Come coltivare il mango

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il mango deriva dall'omonima pianta tropicale "Mangifera" la quale vede la sua nascita nella zona asiatica, specie in India, la quale oggi produce centinaia di qualitá di piante. Dunque parliamo di un frutto che sebbene sia indicata la sua coltivazione ai tropici, non rasenta minimamente l'impossibilita di crescita anche in Italia, laddove il clima appare chiaramente più rigido rispettivamente agli indici indicati della sua sopravvivenza o dunque la coltivazione stessa, il tutto rispettando a delle ben precise indicazioni.
Cosa importante è considerarne i suoi valori nutrizionali, quali vitamina A ed inoltre altamente utile contro stitichezza e stress. È per tanto molto ricco di minerali quali: calcio, ferro, fosforo, magnesio e potassio. Dunque passiamo ora a come coltivare il mango.

26

Occorrente

  • mango
  • vaso
  • terra
  • acqua
  • sole
36

Periodo d'inseminazione

Stando a questa introduzione, è ben facile apprendere che il periodo ideale per la sua inseminazione sarebbe quello che va nelle stagioni più calde, non a caso affinché l'arbusto prosegua il corso della vita, è necessario che venga ben riparato dal freddo, quindi l'ideale spazio sarebbe, qualora se ne disponesse, l'interno del proprio appartamento.

46

Come procurare il seme

Essendo che non verrebbe facile la ricerca di una pianta già cresciuta, l'ideale sarebbe quello di asportare il nocciolo da un frutto, magari anche acquistato, ripulirlo da ogni parte contenente la polpa e successivamente proseguire all'estrazione del seme che ovviamente vede l'apertura del guscio esterno.

Continua la lettura
56

Estrazione del seme

Che sia chiaro, non per molti seguirà un estrazione facile nei primi tentativi, ma con molta pazienza, attraverso una piccola incisione del nocciolo stesso, si riuscirà all'estrazione del seme stesso, magari aiutandosi con una morsa da tavolo qualora non si riuscisse a tenerlo fermo.

66

Inseminazione

Una volta estratto, è necessario chiuderlo in dell'ovatta umidificata, o del semplice tovagliolo, evitando l'abbondanza di acqua, la quale potrebbe permettere l'insorgere di muffe e quindi il seme non idoneo all'inseminazione. A questo punto prendere un sacchetto comune per alimenti, e non prima di averlo soffiato, quindi aver creato una sorta di aria (ossigeno), chiuderlo ed attendere per almeno una settimana massimo due, che esso germogli.
Successivamente è necessario rimuovere il seme che sia dall'ovatta e dunque dal sacchetto, prestando molta attenzione a non rompere i germogli, ed inseminarlo nell'apposito vaso con dell'abbondante terriccio. Successivamente a questa meticolosa fase, è importante che il vaso venga esposto al sole e frequentemente annaffiato. Dopo di ciò non resta che godere la nascita dei frutti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il mango

Il mango deriva dall'omonima pianta tropicale "Mangifera" la quale vede la sua nascita nella zona asiatica, specie in India, la quale oggi produce centinaia di qualitá di piante. Dunque parliamo di un frutto che sebbene sia indicata la sua coltivazione...
Giardinaggio

Come potare un albero di mango

La coltivazione del mango, richiede condizioni climatiche particolarmente miti, pertanto non è possibile praticarla in tutti i terreni. La maggiore produzione di tale frutto si trova in modo particolare in Sicilia e Sardegna proprio per le caratteristiche...
Giardinaggio

Come coltivare frutti tropicali in Italia

All'interno di questa guida, andremo a occuparci di frutti tropicali. Nello specifico caso, come avrete già potuto scoprire attraverso la lettura del titolo stesso di questa guida, ci concentreremo su Come coltivare frutti tropicali in Italia. Negli...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare un albero di anacardi

L'albero di anacardi è una pianta originaria dei Caraibi e del Brasile nord-orientale, anche se oggi viene coltivato in molte altre zone tropicali del mondo, soprattutto in Africa, in India e nel Sud-Est asiatico. Fa parte della famiglia delle Anacardiaceae,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.