tra tutti i funghi, il porcino è senza dubbio uno dei più apprezzati. In virtù del suo pregio e dell'inconfondibile odore che emana, questo fungo, negli anni, si è meritato l'appellativo di "re dei funghi". Data la sua specifica peculiarità, non...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi in casa

Quanti di voi hanno la passione per i funghi e si dilettano nell'andare alla ricerca di questi per i boschi!; tuttavia bisogna essere degli esperti per distinguere i funghi velenosi da quelli commestibili. Per non incorrere a tale rischio è bene lasciarsi...
Giardinaggio

Come coltivare funghi nell'orto

I funghi, sono scientificamente delle piante, che quasi tutti amano mangiare: ci sono tantissime varietà, cambia il loro nome, la dimensione, la forma, il colore, il sapore e così via. Tuttavia, esistono anche delle specie velenose che è possibile...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi su ceppi di legno

Nella guida di seguito ci sono preziosi suggerimenti per coltivare dei funghi su ceppi. Il legno che meglio si presta all'attecchimento è sicuramente il pioppo, ma sono idonei anche la quercia, il faggio, il frassino, che danno risultati altrettanto...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini

I funghi hanno una grande varietà di forme, ma tutti hanno la caratteristica di non avere la clorofilla per cui devono nutrirsi di sostanze già elaborate da altri organismi. Essi possono essere utili oppure nocivi, dipende dalla specie a cui appartengono....
Giardinaggio

Come coltivare il fungo prataiolo

Per coltivare i funghi necessariamente ci sono dei processi ben precisi da seguire: la preparazione dei substrati di coltura e la produzione dei funghi. Generalmente le aziende che attuano entrambi i suddetti momenti evolutivi vengono definite "fungaie...
Giardinaggio

Come costruire una serra per funghi

Se amiamo i funghi ed intendiamo coltivarli, possiamo farlo in un modo abbastanza semplice costruendo una serra. L'uso di questa copertura serve infatti ad ottimizzare il risultato, ed ottenere degli esemplari di alta qualità. In riferimento a ciò,...
Giardinaggio

Come far nascere funghi commestibili dai fondi del caffè

Secondo voi è possibile far nascere funghi commestibili dai fondi del caffè? Ebbene sì, non è un'utopia e potrete gustare ottimi funghi con una spesa minima e con tanto divertimento da parte vostra. Sarà anche un'occasione per trascorrere del tempo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.