Come coltivare i funghi sulla paglia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I funghi sono ormai entrati a far parte delle cucine tipiche tradizionali, ottimi per donare un tocco in più alle nostre pietanze, ne esistono di svariati tipi utilizzati per altrettanti scopi, esistono funghi usati per fare il pane o utilizzati per la fermentazione delle bevande alcoliche, inoltre grazie alla loro capacità di produrre molecole naturali, sono ampiamente sfruttati in campo farmaceutico per la produzione di antibiotici, antitumorali e vitamine. Alcuni funghi si possono coltivare altri si possono raccogliere solo in natura, in questo caso però bisogna essere degli esperti conoscitori, poiché alcuni funghi velenosi, essendo tossici per l'uovo provocano problemi digestivi o allergici, anche se presentano un aspetto simili ad altri innocui. Per avere sempre a disposizione dei funghi freschi, facili da raccogliere e che siano sicuri da mangiare, possiamo coltivarli noi stessi. Di seguito vedremo come coltivare i funghi sulla paglia.

27

Occorrente

  • Sacco in tela e in plastica, miceli di Cardoncello, nebulizzatore, paglia, terriccio, acqua, elastico, forbici, Polyfill
37

Il primo passo per la coltivazione dei funghi è la preparazione del substrato in cui coltivarli. Procuratevi della paglia e tagliatela in piccoli pezzi utilizzando le forbici. In un secchio immergetela in acqua per 24 ore circa, dopo questo periodo di tempo, pastorizzatela in acqua calda ad una temperatura di 70 gradi per 2 ore o poco più. Al termine di questo processo ponetela in un sacco e fatela sgocciolare fino alla completa eliminazione dell'acqua in eccesso.

47

In un sacchetto di plastica dovrete creare degli strati alternati di paglia e micelio (corpo vegetativo del fungo) in questo caso di Cardoncello, un fungo facile da coltivare, ma potete utilizzare questo stesso metodo per altre specie che si sviluppano nella paglia. Dentro al sacchetto inserite un primo strato di paglia con uno spessore di 3-5 cm e versate un po di micelio, procedete fino al completo riempimento pressando con cura ogni strato, eliminando tutta l'aria in eccesso. Ponete sull'apertura del sacchetto un materiale che permetta la traspirazione come il Polyfill e fermatelo con un elastico.

Continua la lettura
57

A questo punto dovrete sistemare il sacchetto in un luogo chiuso ad una temperatura di circa 20 gradi per 30 giorni. Una volta che la paglia sarà ricoperta dal micelio, aprite il sacchetto da un lato e ricoprite con del terriccio che abbia uno spessore di circa 4 cm. Il sacchetto va tenuto al riparo dagli agenti atmosferici e mantenuto costantemente umido mediante un nebulizzatore. A questo punto vedrete presto spuntare i vostri funghi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • rompete i chicchi di micelio prima di metterli sulla paglia
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare i funghi esotici

In questo articolo vogliamo dar una mano a tutti coloro che amano andare alla ricerca di funghi, nei boschi di cui la nostra bella Italia è piena, per imparare loro come poter coltivare i funghi esotici,. Nella maniera più semplice e veloce possibile!...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi in casa

Quanti di voi hanno la passione per i funghi e si dilettano nell'andare alla ricerca di questi per i boschi!; tuttavia bisogna essere degli esperti per distinguere i funghi velenosi da quelli commestibili. Per non incorrere a tale rischio è bene lasciarsi...
Giardinaggio

Come coltivare funghi nell'orto

I funghi, sono scientificamente delle piante, che quasi tutti amano mangiare: ci sono tantissime varietà, cambia il loro nome, la dimensione, la forma, il colore, il sapore e così via. Tuttavia, esistono anche delle specie velenose che è possibile...
Giardinaggio

Come coltivare funghi champignon

Se tra i tanti hobby avete quello del giardinaggio, potete coltivare tra le varie piante anche i funghi; infatti, il procedimento è piuttosto semplice, e c'è bisogno soltanto di un po' di tempo a disposizione per raggiungere un ottimo risultato. In...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi con le bacche di segale

Possedere un orto, in terrazza o in giardino, è sicuramente un piacere: chi di voi non ha mai sognato di coltivare un qualcosa, da poter sfruttare in cucina e non solo? Molto probabilmente ci avrete anche provato, con piante da frutto magari, oppure...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini

I funghi hanno una grande varietà di forme, ma tutti hanno la caratteristica di non avere la clorofilla per cui devono nutrirsi di sostanze già elaborate da altri organismi. Essi possono essere utili oppure nocivi, dipende dalla specie a cui appartengono....
Giardinaggio

Come coltivare i funghi su ceppi di legno

Nella guida di seguito ci sono preziosi suggerimenti per coltivare dei funghi su ceppi. Il legno che meglio si presta all'attecchimento è sicuramente il pioppo, ma sono idonei anche la quercia, il faggio, il frassino, che danno risultati altrettanto...
Giardinaggio

Come coltivare il fungo prataiolo

Per coltivare i funghi necessariamente ci sono dei processi ben precisi da seguire: la preparazione dei substrati di coltura e la produzione dei funghi. Generalmente le aziende che attuano entrambi i suddetti momenti evolutivi vengono definite "fungaie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.