Come coltivare i capperi nell'orto sul balcone

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I capperi il più delle volte, grazie al loro gusto intenso, vengono utilizzati per la preparazione di numerose ricette. Si possono infatti acquistare in barattolini, sotto forma di conserve: sotto sale, sotto aceto, sott'olio o in salamoia. Tuttavia, è possibile anche mangiarli anche così come sono, puri: i capperi, infatti, non sono altro che i boccioli dei fiori della pianta del cappero. Il cappero, il cui nome scientifico è Capparis, è una pianta perenne che cresce in terreni aridi, spesso vicino ai muri, e il suo arbusto può raggiungere anche i due metri di lunghezza. Presenta delle foglie di un verde intenso di forma rotondeggiante e fiorisce nel periodo che va dalla primavera all'autunno, dando origine a dei fiori bellissimi di colore bianco rosaceo con screziature che vanno dal rosso al viola. Nonostante si tratti di un arbusto spontaneo, è possibile coltivarlo anche nell'orto sul balcone. Si tratta di una coltivazione impegnativa che non sempre dà buoni risultati, tuttavia, mettendo in pratica alcuni accorgimenti, è possibile riuscire in questa impresa. Nei passi seguenti, a tale proposito, vi illustreremo come procedere per coltivare i capperi nell'orto.

26

Innanzitutto bisogna sapere che la riproduzione del cappero può avvenire sia tramite la semina che attraverso la talea: entrambi i metodi sono applicabili anche per la coltivazione in orto sul balcone, la cosa importante è prestare attenzione al terreno e alle condizioni climatiche. Per quanto riguarda la semina, questa va effettuata tra dicembre e gennaio, utilizzando delle cassette nelle quali andrà posto un terreno misto di sabbia e torba. Se il vostro balcone è aperto, le cassette dovranno essere spostate in una zona chiusa e protetta durante l'inverno, mentre in primavera ed estate possono essere tenute all'esterno. In primavera le piantine potranno essere trasferite in vaso, utilizzando sempre dei terreni aridi e sabbiosi.

36

La riproduzione per talea, invece, va effettuata durante l'estate, andando a recidere e piantare un ramo, lungo circa 10 cm, della pianta madre. Il terreno, che anche in questo caso andrà posto in una cassetta, dovrà essere costituito da una quantità identica di sabbia, torba e terriccio universale. In questo caso, le piantine potranno essere trasferite in vaso solamente durate la primavera successiva.

Continua la lettura
46

Per quanto riguarda la coltivazione, bisogna sapere che questa pianta ama le alte temperature: i 35 -37° sono l'ideale per una crescita sana e rigogliosa. Quando la temperatura scende sotto i 10°, invece, è necessario prendere dei provvedimenti e portare le piante al riparo, perché potrebbero danneggiarsi irreparabilmente. Il cappero non necessita di una grande quantità di acqua, anzi, teme i ristagni idrici, pertanto è bene innaffiarla solamente quando la terra è completamente secca. Infine, bisogna sapere che è una pianta che non necessita di potatura, ma basterà rimuovere, di tanto in tanto, solamente i rami e le foglie secche.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l'avocado nell'orto

Quante volte abbiamo mangiato un frutto esotico con gusto e ci siamo detti "magari potessimo averlo sempre a disposizione"? Beh questo non è un sogno irrealizzabile: con l'innalzamento delle temperature infatti oggi è possibile avere anche in Italia...
Giardinaggio

Come coltivare funghi nell'orto

I funghi, sono scientificamente delle piante, che quasi tutti amano mangiare: ci sono tantissime varietà, cambia il loro nome, la dimensione, la forma, il colore, il sapore e così via. Tuttavia, esistono anche delle specie velenose che è possibile...
Giardinaggio

Come coltivare le fave nell'orto

In alcune zone della Sicilia novembre è il periodo giusto in cui si piantano le fave, mentre nelle zone settentrionali bisogna aspettare la fine dell'inverno. Questo vegetale si adatta con facilità a tutti i tipi di terreni, purché non si presentino...
Giardinaggio

I 10 ortaggi più facili da coltivare nell’orto di casa

Coltivare ortaggi nell'orto di casa oggi è divenuta una realtà molto frequente, paragonabile quasi ad una moda. Molti sono gli ortaggi a nostra disposizione, ma alcuni di questi richiedono lavorazioni e conoscenze approfondite in materia. Altri invece...
Giardinaggio

Come coltivare i peperoni nell'orto

Siamo soliti catalogare i peperoni in base alla loro forma, in base al colore, nonché alla destinazione d'uso in cucina. Ricchissimi di carotenoidi e di vitamina C ma poco calorici, i peperoni sono un vero e proprio toccasana, ma, a differenza di quanto...
Giardinaggio

Come coltivare le melanzane nell'orto

Se ci piace il giardinaggio e vogliamo essere certi che i prodotti che consumiamo siano privi di sostanze inquinanti e cancerogene come i pesticidi, allora potremo pensare di coltivare noi stessi degli ortaggi. Per fare ciò dovremo necessariamente essere...
Giardinaggio

Come coltivare il basilico nell'orto

La coltivazione del basilico nell'orto di casa può essere un'ottima idea in quanto esso è abbastanza utilizzato nella cucina italiana. Nella ricette estive il basilico si mette praticamente dappertutto: sulla pasta al pomodoro, sulla pizza e nelle insalate....
Giardinaggio

Orto sul balcone: 5 idee per renderlo speciale

La passione per le piccole coltivazioni casalinghe è sempre più diffusa. Sono ormai in tanti gli appassionati a coltivare dei semplici orti fai da te da collocare anche sul balcone. Vediamo allora 5 idee originali per rendere il nostro orto personale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.