Come Coltivare Il Melone

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se come a me adorate tutti i prodotti che arrivano dall'orto, non c'è cosa più soddisfacente e bella che coltivare nel proprio orto frutta che sia alquanto particolare e non i soliti pomodori, lattuga, cetrioli, però ad esempio l'anguria o il melone. Se vi interessa davvero la coltivazione di quest'ultimo frutto, questo articolo vi potrà servire per riuscire al meglio nella sua coltivazione. I meloni a me non sono mai nati troppo grandi nel mio orto, però sono veramente molto saporiti. Continuate la lettura nella scoperta di come coltivare appunto il melone! Buon lavoro!

25

Occorrente

  • Semi di melone
  • Orto
  • Acqua
35

Prima di tutto dovrete sapere qual è il periodo che vengono seminati i meloni, ed avviene nel mese di aprile approssimativamente. In questo mese, la temperatura dell'aria comincia ad essere leggermente più calda, però ancora non è molto calda o torrida. Perciò, vi dovrete procurare i semi di melone, meglio se da un vivaio affidabile e serio, in modo che possa avere dei semi di alta qualità. Ora il suo procedimenti è molto semplice e facile. Dovrete cominciare il lavoro facendo nella terra dei piccoli soldi, non dovranno essere troppo profondi, però devono essere abbastanza lontani tra loro. In ogni solco, quindi, dovrete inserire i semi del melone che avete comprato. Dovete distanziare, a questo punto, molto bene i semi tra loro, in quanto le piantine che usciranno fuori potranno crescere tanto, e, anche se i frutti non diventano mai troppo enormi, le piante hanno bisogno comunque di essere tra loro lontane.

45

Successivamente aver seminato, dovrete cominciare ad annaffiare tutta quanta la terra, minimo due volte al giorno: una volta nell'arco della mattina e l'altra la sera. Se la temperatura dell'aria è molto calda, e quindi l'acqua evapora facilmente, sarà bene che innaffiate la terra che avete seminato, anche tre volte nell'arco della giornata. Dovrete però far attenzione che l'acqua non sia in abbondanza: il terreno infatti la dovrà assorbire tutta nel giro di pochi minuti, al massimo in un'oretta. Non dovrete annaffiare mai quando il terreno ha già presente dell'acqua in rilievo, che non ha assorbito.

Continua la lettura
55

Dopo un tempo breve, le piantine di melone cominceranno a crescere. Quando vedete che esse avranno raggiunto una certa grandezza, questo dopo circa un mese e mezzo dalla loro "nascita", potrete anche, anzi dovrete, dare il concime al terreno, in modo da renderlo maggiormente fertile e le piantine più fruttifere e rigogliose. Terminata la concimazione, dovrete soltanto continuare con la procedura dell'annaffiatura della terra, attendendo che dalle piante nascano e crescono i meloni piccoli. Vedrete che i vostri meloni avranno un gusto veramente molto prelibato, contrariamente a certi meloni che comprate al supermercato che hanno un sapore sciapo ed un colore scialbo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le angurie

L'anguria è un frutto prettamente estivo. Di origine africana, gli egiziani ne erano avidi consumatori. Dalla valle del Nilo viaggiava fino alla Cina e all'Europa, dove era molto apprezzata specialmente dai commercianti che, trovavano in essa un valido...
Giardinaggio

Come coltivare l'anguria

L'anguria è un frutto voluminoso appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee. Essa è composta prevalentemente da acqua ed è ricchissima di sali minerali e vitamine. Ha tantissimi effetti: quello diuretico, antinfiammatorio e miorilassante. È infatti...
Giardinaggio

Come coltivare e utilizzare la cassabanana

La Cassabanana, detta anche sicana odorifera, è una vite perenne della famiglia delle Cucurbitaceae, ed unica specie del genere sicana. La Cassabanana per poter crescere bene ha bisogno di un clima tropicale ed è per questo che è diffusa e coltivata...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.