Come coltivare il grano saraceno

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il grano saraceno è una pianta che cresce in Europa fin dal tardo Medioevo. In virtù delle sue ottime caratteristiche nutrizionali viene spesso utilizzata anche in ambito alimentare per la preparazione soprattutto di dolci. La pianta di grano saraceno è una pianta erbacea e che cresce annualmente, terminando il sui ciclo di vita nel giro di 60-120 giorni. Coltivarla può risultare davvero molto utile, per via appunto delle sue molteplici proprietà. In questa guida vogliamo dunque illustrarvi come coltivare il grano saraceno.

25

Occorrente

  • Semi di grano saraceno.
  • Terreno fertile.
  • Fertilizzante.
35

Seminate in primavera

Per coltivare il grano saraceno la semina deve avvenire durante la primavera, le ultime due settimane di marzo sono il periodo ideale e ci si può spingere fino alla prima settimana di aprile. Occorre dunque acquistare per tempo i semi di grano saraceno. Sarà possibile reperirli con facilità presso i venditori di articoli per il giardinaggio e concimi. Procedete con il lavaggio dei semi, utilizzando la necessaria delicatezza per non rovinare il seme. Smuovete il terreno creando dei solchi e distribuite i semi a pioggia, in maniera uniforme. Non concentrateli tutti sullo stesso punto.

45

Interrate i semi

Ecco dunque come occorre procedere per coltivare nel modo migliore il grano saraceno. Con molta delicatezza coprite i semi del grano saraceno con della terra. Eseguite la procedura con pazienza e cura, prestando attenzione a non scoprire le sementi. Ora sarà necessario innaffiare il grano saraceno con un leggero velo d'acqua e occorrerà ripetere l'operazione una volta a settimana, stando ben attenti a non esagerare con le quantità: infatti il grano saraceno potrebbe "affogare" a causa della troppa acqua utilizzata. È possibile usare dei concimi naturali per fertilizzare il terreno e nutrirlo al meglio. Se si intende produrre farina, è bene arricchire il territorio con sostanze ricche di potassio.

Continua la lettura
55

Raccogliete i frutti quando sono scuri

La pianta del grano saraceno può raggiungere anche il metro e venti d'altezza. Durante la sua crescita la pianta non richiede cure particolari. Il momento della raccolta dei frutti verrà indicato dal loro colore: quando infatti il grano saraceno sarà bruno, piuttosto scuro, quello sarà il segnale che è l'ora di raccoglierlo. Il grano saraceno giovane (di colore verde), invece, potrebbe essere addirittura tossico. Al momento della maturazione la pianta sembra in fase morente. La coltura avviene con una falce, dopodiché si stende la pianta al sole ad essiccare per qualche giorno. Ecco realizzata la coltivazione del grano saraceno. Non vi rimarrà che attendere la sua maturazione e, dopo averlo raccolto, beneficerete così delle numerose proprietà di questa pianta davvero molto utile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il grano

Sin dall'inizio delle prime civiltà, l'uomo ha da sempre coltivato una pianta che con i suoi frutti riesce sempre a soddisfare le nostre esigenze. Ovviamente stiamo parlando del grano o frumento, come lo si vuole chiamare. Infatti, come detto in precedenza,...
Giardinaggio

Come far germogliare il grano

Ultimamente va molto di moda un certo ritorno alle origini per quanto riguarda le nostre abitudini alimentari e quotidiane. Ricicliamo di più, cosa che fa bene all'ambiente, e si riutilizzano molte cose vecchie. Si prova a fare in casa di tutto, dagli...
Giardinaggio

Come preparare i piattini con i germogli di grano per i sepolcri

In Italia esistono tantissime tradizioni relative alla Settimana Santa di Pasqua, per lo più diffuse soprattutto nei piccoli centri. Tra queste ne troviamo una davvero molto particolare, ovvero la preparazione dei piattini con i germogli di grano, magari...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli in un barattolo

Un alimento decisamente ricco di proprietà nutritive sono i germogli. Essi non dovrebbero mancare assolutamente all'interno di una dieta sana e varia. La notizia ottima è il fatto che essi si possono facilmente coltivare in casa, con l'utilizzo di pochissimi...
Giardinaggio

Come coltivare il fungo prataiolo

Per coltivare i funghi necessariamente ci sono dei processi ben precisi da seguire: la preparazione dei substrati di coltura e la produzione dei funghi. Generalmente le aziende che attuano entrambi i suddetti momenti evolutivi vengono definite "fungaie...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.