Come coltivare il fiore di Loto

Tramite: O2O 24/09/2016
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il fiore del Loto è una bellissima pianta, simbolo delle culture orientali dove viene coltivato sin dall'antichità. Per l'Induismo e e il Buddhismo rappresenta un vero e proprio fiore sacro, infatti è proprio nei templi che troviamo grandi vasche colme di questi fiori. Ecco come coltivare correttamente il fiore di Loto.

27

Occorrente

  • semi del loto
  • un ago o un chiodo appuntito
  • un vasetto di acqua
  • un vasetto con del terriccio
37

Il fiore di Loto è una pianta che richiede lunga esposizione al sole e una temperatura circa di 23°. Hanno una crescita molto rapida e in poco tempo raggiungono grandi dimensioni occupando molto spazio, infatti il consiglio è di collocare la pianta in un ambiente sufficientemente spazioso, evitando di abbinarlo ad altre piante. Il seme del fiore di Loto è composto da una parte interna e da un rivestimento rigido di forma ovale, che somiglia ad una specie di ghianda. Prima di piantarlo nella terra occorre farlo germinare, mentre la parte interna del seme necessita di essere raggiunta dall'acqua.

47

Osservando il seme noteremo che nella parte alta ha una specie di punta, invece dall'altro lato troviamo una sorta di conca. Prendiamo un ago oppure un chiodo appuntito e effettuiamo un piccolo foro nella parte a forma di conca e riponiamo il seme in un vasetto d'acqua aspettando la germinazione.

Continua la lettura
57

Dopo una o due settimane, dal seme verrà fuori una piccola parte verde e vorrà dire che la germinazione è avvenuta. Prendiamo il seme dall'acqua e riponiamolo nel vaso, lasciando la parte aerea della pianta fuori dalla terra e la radice in direzione del suolo. Da questo punto in poi il gioco è fatto, in poco tempo la piantina inizierà a crescere. I primi tempi la pianta avrà bisogno di un periodo per acclimatarsi. Un consiglio importante è quello di mantenere il terreno sempre umido, soprattutto nei periodi più caldi. Ricordiamo inoltre, che il fiore di Loto necessita di tanta luce.

67

In alternativa per coltivare il fiore di Loto, mettiamo i semi in un bicchiere di acqua calda.
I semi che galleggiano devono essere gettati via, poiché probabilmente non sono fertili. Cambiamo l'acqua ogni giorno, fin quando non germogliano.
Una volta che vediamo le radici, piantiamo la piantina in un vasetto con del terriccio da giardino. Copriamo le radici delicatamente con il suolo o la ghiaia. Trascorsa circa una settimana, piantiamo i fiori di loto in contenitori più grandi, senza fori di drenaggio.
L'impianto di Lotus deve essere fecondato con parsimonia per il primo anno.
Si ricorda che troppo fertilizzante può far bruciare il fogliame.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l'ipomea bianca o fiore della luna

Coltivare correttamente le varie piante non è sempre una operazione molto semplice, perché in funzione del tipo di pianta dovremo necessariamente adottare degli accorgimenti differenti come ad esempio l'esposizione al sole, l'innaffiatura, la potature,...
Giardinaggio

Come e quando piantare i bulbi da fiore

Per gli hobbisti del giardinaggio e per tutti coloro che hanno il "pollice verde", piantare i bulbi da fiore è un'attività indiscutibile: i più famosi sono quelli che si coltivano in autunno, ma altrettanto noti sono quelli 'estivi'. In commercio è...
Giardinaggio

Come avere un giardino in fiore tutto l'anno

I giardini fioriti, soprattutto quelli che presentano una grande varietà di fiori perenni in ogni stagione, creano uno spazio vitale di cui godere tutto l'anno. Con una vasta gamma di forme, dimensioni e colori, un giardino perenne crea un ambiente mutevole...
Giardinaggio

Come coltivare la margherita

La margherita, piccolo e semplice fiore di campo, si adatta a qualsiasi ambiente. Il nome scientifico è leucanthemum vulgare e significa letteralmente bianco fiore, con riferimento al colore. Spesso cresce spontaneamente nei prati, deliziando con un...
Giardinaggio

Come Far Trascorrere L'Inverno Ai Bulbi Da Fiore

Con l'approssimarsi dell'inverno sorge spontaneo chiedersi in che modo far sopravvivere i bulbi da fiore, visto le temperature rigide Generalmente, dopo la fioritura e la raccolta di tulipani, dalie e gladioli, i bulbi e i tuberi da fiore vanno lasciati...
Giardinaggio

Come coltivare l'impatiens walleriana

La coltivazione dei fiori per chi è amante del giardinaggio è certamente un qualcosa di meraviglioso. L'Impatiens Walleriana è un fiore straordinario che si può coltivare facilmente, basta tenere in considerazione le sue esigenze. Esso necessita di...
Giardinaggio

Come coltivare la Bella di Notte

La Bella di Notte è una pianta davvero molto particolare; infatti, i petali di questo fiore hanno la caratteristica di aprirsi di notte, mentre di giorno si chiudono per difendersi dal caldo. Tale peculiarità la rende anche più affascinante, soprattutto...
Giardinaggio

Come coltivare le peonie arbustive da seme

Le peonie sono dei fiori molto diffusi sul continente asiatico, soprattutto in Cina, utilizzato molto come fiore da giardino grazie ai suoi colori semplici ed intensi. Questo tipo di fiore trova il suo habitat naturale in luoghi miti-caldi, anche se necessita...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.