Come coltivare il giacinto d'acqua

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il giacinto d'acqua è una pianta acquatica galleggiante che cresce sulla superficie di fiumi, laghi e canali. La pianta è costituita da cespi fogliosi non radicati al suolo, ma che si mantengono in superficie con l'ausilio dei piccioli delle foglie. La pianta singola può raggiungere il mezzo metro di altezza e rappresenta una soluzione di arredamento esterno davvero molto graziosa. Nella seguente guida vi sarà illustrato come coltivare un giacinto d'acqua.

26

Occorrente

  • Bulbi di giacinto, recipente in vetro altezza 12-25 cm con collo stretto.
36

I bulbi del giacinto vanno piantati nel periodo autunnale. I giacinti devono essere posti in luoghi freschi e sistemati rigorosamente in zone di ombra. I bulbi possono essere piantati e coltivati nel terreno (nel qual caso bisogna mantenerlo umido ma non troppo bagnato), o in alternativa coltivati in acqua. In questo secondo caso il processo di coltivazione è un po' differente. Occorrerà innanzitutto procurarsi i bulbi, che dovranno essere stati tolti dal terreno e accuratamente essiccati, onde evitare malattie o l'emissione prematura di radici. Inoltre devono essere stati conservati a una temperatura costante, per favorire il giusto sviluppo delle gemme fiorifere.

46

Come seconda raccomandazione vi suggeriamo di procurarvi un recipiente adatto a contenere il bulbo. I migliori sono quelli in vetro, alti 12 o 25 cm e provvisti di collo stretto. Riempite quindi il vaso con l'acqua fino a mezzo centimetro dal collo. Inserite il bulbo nel vaso, facendo attenzione che solo la base di questo sia a contatto con l'acqua: infatti, se venisse immerso completamente anche il bulbo, questo potrebbe marcire in pochissime ore. È poi importante che il contenitore venga posto in un luogo fresco (ma non gelido), fino a quando le radici non saranno lunghe almeno 5 cm. Controllate inoltre che le foglie siano spuntate di almeno 3 cm dal bulbo.

Continua la lettura
56

Ricordatevi inoltre di tenere la pianta al buio e assicuratevi che la base di ogni bulbo rimanga a contatto con l'acqua fino a quando le radici non saranno spuntate e che, in seguito, queste siano sempre immerse nell'acqua. Quando il bulbo avrà fatto nascere alcune radici ben visibili, il contenitore dovrà essere spostato in un luogo più caldo, rimanendo tuttavia sempre al buio. Il calore di cui beneficerà favorirà quindi lo sviluppo della gemma e la formazione del fiore. Dopo esservi assicurati che tutto ciò sia avvenuto, potrete trasferire il contenitore in un luogo più luminoso, avendo tuttavia l'accortezza di non esporlo direttamente ai raggi solari.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Inserite il bulbo nel vaso facendo attenzione che solo la base di questo sia a contatto con l'acqua.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare i giacinti

Coltivare giacinti, che passione! Poter rimirare il frutto del proprio lavoro, un florido e lussureggiante giardino floreale. Tempo, pazienza e passione combinati insieme produrranno risultati incredibili, anche per chi non è particolarmente portato....
Giardinaggio

Come piantare e coltivare le piante grasse in vaso

Se avete il pollice verde, potreste piantare e coltivare le piante grasse in vaso. Tali piante, conosciute anche come succulente, sono perfette per gli ambienti aridi. Queste, infatti, sviluppano foglie e steli molto carnosi che accumulano e conservano...
Giardinaggio

Come coltivare i cactus

I cactus si annoverano fra le piante grasse o succulente. Infatti, essendo tipici delle aree desertiche e semi desertiche, sono in grado di immagazzinare dell'acqua. Questa viene trattenuta e poi rilasciata nei loro tessuti per poter sopravvivere ai lunghi...
Giardinaggio

Come coltivare i ceci

Il cece è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabaceae. I semi del cece sono i conosciutissimi da quasi tutti, ceci. Il consumo umano di questi legumi appena citati risale ad epoche molto remote. Questi ultimi costituiscono una fonte proteica...
Giardinaggio

Cosa coltivare su un terreno sabbioso

Un terreno sabbioso presenta lo svantaggio di trattenere scarsamente l'acqua, ma compensa questo difetto con la maggiore lavorabilità del terreno. Se vogliamo coltivare su terreni sabbiosi, dovremo quindi ricordarci di annaffiare poco e spesso le nostre...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare una celosia

All'interno di questa utile guida troverete delle semplici ed utili indicazioni su come coltivare e prendersi cura della Celosia. Nello specifico trattasi di una stupenda pianta ornamentale appartenente alla famiglia delle Amaranthaceae, adatta alla coltura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.