Come coltivare i funghi su ceppi di legno

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nella guida di seguito ci sono preziosi suggerimenti per coltivare dei funghi su ceppi. Il legno che meglio si presta all'attecchimento è sicuramente il pioppo, ma sono idonei anche la quercia, il faggio, il frassino, che danno risultati altrettanto soddisfacenti. Per coltivare i funghi dovete essere provvisti di miceli, dei filamenti assai sottili che potrebbero essere considerati come le radici del fungo, e che in gergo sono dette ife.

26

Occorrente

  • Micelio, ceppi di legno, sacchi di plastica
36

Procurarsi l'occorrente

Procuratevi dei tronchi provenienti da alberi sani, con una corteccia di medio spessore. Quelli di quercia generalmente sono i migliori, ma va bene anche il legno d'acero o il carpino; evitare invece di utilizzare i ceppi delle conifere come il pino, l'abete o il cedro, perché le loro resine aromatiche sono dei fungicidi naturali. Per quanto riguarda le dimensioni, i migliori formati sono quelli che hanno un diametro compreso tra i 7 e i 15 cm e una lunghezza minima di 80 cm. Evitare di danneggiare la corteccia da un, proteggendo i ceppi possibilmente all'ombra oppure coperti con un panno.

46

Favorire la rapida crescita

Per favorire una rapida crescita dei funghi, spaccare il tronco a metà e cospargere il micelio con un'altezza di circa 2 cm, agendo in modo uniforme su tutta la superficie delle due metà. Richiudere quindi il tronco facendo in modo che le due parti siano ben strette fra loro, utilizzando sia dei chiodi molto lunghi che delle corde di nylon. Non usare corde che potrebbero essere attaccate da muffe o da altri agenti e che comprometterebbero la crescita dei funghi. Altro metodo è quello di praticare numerosi fori su tutta la superficie del tronco; ciascun foro dovrà essere largo circa 1 cm. I fori dovranno essere distanti tra loro circa 15 cm e possono essere fatti anche con un trapano. Inoculare i miceli nei fori e sigillarli con il silicone o con della cera d'api.

Continua la lettura
56

Mantenerli costantemente umidi

Un volta finita l'aspersione del micelio, ricoprite i tronchi con un telo o una busta di plastica nera, che dovrà essere forata per creare un ambiente favorevole. I ceppi dovranno essere collocati in un luogo umido (mai però sotto i 20 gradi) e non ventilato, bagnandoli ogni tanto dall'alto. Quando il tempo sarà più fresco, verso settembre, interrare i ceppi in luoghi riparati dal sole e dal vento per circa tre quarti della loro altezza. Occorrerà mantenerli costantemente umidi annaffiandoli di tanto in tanto: appariranno dopo qualche tempo delle macchioline bianche. I funghi, invece, spunteranno tra autunno e primavera e si ripeteranno per circa 3-4 anni consecutivi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare i funghi in casa

Quanti di voi hanno la passione per i funghi e si dilettano nell'andare alla ricerca di questi per i boschi!; tuttavia bisogna essere degli esperti per distinguere i funghi velenosi da quelli commestibili. Per non incorrere a tale rischio è bene lasciarsi...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini in giardino

Tra tutti i funghi, il porcino è senza dubbio uno dei più apprezzati. In virtù del suo pregio e dell'inconfondibile odore che emana, questo fungo, negli anni, si è meritato l'appellativo di "re dei funghi". Data la sua specifica peculiarità, non...
Giardinaggio

Come coltivare funghi champignon

Se tra i tanti hobby avete quello del giardinaggio, potete coltivare tra le varie piante anche i funghi; infatti, il procedimento è piuttosto semplice, e c'è bisogno soltanto di un po' di tempo a disposizione per raggiungere un ottimo risultato. In...
Giardinaggio

Come coltivare funghi nell'orto

I funghi, sono scientificamente delle piante, che quasi tutti amano mangiare: ci sono tantissime varietà, cambia il loro nome, la dimensione, la forma, il colore, il sapore e così via. Tuttavia, esistono anche delle specie velenose che è possibile...
Giardinaggio

Come rimuovere i ceppi degli alberi

Eliminare i ceppi degli alberi è un tema molto sentito dopo aver potato un albero, riordinato un giardino ma anche dopo le giornate ventose. Le possibili soluzioni sono diverse e a secondo dell’entità dei ceppi da eliminare si possono rilevare impegnative...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini

I funghi hanno una grande varietà di forme, ma tutti hanno la caratteristica di non avere la clorofilla per cui devono nutrirsi di sostanze già elaborate da altri organismi. Essi possono essere utili oppure nocivi, dipende dalla specie a cui appartengono....
Giardinaggio

Come costruire una serra per funghi

Se amiamo i funghi ed intendiamo coltivarli, possiamo farlo in un modo abbastanza semplice costruendo una serra. L'uso di questa copertura serve infatti ad ottimizzare il risultato, ed ottenere degli esemplari di alta qualità. In riferimento a ciò,...
Giardinaggio

Come coltivare il fungo prataiolo

Per coltivare i funghi necessariamente ci sono dei processi ben precisi da seguire: la preparazione dei substrati di coltura e la produzione dei funghi. Generalmente le aziende che attuano entrambi i suddetti momenti evolutivi vengono definite "fungaie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.