Come coltivare il finocchio selvatico

Di: Sole //
Tramite: O2O 14/10/2014
Difficoltà: facile
110
Introduzione

Il finocchio selvatico, conosciuto anche come finocchietto o finocchio amaro, è un'erbacea perennemente vigorosa della flora mediterranea e dell'Asia meridionale. Costituita da radici profonde, ama le zone soleggiate e costiere ed in natura può raggiungere un'altezza di circa 2 metri. Coltivare questa preziosa e decorativa aromatica dalle grandi proprietà curative (digestive, diuretiche ecc.) è davvero semplice: di seguito le indicazioni passo per passo, dalla semina alla raccolta dei semi su come coltivare tale erbacea.

210
Occorrente
  • semi di finocchio selvatico (o Foeniculum Vulgare)
  • terriccio drenante
  • barattoli di vetro per la conservazione
  • sacchetti adatti al congelamento
310

LA SEMINA. Si semina in primavera, in semenzaio o direttamente in situ, avendo l'accortezza di scegliere un substrato di coltura soffice, ben drenato. L'insuccesso nella coltivazione di questa aromatica è dovuto al ristagno idrico. È indicato dunque bagnare con moltissima parsimonia e mantenere in luogo caldo e asciutto, ma allo stesso tempo al riparo dai raggi diretti del sole fino a germinazione.

410

IL DIRADAMENTO. Questa operazione, serve a selezionare le piante più sane garantendo così un successo assicurato. Quando le piantine inizieranno a sbucar fuori ed avranno prodotto la terza o quarta foglia, bisognerà estirpare quelle dall'aspetto più debole e rovinato, bagnarle leggermente ed esporle al sole diretto.

Continua la lettura
510

IL TRAPIANTO A DIMORA. Se si sceglie la moltiplicazione in semenzaio, non appena le piantine avranno superato i 10-15 cm d'altezza e potranno quindi essere maneggiate facilmente, sarà necessario trapiantarle in piena terra, in una zona molto soleggiata e alla distanza di almeno 30 cm l'una dall'altra per creare lo spazio giusto tra pianta e pianta.

610

LE NORME COLTURALI. Il finocchio selvatico non ha bisogno di cure particolari se non l'annaffiatura leggera in caso di periodi particolarmente secchi, l'estirpamento delle malerbe fra le fila e un occhio vigile per individuare tempestivamente eventuali malattie che possano colpirlo. In caso di attacchi fungini o parassitari, e visto il fine della coltivazione, è il caso di usare solo rimedi naturali (aceto e acqua per esempio) non offensivi per l'uomo o comunque con un brevissimo periodo di carenza, evitando d'intervenire sulle infiorescenze e riducendo le percentuali di anticrittogamici e funghicidi da disciogliere in acqua.

710

LA RACCOLTA. Ogni piccola parte del finocchio, è apprezzata per il forte aroma ed il caratteristico sapore. È il caso quindi se si vuole adoperare fresca in foglie, di scegliere solo le cime più tenere e di nuova vegetazione, ed estirpando man a mano i fiori, per evitare che prendano un sapore amarognolo. Se invece si decide di raccoglierne i semi, bisognerà attendere che i fiori vadano a maturazione a fine estate. In questo caso, è opportuno tagliare le infiorescenze prima che i fiori dissecchino del tutto e porle in luogo ventilato fino al completo sviluppo dei semi.

810

LA CONSERVAZIONE. Le foglie fresche si possono congelare in freezer in appositi sacchettini, precedentemente lavate e accuratamente asciugate, oppure sott'olio o sott'aceto, avendo l'accortezza di sterilizzare i barattoli come per le classiche conserve. I semi invece, vanno posti in vasi di vetro a chiusura ermetica per preservarne l'aroma e possibilmente al riparo della luce del sole, per mantenerne vivo il colore.

910

Il finocchio è utilizzato nell'industria alimentare per insaporire insaccati, per aromatizzare liquori, biscotti e focacce, per la preparazione di miscele d'erbe aromatiche, per arrosti di carne ecc. È utilizzato fresco in cucina per aggiungere sapore e profumo alle insalate o alle minestre invernali.

1010
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Se non si desidera che da pianta ricercata divenga un'erbaccia infestante, togliete le infiorescenze prima che i semi giungano a maturazione. Non attendete quindi che i fiori siano secchi, altrimenti vi sarà impossibile contenerne poi la diffusione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare l'amareno

L'amareno è conosciuto meglio come ciliegio amaro. È un albero perenne originario dell' Asia e molto diffuso nel bacino del Mediterraneo. I suoi fiori sono bianchi e pentapetali. Generalmente cresce nelle zone collinari o montane che possono arrivare...
Giardinaggio

Come coltivare l'alga spirulina

L'alga spirulina, il cui nome scientifico è Arthrospira platensis, è un estremofilo naturale di colore blu e verde che cresce e prospera nei laghi caldi dall'acqua alcalina. Coltivato anche a livello selvatico, la spirulina sostiene i fenicotteri nei...
Giardinaggio

Come coltivare il tamarillo

Possedere un giardino pieno di piante, colorato e variegato è cosa piuttosto comune. Molte sono le varietà di piante e fiori che si possono trovare, ma negli ultimi periodi le piante esotiche sono le più amate. Il Tamarillo o Cyphomandra betacea, è...
Giardinaggio

Come coltivare la calathea crocata

La calathea crocata è una bellissima pianta dai fiori colorati e dalla forma particolare, quando riesce a fiorire.Essa è una pianta d'appartamento che necessita di climi umidi ma non troppo caldi. Per la sopravvivenza, date le sue origini, ed è comunque...