Come coltivare il gelsomino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il gelsomino è una pianta molto diffusa in Italia. Basti pensare che nelle zone con clima temperato è usata anche per la realizzazione di siepi ornamentali. In effetti si fa notare sia per i suoi fiorellini bianchi a forma di stella, sia per il suo forte e persistente profumo. Tuttavia non è inusuale trovarla anche al nord della penisola, dove gli esemplari riescono ad adattarsi ad un clima più rigido. Se anche voi siete amanti di questa pianta, il seguente tutorial vi aiuterà con la coltivazione.
Vediamo dunque, con questa guida, come coltivare il gelsomino.

26

Occorrente

  • Gelsomino
  • Ghiaia
  • Concime
  • Spago
  • Telo
  • Cesoia
36

L'ideale per coltivare il gelsomino sarebbe scegliere uno steccato, una cancello, una grata, insomma qualsiasi superficie su cui poi la pianta possa appoggiarsi e svilupparsi. Se possibile, poi, la pianta dovrà essere posta nel terreno, e non in un vaso. Solo nella prima ipotesi, infatti, vi sarà uno sviluppo simultaneo delle radici e dei rami, cosa che invece non avverrà in vaso. Scegliete quindi una posizione luminosa e soleggiata, scavate una buca abbastanza profonda da contenere le radici e distribuitevi sul fondo un leggero strato di ghiaia. Mettete la pianta a dimora, coprite la buca con la terra e concimate con del concime per piante fiorite, rimanendo a circa 20cm di distanza dal fusto.

46

Per quanto riguarda l'acqua, il gelsomino non necessita di una gran quantità d'umidità ambientale. Proprio per questo in inverno le annaffiature dovranno completamente cessare, per poi riprendere con tranquillità in primavera. In quest'ultimo periodo ricordatevi di annaffiare ogni 3/4 giorni, per poi aumentare con l'arrivo dell'estate. Durante tutto l'arco dell'anno sarà necessario eseguire una piccola manutenzione al gelsomino, così da preservarla in salute. In primavera ed in autunno dovrete dunque recidere alla base i rami che si sono seccati. In estate, invece, legate alla grata i nuovi rami che sono cresciuti. In inverno, infine, se la pianta è ancora giovane (2/3 anni di vita) cercate di coprirla con del telo apposito per piante.

Continua la lettura
56

Infine, per coltivare il gelsomino è bene sapere che è possibile moltiplicare la pianta. In questo caso la riproduzione andrà eseguita per talea o per propaggine. Se decidete di usare una talea, dovrete tagliare con una cesoia un rametto semi-legnoso che andrete poi a porre in un vasetto di sabbia costantemente umidificata con piccoli spruzzi di acqua. Se invece preferite il metodo per propaggine, piegate un ramo della pianta madre senza però spezzarlo, e fatelo poggiare sul terriccio di un vaso posto accanto alla pianta di gelsomino. Ricoprite il ramo con un po' di terra e quando avrà radicato vi basterà tagliare il ramo della pianta madre per ottenere una nuova e giovane piantina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Coltivare Il Gelsomino Di San Giuseppe

Il Jasminum nudiflorum, anche detto Gelsomino di San Giuseppe, fu introdotto in Europa soltanto nel 1844 e deve il suo nome al fatto che fiorisce in primavera e, in particolare, attorno al 19 marzo o giorno di San Giuseppe. È un rampicante vigoroso che...
Giardinaggio

5 decorazioni con il gelsomino

Il gelsomino, è una profumatissima pianta che fa parte della famiglia delle Oleaceae. Si contano circa 200 specie diverse di Jasminum, con caratteristiche diverse. Il gelsomino può essere rampicante o arbustivo, ma questo è determinato anche dalle...
Giardinaggio

Come curare il gelsomino rampicante

Il giardinaggio, è sicuramente per chi piace un qualcosa di molto bello e di appassionante. Tuttavia ci sono delle piante ornamentali che sono molto belle e che necessitano di scrupolose cure ed attenzioni affinché possano crescere sane e soprattutto...
Giardinaggio

Come far crescere il gelsomino rampicante

Avete un piccolo muro o un'inferriata che volete rendere più piacevole con piante e fiori? Allora potreste pensare di far crescere il gelsomino rampicante: questa pianta, dai fiori bianchi e profumati, è perfetta per i climi miti e caldi. Non richiede...
Giardinaggio

Come e quando potare il gelsomino

I fiori sono sempre molto belli da vedere e, quasi tutti, molto profumati. In particolar modo il gelsomino ha un colore meraviglioso e un profumo molto delicato, dolce e poco invadente. Per questo avere un giardino pieno di gelsomini è una goduria per...
Giardinaggio

10 fiori da coltivare in pieno sole

Amiamo i fiori e abbiamo un giardino o un terrazzo esposto al sole per la maggior parte del giorno? Nessun problema, ecco un elenco di 10 fiori da coltivare in pieno sole. Seguendo le indicazioni per una cura corretta, otterremo una fioritura che ci allieterà...
Giardinaggio

Fiori di maggio: quali fioriscono e quali coltivare

La primavera si sa è la stagione dei fiori, con l'aria sempre più mite e le giornate sempre più lunghe, si risvegliano i sensi, gli animali e la natura si riempie di colori con i fiori. Nell'aria iniziano a sentirsi dei profumi molto dolci e coinvolgenti,...
Giardinaggio

Come coltivare i gelsomini

Jasminum L. è un genere di piante (che include varie specie del gelsomino) appartenente alla famiglia Oleaceae. Comprende circa 200 specie arbustive e rampicanti alte fino a 4-6 metri, tra cui le più note e coltivate come piante ornamentali sono: il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.