Come coltivare funghi nell'orto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I funghi, sono scientificamente delle piante, che quasi tutti amano mangiare: ci sono tantissime varietà, cambia il loro nome, la dimensione, la forma, il colore, il sapore e così via. Tuttavia, esistono anche delle specie velenose che è possibile trovare in zona di montagna: è per questo che è consigliato non andare a raccogliere funghi, se non accompagnati da un esperto, e comprarli nel vostro supermercato di fiducia. Ma è anche vero che sono molti quelli che possiedono un orto all'interno della propria casa, precisamente in giardino, o perché hanno spazio o semplicemente perché ne sono affascinati. I funghi, come tutte le piante, si coltivano, e hanno un loro modo di crescere e di essere nutrite. Scopriamo insieme come coltivare funghi nell'orto.

25

Acquistare i miceli

Acquistare i miceli è il primo passo per coltivare funghi all'interno del proprio orto. Per iniziare, visto che sarete dei principianti, è consigliato usare la specie più semplice esistente, ovvero quella dei miceli di fungo orecchione. Comprane un paio.

35

Preparare un sottostrato

Successivamente, bisogna preparare un sottostrato con la paglia o il cartone. Nel caso della paglia, dopo aver scelto quella per cereali, tagliatela a pezzetti e mettetela prima all'interno di un secchio, dopo in un sacco che chiuderete all'estremità e che immergerete all'interno di un pentolone di acqua bollente circa a 80 gradi per un'ora. Dopo scolatela e lasciatela asciugare. Nel caso del cartone, invece, sarà necessario tagliarlo in più sezioni, immergete anch'esso in un secchio di acqua bollente per una decina di ore, dopo strizzatelo per bene e lasciatelo asciugare.

Continua la lettura
45

Aggiungere i miceli

Una volta completato il procedimento precedente, posizionate il cartone o la paglia all'interno di una cesta. Sopra il vostro strato, basterà aggiungere i miceli sopra sparsi tra loro, e infine chiudete il tutto all'interno di un sacco di plastica. Fate dei buchetti nella busta per far respirare la pianta e posizionae il sacco in un luogo dove di solito la temperatura rimane costante nel tempo.

55

Spostare i miceli nell'orto

Dopo aver controllato che l'umidità non abbia danneggiato i miceli, dopo circa un mese e mezzo potete spostare il contenuto nel luogo ideale della loro coltivazione, cioè il vostro orto. Bagnali leggermente, e posizionateli sopra la terra. Qualche volta al giorno, spruzzerete dell'acqua per non farli insecchire. Cresceranno a distanza di qualche settimana, e appariranno come prima dei piccoli puntini e poi, una volta raggiunta la dimensione ideale, potete raccoglierli, lavarli e mangiarli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le fave nell'orto

In alcune zone della Sicilia novembre è il periodo giusto in cui si piantano le fave, mentre nelle zone settentrionali bisogna aspettare la fine dell'inverno. Questo vegetale si adatta con facilità a tutti i tipi di terreni, purché non si presentino...
Giardinaggio

I 10 ortaggi più facili da coltivare nell’orto di casa

Coltivare ortaggi nell'orto di casa oggi è divenuta una realtà molto frequente, paragonabile quasi ad una moda. Molti sono gli ortaggi a nostra disposizione, ma alcuni di questi richiedono lavorazioni e conoscenze approfondite in materia. Altri invece...
Giardinaggio

Come coltivare i peperoni nell'orto

Siamo soliti catalogare i peperoni in base alla loro forma, in base al colore, nonché alla destinazione d'uso in cucina. Ricchissimi di carotenoidi e di vitamina C ma poco calorici, i peperoni sono un vero e proprio toccasana, ma, a differenza di quanto...
Giardinaggio

Come coltivare le melanzane nell'orto

Se ci piace il giardinaggio e vogliamo essere certi che i prodotti che consumiamo siano privi di sostanze inquinanti e cancerogene come i pesticidi, allora potremo pensare di coltivare noi stessi degli ortaggi. Per fare ciò dovremo necessariamente essere...
Giardinaggio

Come coltivare il basilico nell'orto

La coltivazione del basilico nell'orto di casa può essere un'ottima idea in quanto esso è abbastanza utilizzato nella cucina italiana. Nella ricette estive il basilico si mette praticamente dappertutto: sulla pasta al pomodoro, sulla pizza e nelle insalate....
Giardinaggio

Come coltivare i capperi nell'orto sul balcone

I capperi il più delle volte, grazie al loro gusto intenso, vengono utilizzati per la preparazione di numerose ricette. Si possono infatti acquistare in barattolini, sotto forma di conserve: sotto sale, sotto aceto, sott'olio o in salamoia. Tuttavia,...
Giardinaggio

I lavori da effettuare nell'orto in inverno

Anche in inverno l'orto va curato con pazienza e dedizione per garantirsi un florido raccolto. Uno dei lavori più importanti da eseguire è preparare il terreno al riposo della stagione fredda. Ma ci si deve anche dedicare alla coltivazioni invernali:...
Giardinaggio

Mese di ottobre: semina, raccolto e lavori nell'orto

Ottobre è un mese davvero importante per le colture di ortaggi, frutta e verdure. È proprio durante questo mese, nel cuore dell'autunno, che dobbiamo avere una certa attenzione nei confronti del nostro orto. Per quanto riguarda i prodotti estivi come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.