Come coltivare il grano

Tramite: O2O 19/12/2016
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Sin dall'inizio delle prime civiltà, l'uomo ha da sempre coltivato una pianta che con i suoi frutti riesce sempre a soddisfare le nostre esigenze. Ovviamente stiamo parlando del grano o frumento, come lo si vuole chiamare. Infatti, come detto in precedenza, il grano è stato classificato dagli archeologi, come una delle prime coltivazioni dell'uomo, che si sviluppo, all'interno della mezzaluna fertile, terra delle prime civiltà, come i Babilonesi. Ecco dunque, che attraverso questa guida, che sarà prettamente composta da pochissimi passaggi, ma allo stesso tempo molto semplici ed esaustivi, vi spiegheremo in maniera molto dettagliata ed accurata, come coltivare il grano.

27

Occorrente

  • spiga di grano
  • terriccio
  • sassi o ghiaia
  • vaso da fiori
37

Oltre ad essere una pianta di grande valore alimentare l'utilità della stessa abbraccia anche la natura del suolo, le radici delle graminacee lo proteggono dall'erosione ad opera del vento e dell' acqua. Il grano, rappresentano una grande risorsa alimentare per tutta la terra e la sua coltivazione, non è molto complicata, anzi, risulta piuttosto semplice, potrai sperimentarne la coltivazioni insieme ai tuoi bambini per permettergli di cogliere la bellezza della natura con i loro occhi e proprio in casa tua. In autunno, dopo la mietitura, raccogli in un campo di grano qualche spiga, se non hai la possibilità di farlo, puoi comprare i semi di grano, direttamente nei negozi specializzati.

47

Se ti sei procurato delle spighe, dovrai soltanto sgranarle ma, prima di compiere questa operazione, dovrai farle seccare bene, ponendole all'ombra per qualche giorno. Prendi dei vasi comuni di quelli che si utilizzano per le piante ed i fiori, metti al loro interno qualche sassolino e riempili per metà del terriccio che usi di solito per le tue piante d'appartamento. Distribuisci in ciascun vasetto qualche seme, quindi versa altra terra fino a riempire i vasi e a coprire i semi con un paio di centimetri di terriccio.

Continua la lettura
57

Si tratta di un'operazione abbastanza delicata, i contadini sanno che se si utilizza troppo terriccio sopra ai semi, essi rischiano di non riuscire a risalire una volta germogliati, se invece viene impiegato poco terriccio per ricoprirli, si potrebbe rischiare che il vento li faccia volare via. Un tempo si procedeva alla semina manuale dopo aratura del terreno ad opera di aratro e buoi, oggi tale procedimenti sono stati soppiantati da macchinari ed attrezzature tecnologicamente avanzate. Nel tuo appartamento non avrai di questi problemi.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il grano

Sin dall'inizio delle prime civiltà, l'uomo ha da sempre coltivato una pianta che con i suoi frutti riesce sempre a soddisfare le nostre esigenze. Ovviamente stiamo parlando del grano o frumento, come lo si vuole chiamare. Infatti, come detto in precedenza,...
Giardinaggio

Come far germogliare il grano

Ultimamente va molto di moda un certo ritorno alle origini per quanto riguarda le nostre abitudini alimentari e quotidiane. Ricicliamo di più, cosa che fa bene all'ambiente, e si riutilizzano molte cose vecchie. Si prova a fare in casa di tutto, dagli...
Giardinaggio

Come preparare i piattini con i germogli di grano per i sepolcri

In Italia esistono tantissime tradizioni relative alla Settimana Santa di Pasqua, per lo più diffuse soprattutto nei piccoli centri. Tra queste ne troviamo una davvero molto particolare, ovvero la preparazione dei piattini con i germogli di grano, magari...
Giardinaggio

Come coltivare il fungo prataiolo

Per coltivare i funghi necessariamente ci sono dei processi ben precisi da seguire: la preparazione dei substrati di coltura e la produzione dei funghi. Generalmente le aziende che attuano entrambi i suddetti momenti evolutivi vengono definite "fungaie...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.