Come coltivare i fagioli borlotti

Tramite: O2O 19/06/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

I fagioli borlotti, conosciuti anche come fagioli di mirtillo rosso, appartengono alla specie Phaseolus vulgaris L. I fagioli borlotti vengono utilizzati sia freschi che secchi e crescono in baccelli chiazzati di rosa e rosso, la cui lunghezza e mediamente di 10 cm e hanno un sapore che somiglia leggermente a quella della nocciola. Si tratta di piante annuali semi-resistenti, facili da coltivare e pronte per la raccolta in autunno dopo 80-120 giorni la semina. Vediamo allora come coltivare i fagioli borlotti.

27

Occorrente

  • Terreno adatto
  • Acqua
  • Fungicida
37

Il terreno

I fagioli borlotti devono essere coltivati in un terreno ben drenato, con un pH compreso tra 6,0 e 6,5. Prima della piantagione, è bene utilizzare un apposito kit di analisi del suolo, disponibile presso i negozi di giardinaggio, per determinare il pH del terreno e modificarlo se necessario. Usare il calcare per aumentare il pH del terreno e lo zolfo per abbassarlo. La quantità di ciascuno degli elementi da utilizzare dipende dalla consistenza del terreno e dal suo pH attuale.

47

La piantagione

Disporre le piante di fagioli borlotti ad una distanza di 20 cm l'una dall'altra, le cui file dovranno essere distanti 35-40 cm tra loro. Se si vive in ??una zona nebbiosa o piovosa, aumentare la distanzia tra le file per consentire all'aria di circolare più facilmente tra le piantine. Questo aiuta a prevenire le malattie fungine. Innaffiare le piante di fagioli borlotti con parsimonia finché non sbocciano, assicurandosi che i primi 4-5 di terreno siano asciutti. Quando la pianta produce la fioritura, incrementare leggermente la quantità d'acqua per tutta la stagione di crescita.

Continua la lettura
57

Il controllo delle malattie

Controllare le piante di fagioli barlotti ed accertarsi che non sia presente la muffa bianca quando i baccelli iniziano a riempirsi. Questa malattia è causata da due patogeni fungini: Sclerotinia sclerotiorum e S. Trifoliorum. Il sintomo iniziale è il marciume sui gambi, sui baccelli e sul fogliame dei borlotti. Inoltre, potrebbero anche comparire delle chiazze nere e una sostanza bianca sulla parte della pianta più vicina al suolo. La malattia è più diffusa quando il terreno è umido e la temperatura dell'aria è compresa tra 20 e 25 gradi °C. È possibile prevenire la muffa bianca distanziando ulteriormente le piante e controllando le erbe infestanti, che sono tra le portatrici della malattia. Ad ogni modo, si può controllare la muffa bianca irrorando le piante in fioritura con un fungicida contenente come principio attivo il tiofanato, il metile o il boscalid.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Coltivare una pianta di fagioli: esperimento di scienze

Curare e veder crescere le piante è un'esperienza bellissima ed è molto appagante per tutti noi. È per questo motivo che desidereremmo condividerla con i nostri bambini, anche se, essendo un’operazione abbastanza delicata, temiamo che possano, senza...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare i legumi in giardino

Se avete un giardino ed intendete sfruttarlo come orto per coltivare i legumi, è importante conoscere a fondo le caratteristiche morfologiche di questi ultimi, in modo da regolarvi in base ad ogni singola specie. A tale proposito, ecco una lista con...
Giardinaggio

Come coltivare un orto biodinamico

Se abbiamo un pezzettino di terra e decidiamo di coltivare degli ortaggi, possiamo realizzare un orto biodinamico che si basa sulla coltivazione solo di prodotti naturali; infatti, anche i concimi e i pesticidi sono di questa origine. A tale proposito...
Giardinaggio

Come coltivare il peperoncino più piccante al mondo Bhut Jolokia

Il Bhut Jolokia è originario dell'India ed è attualmente considerato il peperoncino più piccante al mondo. Si tratta di una pianta con una stagione di crescita prolungata; infatti essa arriva fino a 120 giorni anche se è difficile da coltivare....
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Cosa coltivare in montagna

Ad un terreno montuoso difficilmente si associa un'alta produttività. Nell'immaginario comune, infatti, le avversità atmosferiche potrebbero danneggiare l'orto. In parte è vero. Tuttavia, alcune piante officinali, le lattughe e le brassicacee resistono...
Giardinaggio

Come coltivare il fagiolo viola

Tra i prodotti maggiormente saporiti dell'orto autunnale, vi sono sicuramente i legumi, elementi fondamentale nella dieta mediterranea, salutari per grandi e piccini e indispensabili per chi adotta un'alimentazione vegetariana: essi rappresentando infatti...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.