Come coltivare i nuovi noccioli

Tramite: O2O 28/06/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'albero di nocciolo è un arbusto sempreverde presente in diverse zone del mondo, può crescere fino ad un'altezza di 12 metri e può essere facilmente coltivato. La fioritura avviene tra novembre e gennaio nel terzo anno dopo la piantagione e la semina, mentre il frutto matura completamente entro 2 mesi. Quest'ultimo è fissato alla porzione inferiore di ciascun ramo e ha una forma conica. Il seme del nocciolo ha al suo interno l'esterno del guscio, che è commestibile. Nella sua forma grezza, il nocciolo appare morbido, bianco e carnoso. Quando viene arrostito, cambia colore e sapore. Ma ora vediamo come coltivare i nuovi noccioli.

26

Occorrente

  • Nocciole
  • vasi
  • sabbia, terriccio di bosco, torba
36

Immergere il nocciolo in acqua e preparare il terreno

Il nocciolo è di rapida e facile diffusione: le nocciole integre, mature e sane, si possono seminare già in autunno. Tenetele immerse per due giorni in acqua fredda perché assorbano umidità. Preparate il terreno di semina miscelando sabbia, torba e terriccio di bosco. Mettete tre nocciole in un vaso di 20 cm di diametro. Riponete i vasi in un angolo del giardino. Dovranno rimanere lì per più di un anno. Abbiate cura di innaffiarli moderatamente durante i mesi più caldi per impedire che il terreno si secchi completamente.

46

Procedere al travaso o semina

Quindi trapiantate le piantine in vivaio o direttamente nel terreno la primavera del secondo anno di coltivazione. In alternativa si può ricorrere alla semina primaverile dei frutti dopo averli stratificati nella sabbia. Tenete presente che la riproduzione da seme non dà esemplari identici alla pianta madre, mentre con un altro metodo di riproduzione che utilizza I polloni radicali si ottengono piante con le stesse caratteristiche del ceppo di origine. Quei polloni, già in parte lignificati, vengono rimossi in autunno o primavera con una porzione di radici e messi in vivaio o in vasi abbastanza capaci e rincalzati con terra fertile alleggerita da una piccola porzione di sabbia.

Continua la lettura
56

Adottare la tecnica della margotta

La tecnica della margotta è applicabile ai giovani rami flessibili e periferici rispetto alla parte centrale della pianta. È una pratica di riproduzione non molto comune soprattutto nei noccioleti da produzione perché ostacola la corretta applicazione delle tecniche colturali del frutteto. Ottenute le nuove piante, ponetele a dimora a terra in una buca piuttosto larga, arricchite il terreno con un concime potassico e, in primavera, concimate con azoto. In 3-4 anni incominceranno a fruttificare. Raggiungeranno il massimo della produzione in 15 anni, dopodiché potete anche procedere ad una radicale potatura di ringiovanimento.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • annaffiate parsimoniosamente solo quando e quanto necessario nella stagione estiva
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare un melo bonsai

Avere in casa molte piante e poterle coltivare è un po' la passione di molte persone che vorrebbero avere sempre un giardino ben colto. Molto spesso quando ci prendiamo cura di una pianta non sempre riusciamo ad ottenere i risultati sperati. Questo magari...
Giardinaggio

Come coltivare la passiflora da semi

La passiflora da semi è una pianta molto particolare e viene comunemente chiamata "Fiore della Passione". Appartiene alla famiglia della Passifloraceae ed è una pianta perenne. Esistono due tipi di passiflora: rampicanti o a foglia caduca. Predilige...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare le azalee in terrazzo

Le azalee sono delle piante che presentano un portamento eretto e sono facili da coltivare in terrazzo. Le piante se trattate nella maniera adeguata, offrono una fioritura abbondante e rigogliosa. Ovviamente, questo può dipendere anche dalla varietà...
Giardinaggio

Come coltivare l'orchidea

L'orchidea è un fiore bellissimo, che troneggia fieramente nelle vetrine dei fiorai e nelle serre. A differenza delle piante che affidano al vento i loro pollini, le orchidee necessitano dell'aiuto degli insetti. Se volete sapere nel dettaglio come coltivare...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare la begonia in balcone

La begonia è una bellissima pianta ornamentale da giardino. Produce infatti delle foglie e dei fiori davvero splendidi. I colori dei fiori di begonia sono diversi, secondo le varietà. Ma tutti bellissimi ed attraenti. In particolare si può scegliere...
Giardinaggio

Come coltivare l' Aechmea Fasciata

La natura ci ha regalato delle cose bellissime, piante, alberi, fiori, che abitano il nostro pianeta, arricchendolo di colori e profumi. Molti sono gli appassionati che ogni giorno studiano le piante e che ne conoscono tutte le specie e le caratteristiche....
Giardinaggio

Come coltivare la melaleuca ericifolia

La Melaleuca Ericifolia è un pianta di origine australiano-asiatica appartenente alla famiglia delle Mirtacee, diffusa soprattutto in Australia, Malesia, Indonesia, Nuova Caledonia e Nuova Guinea. Essa comprende circa 200 specie e il suo nome (mélas=nero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.