Come coltivare il cactus

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

I Cactus sono piante grasse che fanno parte della famiglia delle cosiddette "Cactaceae". Ne esistono moltissime specie, circa tremila tra gruppi di famiglie e sotto gruppi. Si tratta di piante che, con il passare del tempo, hanno dimostrato un’ enorme spirito di adattamento. Si possono trovare in zone caldissime, ma anche in zone fredde e sparse un po' ovunque nel mondo. Se desiderate coltivare una di queste piante avete trovato la guida adatta a voi. Tramite questo tutorial vi spiegheremo come realizzare una coltivazione di cactus, seguendo semplici accorgimenti.

25

Occorrente

  • Possibilmente un davanzale, con basso livello di umidità.
  • Vaso in plastica (di colorazione diversa dal nero).
  • Terriccio a prevalenza minerale.
35

Coltivazione cactus

Come primo punto bisogna trovare una collocazione adatta al cactus. Una sbagliata posizione, infatti, rischierebbe di far morire la pianta stessa in pochissime settimane. Considerate, innanzitutto, il fattore umidità della casa. Le piante di cactus, infatti, hanno necessità di vivere in un ambiente con il tasso di umidità più basso possibile. Un luogo molto umido farebbe marcire la pianta in pochissimo tempo. La seconda regola fondamentale è l'esposizione alla luce del sole che deve essere perfetta, specialmente nella stagione estiva. Quindi una collocazione ottimale è il davanzale di un balcone o una veranda. In caso contrario, ovvero, con un luogo illuminato pochissimo, la pianta crescerebbe troppo in fretta (crescono, infatti, di notte) e con notevole sofferenza.

45

Rotazione del cactus

Ricordatevi di ruotare spesso la posizione del cactus che altrimenti potrebbe crescere in modo non appropriato ed esteticamente brutto. Per quanto riguarda la scelta del terreno da utilizzare, in genere quello minerale va benissimo. L'importante è che sia un terreno con fortissime proprietà drenanti, che lasci passare al meglio tanto l'acqua che l'aria. I vasi vanno scelti abbastanza grandi preferendo i vasi in terracotta che traspirano. Evitate il colore nero che, attirando i raggi solari, porta a un eccessivo riscaldamento delle radici stesse. Effettuate l'annaffiamento principale in primavera, concludendolo quasi del tutto all'inizio della stagione estiva. In questo periodo evitate di annaffiare, eccetto qualche leggera spruzzata di tanto in tanto. Ricominciate in autunno, per poi cessare in inverno.

Continua la lettura
55

Cocciniglia nei cactus

Per quanto riguarda la cura dalle malattie, una di quelle che colpisce più spesso i cactus è la cocciniglia. Si potrebbero notare sulla pianta stessa degli accumuli biancastri, simili quasi al cotone. Eliminateli utilizzando semplicemente un vecchio spazzolino da denti o un cotone, ovviamente utilizzando la massima delicatezza. Dal momento, però, che le uova si trovano all'interno del terreno, per evitare successive nuove contaminazioni, procedete con il rinvaso di tutta la pianta, che sarebbe bene avvenisse generalmente tra marzo e aprile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il cactus

I Cactus sono piante grasse che fanno parte della famiglia delle cosiddette "Cactaceae". Ne esistono moltissime specie, circa tremila tra gruppi di famiglie e sotto gruppi. Si tratta di piante che, con il passare del tempo, hanno dimostrato un’ enorme...
Giardinaggio

Come coltivare una Zygocactus truncatus (cactus di Natale)

La zygocactus truncatus, meglio conosciuta come cactus di Natale, è una pianta ibrida di origine brasiliana, spesso coltivati ​​come pianta d'appartamento, che ha la disposizione alla crescita di fiori piuttosto belli e singolari. La prima coltivazione...
Giardinaggio

Come Coltivare Il Cactus A Coda Di Topo

Esistono piante grasse dall'aspetto molto singolare, come ad esempio l'Aporocactus flagelliformis, anche conosciuto con il nome di "cacto coda di topo". Questa pianta appartiene alla famiglia delle Cactacee, oltre ad avere la caratteristica di contraddistinguersi...
Giardinaggio

Come far fiorire un cactus

Non tutti amano le piante grasse come i cactus, solitamente a causa delle loro numerose e acuminate spine, ma ci sono comunque dei veri e propri appassionati di questo particolare genere di pianta succulenta, caratterizzata dalla capacità di adattarsi...
Giardinaggio

Come potare un albero di cactus

Se intendete coltivare un albero di cactus è importante sapere che necessita di una potatura, che tuttavia deve essere effettuata solo se necessaria, quindi se le sue dimensioni sono eccessive o perché ha una parte malata. In riferimento a ciò,...
Giardinaggio

Come curare un cactus

In natura esistono piante dall'aspetto particolare, resistenti e amanti del sole. Tra le tutte le piante con queste caratteristiche troviamo il cactus. Una pianta molto conosciuta e di facile coltivazione. La loro particolarità consiste nell'accumulare...
Giardinaggio

Come fare il miglior substrato per i cactus

Siete sempre alla ricerca di nuove tecniche e di nuovi metodi di lavoro per occuparvi in modo efficace delle vostre piante? Oppure volete mettere alla prova il vostro pollice verde ma non sapete da che parte iniziare? Niente paura, ci sono tante soluzioni...
Giardinaggio

5 cactus per il tuo giardino

Se sei appassionata delle piante grasse, e in particolare, hai una particolare attenzione e gradimento per i cactus, ecco di seguito un elenco di cinque tipologie di cactus che potresti tenere nel tuo giardino. Prima di tutto però, è importante sapere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.