Come coltivare il chili

Tramite: O2O 04/05/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il peperoncino, originario del territorio americano e ormai noto in tutto il mondo, veniva sfruttato come alimento sin da tempi antichissimi. Proprio in America, questa pianta piccante era conosciuta come "chili" e anche oggi viene spesso chiamata con lo stesso nome. Se anche voi siete tra coloro a cui piacerebbe seminare questa particolare pianta, allora continuate la lettura di questa guida. Nei prossimi passi, infatti, vi spiegherò come coltivare il chili in vaso senza alcuna difficoltà: servirà solo disporre di attenzione e di pazienza. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • semi di chili
  • piccoli vasetti
  • terriccio fine
  • uno o più vasi con diametro di almeno 25 cm
37

Innanzitutto, se intendete coltivare il chili, dovete sapere che i mesi in cui viene generalmente seminato sono quelli primaverili, ossia il periodo in cui la temperatura minima non scende sotto i 15°C. Iniziate quindi a procurarvi il terriccio adeguato, quindi ben morbido e di grana molto fine: questo per escludere che le radici, durante le prime settimane, vengano ostacolate nel loro sviluppo. Per quanto i vasi, è sufficiente scegliere diversi elementi, anche molto piccoli, seminando in ognuno uno o due semi, non di più: interrate il seme a 1 cm dalla superficie, bagnandola delicatamente con uno spruzzino per non scoprire o spostare i semini dalla terra.

47

Successivamente, il terriccio deve risultare umido ma mai non inzuppato, per non causare marciumi, ed abbiate cura di non lasciar formare pericolosi ristagni d'acqua, i quali potrebbero far sviluppare funghi o altri organismi nocivi ai semi. Inoltre, collocate i vasetti in un angolo soleggiato della casa o comunque in un punto piuttosto caldo e non scordate che per una corretta germinazione la temperatura ottimale va dai dai 20°C ai 30°C. Rispettando questo procedimento, in 3 o 4 settimane vedrete nascere i germogli, tendendo però conto del fatto che alcune specie impiegano tempi maggiormente lunghi.

Continua la lettura
57

A germinazione avvenuta, occorre attendere le prime 4/5 foglioline, per poi iniziare il trapianto delle piantine nei comuni vasi (meglio evitare quelli inferiori a 25 centimetri di diametro): utilizzate del normale terriccio universale inumidito, ma fate attenzione: mettete sempre sul fondo dell'argilla espansa, per permettere un buon drenaggio dopo le regolari annaffiature. Potete anche utilizzare periodicamente un apposito fertilizzante e non scordate di dare il giusto sostegno alla pianta con un tutore per proteggerla dal vento: basta usare una semplice canna di bambù, avendo cura di arrotondarne la parte relativa alla cima per evitare eventuali ferite.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il chili è una pianta che non richiede grandi spazi: potete, infatti, coltivarla anche su un davanzale, in un normale vaso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il peperoncino più piccante al mondo Bhut Jolokia

Il Bhut Jolokia è originario dell'India ed è attualmente considerato il peperoncino più piccante al mondo. Si tratta di una pianta con una stagione di crescita prolungata; infatti essa arriva fino a 120 giorni anche se è difficile da coltivare....
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi in casa

Quanti di voi hanno la passione per i funghi e si dilettano nell'andare alla ricerca di questi per i boschi!; tuttavia bisogna essere degli esperti per distinguere i funghi velenosi da quelli commestibili. Per non incorrere a tale rischio è bene lasciarsi...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.