Come coltivare il coriandolo in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il coriandolo è una spezia poco conosciuta ai più, ma molto utilizzata all'estero. Nei classici ricettari della cucina italiana, si vede molto poco ma è arrivato alla ribalta tramite i numerosi programmi esteri di cucina. È anche noto come prezzemolo cinese, cilantro o erba cimicina. Probabilmente è per quest'ultimo appellativo che è poco utilizzato in Italia. L'aroma pungente di questa spezia ricorda molto la puzza del fastidioso insetto detto cimice appunto. Nonostante ciò, in altri paesi trova vasto impiego in insalate, in aggiunta a zuppe, nelle frittate e per insaporire carni e pesce. È molto utilizzato nella cucina indiana anche se è un'antica pianta del Mediterraneo. A chi non dovesse piacere l'aroma delle foglie, può semplicemente lasciarlo seccare nella terra e raccoglierne i semi. Questi hanno un aroma molto gradevole e aromatico, che non ricorda affatto gli insetti di cui abbiamo parlato. Se amiamo i profumi in cucina e lo speziato è una pianta che dobbiamo assolutamente avere. Ora vedremo come coltivare il coriandolo in casa.

26

Occorrente

  • Sementi
  • Vaso
  • Terreno drenato e concimato
36

Il coriandolo è di facile coltivazione, dobbiamo solo trovare un vivaio attrezzato che ci fornisca i semi. L'aspetto non è molto diverso dal prezzemolo nostrano e può essere coltivato in vaso o in piena terra. Ciò deve avvenire in primavera o comunque al termine delle gelate, altrimenti non avremo la produzione di semi. Data le sue origini, si coltiva facilmente nella nostra area climatica. Vuole un'esposizione al sole, ma al riparo da forti piogge o gratinate.

46

Predilige terreni ben drenati, morbidi e concimati con terreno né particolarmente acido e né basico. Per la coltivazione in vaso dobbiamo disporre di un vaso profondo circa 20 cm. Poniamo sul fondo dei cocci o della ghiaia, poi aggiungiamo del terriccio soffice. Ora collochiamo i semi ad una profondità di 2 cm e ricopriamo con uno strato leggero di terra. Teniamo il terreno umido e vedremo che dopo circa dieci giorni, i semi inizieranno a germogliare.

Continua la lettura
56

A questo punto possiamo decidere come utilizzare il nostro coriandolo. Se lo vogliamo fresco è preferibile spuntarlo quando avrà raggiunto i 10-15 cm, il sapore sarà più tenue e le foglie più tenere. Se optiamo per ottenere i semi, lasciamolo fiorire. I fiori sono bianchi, piccoli e delicati e quando sfioriranno cambieranno forma, assumendo una forma rotonda che si trasformerà in seme. Quando la pianta sarà ingiallita, possiamo raccoglierli e conservarli per ripiantarli, oppure per insaporire i cibi o ancora per macinarli ed ottenere una spezia in polvere.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Raccogliere i semi a fine fioritura
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come piantare il coriandolo in casa

Il coriandolo è una spezia molto comune e spesso usata in cucina, ideale soprattutto nella preparazione di piatti tipici della cucina indiana. In commercio il coriandolo si trova molto facilmente, ma per gli appassionati c'è la possibilità di coltivarlo...
Giardinaggio

Come coltivare le piante aromatiche in casa

Un hobby molto diffuso è quello del giardinaggio. Esso rappresenta un ottimo modo per trascorrere parte del proprio tempo libero in maniera produttiva. Attraverso il giardinaggio è possibile ottenere i frutti del proprio lavoro e della propria passione....
Giardinaggio

5 consigli per coltivare le erbe aromatiche

Chi non ama il profumo di basilico che arieggia per casa? Quel profumo così intenso che ti ricorda l'estate, e la mamma indaffarata ai fornelli. Basilico, Timo, Coriandolo, Maggiorana e Menta, sono tutte piante aromatiche che possiamo coltivare facilmente...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.