Come coltivare i frutti di bosco

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra le numerose piantine che è possibile coltivare nel proprio giardino, ce ne sono alcune molto belle e particolari che spesso vengono tenute in scarsa considerazione, ad esempio le piantine dei frutti di bosco. Coltivare le piantine dei frutti di bosco è un qualcosa di molto bello e soprattutto di divertente. A tal proposito, nella guida che segue vi sarà spiegato come fare.

26

Occorrente

  • Semi di frutti di bosco
  • una vaschetta in plastica dai bordi alti
  • del cotone
  • un fertilizzante naturale od un fertilizzante chimico
  • infuso di menta, peperoncino ed aglio
  • eventualmente dei bastoncini di legno e dei laccetti
36

Acquistate i semi

Innanzitutto è importante acquistare alcuni semi dei frutti di bosco. Se non riuscite a reperire questi ultimi, potete sempre acquistarli su internet in un negozio di semi ben rifornito. Una volta ottenuti, posizionate in una vaschetta di plastica dai bordi alti uno strato di cotone, adagiate sopra i semi e poi ricopriteli con un ulteriore strato di cotone. Dovrete tenere il cotone ben umido per almeno 4-5 giorni, fino a quando i semi non avranno formato dei germogli lunghi circa 4-5 cm. Una volta che avranno formato dei germogli lunghi, piantateli in un luogo del vostro giardino ben soleggiato.

46

Fertilizzate le piantine

Se desiderate che le piantine crescano sane e robuste, dovrete piantare i semi nel terreno a circa 2-3 cm di profondità. Dovrete dar da bere alle vostre piantine almeno una volta al giorno, preferibilmente di sera, così facendo manterrete sempre il terreno ben umido. Dopo circa due settimana, ovvero quando le vostre piantine saranno cresciute, potete iniziare a concimare il terreno utilizzando il fondo di caffè oppure un fertilizzante chimico. Ottimo fertilizzante naturale per far crescere le piantine sane e robuste si rivela anche il letame. Importante è controllare periodicamente lo stato di salute delle piante: se noterete che sulle piante vi sono dei piccoli insetti dannosi, spruzzate dell'infuso a base di menta, aglio e peperoncino sulle foglie delle piante.

Continua la lettura
56

Raccogliete i frutti di bosco

Utilizzando questo infuso naturale, allontanerete i vari insetti dalle piante in maniera efficace e completamente naturale, evitando di dover ricorrere ad insetticidi chimici delle volte poco salutari. Al posto dell' infuso di menta aglio e peperoncino potrete tranquillamente spruzzare sulle piante un poco di sapone di Marsiglia disciolto nell'acqua, utilizzando uno spruzzino in plastica. Se le piante crescendo tendono a diventare storte, potete piantare un piccolo bastoncino di legno vicino alla pianta, legando in seguito il fusto della pianta al bastoncino con dei piccoli lacci. I frutti di bosco che le vostre piante producono possono essere utilizzati anche per preparare delle gustosissime marmellate. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se le piante crescendo tendono a diventare storte, potete piantare un piccolo bastoncino di legno vicino alla pianta, legando in seguito il fusto della pianta al bastoncino con dei piccoli lacci.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Coltivare Le Fragoline Di Bosco

Le fragoline di bosco sono una pianta che cresce in campi aperti, boschi e anche i nostri cantieri, anche è considerata da molti una pianta infestante. Ma contrariamente di quanto alcuni potrebbero pensare, le fragoline di bosco non sono assolutamente...
Giardinaggio

Come coltivare more da giardino

Le more da giardino sono molto diffuse proprio perché non hanno bisogno di particolari cure e sono caratterizzate dall'assenza di spine. Una volta piantate regaleranno i loro ottimi frutti. Le more contengono sostanze antiossidanti e sono usati anche...
Giardinaggio

Come coltivare l'uva spina

Se hai il pollice verde e non ti spaventa cimentarti con gli alberi da frutto, puoi provare a coltivare l'uva spina (Ribes grossularia). Dal suo nome botanico si può facilmente dedurre che l'uva spina fa parte del genere Ribes, in particolare della famiglia...
Giardinaggio

Come coltivare agrumi sul terrazzo o in giardino

Originari dell'India e dell'Estremo Oriente, gli agrumi sono oggi ampiamente coltivati in tutta la fascia subtropicale del mondo. Attraverso piccole cure sarà possibile coltivare facilmente gli agrumi, sia sul terrazzo di casa che in giardino, dove,...
Giardinaggio

Come coltivare il tamarillo

Possedere un giardino pieno di piante, colorato e variegato è cosa piuttosto comune. Molte sono le varietà di piante e fiori che si possono trovare, ma negli ultimi periodi le piante esotiche sono le più amate. Il Tamarillo o Cyphomandra betacea, è...
Giardinaggio

Come coltivare l'anguria

L'anguria è un frutto voluminoso appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee. Essa è composta prevalentemente da acqua ed è ricchissima di sali minerali e vitamine. Ha tantissimi effetti: quello diuretico, antinfiammatorio e miorilassante. È infatti...
Giardinaggio

Come coltivare l'albero di limone

L'albero di limone è una pianta prettamente mediterranea. Il sud dell'Italia, nelle sue coltivazioni, si caratterizza spesso di colorate piante di agrumi. Fra di esse, spicca il giallo dei frutti dell'albero di limone. Ricchi di vitamina C, sono un vero...
Giardinaggio

Come coltivare il black sapote

Il Black Sapote è un albero sempreverde con frutti delicatamente aromatizzati. Fa parte dei diospiri come i cachi ed infatti sono piante molto simili, sia a livello di coltivazione e anche per la qualità dei loro frutti. La pianta del Black Sapote...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.