Come coltivare i capperi in vaso

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I capperi sono degli arbusti rampicanti originari delle regioni del Mediterraneo e dell'Oriente ed inoltre si tratta di piante perenni con delle foglie di un color verde brillante e dalla forma ovale con dei fiori molto profumati. La produzione può avvenire facilmente sia in giardino che in un vaso, senza essere degli esperti giardinieri. In riferimento a ciò, nei passi successivi di questa guida, ci sono dei consigli utili su come coltivare i capperi in un vaso in modo semplice.

26

Occorrente

  • Semi di capperi
  • Vaso
  • Terriccio
  • Torba
  • Calce
  • Attrezzi per giardinaggio
36

Acquistare un vaso

In piena estate la pianta cominciano a fiorire, ed in questo modo che si producono i capperi, ossia i boccioli dei fiori che crescono come dei cespugli e possono raggiungere fino ad un metro di altezza. Le piante vanno coltivate vicino ai muri tra le pietre dove possono ricadere, o addirittura in alcuni casi risalire. Ogni fiore generalmente dura un giorno, ma c'è una continua apertura di altri boccioli che non ne fanno rimpiangere la perdita precoce. Se ad esempio vogliono coltivarli in casa, è fondamentale acquistare un vaso e del terriccio specifico.

46

Aggiungere nel terriccio la calce

Le migliori condizioni di crescita per i capperi è in pieno sole, invece per coltivarli in un vaso è necessario che questo contenitore sia grande almeno di 40 centimetri di diametro. Inoltre importante è la qualità del terriccio che deve essere arricchito di torba sminuzzata, quindi ideale è il compost misto acquistabile presso un vivaio o un centro per il giardinaggio. Lo scopo di questo fertilizzante è di ottenere un ottimo drenaggio anche nel vaso, come avviene in piena terra. Al terriccio per garantire questa particolare condizione, va aggiunto anche della calce che va lasciata in posa per una settimana prima di piantare i semi. Le piante di capperi richiedono irrigazioni frequenti ed a giorni alterni, mentre una volta all'anno come concime va inserita una miscela minerale organica.

Continua la lettura
56

Piantare i semi

Dopo aver acquistato e piantato i semi, la pianta si sviluppa in circa 10 giorni, dopodichè si formano i primi cespugli che producono un frutto con molti semi. Inoltre, i semi piantati in un altro vaso con le stesse condizioni riescono a germogliare di nuovo consentendoci una raccolta costante. In questo modo oltre ad ottenere i capperi molto usati in cucina al naturale, oppure salati e marinati nell'aceto ideali per arricchire numerose pietanze, possiamo anche ammirare i suoi profumati e bellissimi fiori bianchi, che costituiscono un ottimo elemento di arredo per la nostra terrazza o per il balcone.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mettere la pianta di capperi in una zona luce

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare le lanterne di Halloween

Halloween è una festa americana che si celebra il 31 ottobre, la cui caratteristica principale è la simbologia lega al mondo dell'occulto e della morte e il il suo simbolo principale è la zucca intagliata che deriva dal famoso personaggio di Jack o'lantern....
Bricolage

Come realizzare un sale e pepe originale

Creare piccoli oggetti con l'arte del fai da te è sicuramente qualcosa di molto bello e soprattutto di molto creativo. È possibile infatti riciclare oggetti che siamo soliti buttare via per creare qualcosa di unico e speciale che possa abbellire la...
Giardinaggio

Come coltivare il nasturzio

Il nasturzio è originario dell'America Meridionale; in Europa se ne trovano diversi ibridi. Appartiene alla famiglia delle Tropaeolaceae, con circa novanta specie sparse in tutto il mondo. La pianta, perenne o annuale, è molto decorativa e semplice...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di Astro

Astro, nome scientifico Aster: ossia stella, dal greco antico. La scelta non è casuale, bensì un omaggio alla forma dei suoi fiori. Una pianta di astro si può descrivere così: bellissima, facile da coltivare, generosa nelle sue fioriture dai colori...
Giardinaggio

Come stimolare la fioritura delle peonie

In molti sognano di avere un terrazzo od un giardino ricco di piante rigogliose. Ogni singolo arbusto, necessita di cure particolari e differenti a seconda delle caratteristiche e qualità che possiede. In questa guida, tratteremo nello specifico delle...
Giardinaggio

10 fiori da mettere in un'aiuola

I giardini più belli sono sempre quelli che hanno delle aiuole fiorite. Ma, per mantenerle sempre splendide e rigogliose occorre saper scegliere i fiori giusti. Per ottenere tale rendimento bisogna coltivare delle specie particolari e colorate. I fiori...
Giardinaggio

Come coltivare le bacche di Goji

Sono da poco approdate nei mercati occidentali, e pure hanno già conquistato i cuori e i palati di tutti i buongustai: sono le bacche di goji, delle bacche dal colore rosso vivo e dal sapore simile a quello dei mirtilli. Le piante che le producono vengono...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare i peperoncini in casa

I peperoncini fanno parte di un genere di piante erbacee. Fioriscono in primavera e in estate e producono dei bellissimi fiorellini bianchi. Mentre, i frutti sono di forma e di colore diverso secondo la specie. Questi sono delle bacche che hanno una cava...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.