Come coltivare il bambù nel proprio giardino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il bambù è una pianta originaria delle zone tropicali e sub-tropicali, soprattutto dell'estremo oriente. Se ne conoscono molteplici specie; è proprio per questo che la sua altezza può variare da pochi centimetri, fino ad arrivare ad altezze imponenti. Oggi il bambù è molto apprezzato ed utilizzato nella realizzazione di arredi da giardino o mobili etnici, anche se in molti preferiscono coltivarla nel proprio giardino per donargli un tocco esotico. Coltivare il bambù, non richiede particolari doti, però necessita per la sua crescita di un clima specifico. La guida che segue sarà un valido aiuto per tutti coloro che cercano degli utili suggerimenti su come coltivare il bambù nel proprio giardino.

26

Occorrente

  • Giardino
  • semi di bambù
  • compost
36

Come detto precedentemente esistono varie specie di bambù, quindi scegliamo quello che meglio si adatta al clima della nostra zona. Posizioniamolo in una zona molto assolata, che gli garantisca almeno otto ore di sole. Teniamo presente però, che alcune specie necessitano di ombra nelle ore più calde della giornata. Per quanto riguarda il terreno, il bambù si sviluppa meglio in terreni marnosi, migliorandone le sue qualità con l'aggiunta di un composto o sostanze chimiche arricchenti. Altro fattore da valutare nel posizionare il bambù, è il vento. Ricordiamo che questa pianta ha radici poco profonde, sviluppando, di contro, un fusto piuttosto alto. È bene, pertanto, che venga messo a dimora in zone riparte, come ad esempio dietro una siepe.

46

Il periodo migliore per seminare il bambù è l'inizio della primavera, indicativamente dopo l'ultima gelata invernale. La semina richiede tanti passaggi: occorre prima di tutto preparare i semi poi, bisognerà Immergiamoli in acqua per 6 o 12 ore. Trasferiamoli poi in vasetti con terriccio specifico e avendo cura di annaffiarli ogni giorno e, meglio se posizionati in una zona ombreggiata. Dopo tre o quattro mesi trapiantiamo le giovani piantine e, mettiamole ad una distanza di 1 o 1,5 metri l'una dall'altra, scaviamo una buca abbastanza grande, quasi il doppio della sua radice.

Continua la lettura
56

Una volta messo a dimora il bambù innaffiamolo abbondantemente due volte alla settimana nei periodi più miti, arrivando a tre volte alla settimana nei periodi più torridi, evitando i ristagni di acqua che potrebbero far marcire la pianta. Il bambù resiste abbastanza bene al caldo, mentre nei periodi più freddi deve essere protetto, affinché le radici non gelino completamente. Quindi come abbiamo visto coltivare il bambù non richiede molta spesa, ma richiede tante attenzioni.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • all'inizio della primavere e dell'estate concimiamo con un fertilizzante a base di azoto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come avviare una coltivazione di bambù

Il bambù seppur una pianta tipicamente asiatica, può crescere bene in qualsiasi parte del mondo, e non ha infatti, necessariamente bisogno di un suolo specifico drenato né tantomeno ricco di acqua. Alcuni tipi di bambù crescono di circa 30 millimetri...
Altri Hobby

Come realizzare uno sgabello in bambù

Quando arriva il momento di arredare la propria casa, ma non si hanno a disposizione fondi illimitati, non bisogna di certo rinunciare allo stile ed all'estetica. Tutti possono arredare con stile e con gusto la propria casa, pur non spendendo moltissimo...
Giardinaggio

Bambù: consigli per la coltivazione

Il bambù (o bamboo) è una pianta tropicale molto particolare. È infatti diffusissima nelle zone calde, tanto da creare delle vere e proprie foreste. In Italia la sua diffusione è molto recente, ma sono in tanti che amano avere delle piante di bambù...
Giardinaggio

Come coltivare il bambù per coprire una parete

La guida che andremo a scrivere lungo i prossimi tre passi, andrà a occuparsi del bambù. Per essere più precisi, la tematica verterà sulla coltivazione del bambù, in quanto andremo a spiegarvi in modo semplice come coltivare il bambù per coprire...
Bricolage

Come realizzare un attaccapanni in bambù

Il bambù è una tipologia di legno dall'aspetto etnico, ma allo stesso tempo raffinato ed elegante, perfetto per realizzare anche a mano dei bellissimi complementi d'arredo per il proprio appartamento. Con delle semplici canne di bambù, acquistabili...
Giardinaggio

Come coltivare una spirale di bambù

Occuparsi di una pianta non sempre è una cosa semplice, specie per chi non possiede il cosidetto "pollice verde". Nonostante ciò alcuni di voi vorranno cimentarsi comunque in questo genere di hobby, dunque non vi resterà che scegliere la pianta che...
Bricolage

Come fare una lampada da terra in bambu

In questa guida ci occuperemo di un argomento di fai da te. Nello specifico andremo a realizzare una lampada da terra realizzata con un elemento assolutamente naturale quale il bambu. Il bambù è il leggero e anche molto resistente che si presta a moltissime...
Bricolage

Come realizzare una collana con le canne di bambù

Originale e creativa, la collana fatta con le canne di bambù è un monile davvero semplice da realizzare. La collana è un vero e proprio gioiello adatto a chi ama indossare accessori personalizzati e fuori dal comune. La collana si può realizzare in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.