Come coltivare il peperoncino più piccante al mondo Bhut Jolokia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Bhut Jolokia è originario dell'India ed è attualmente considerato il peperoncino più piccante al mondo. Si tratta di una pianta con una stagione di crescita prolungata; infatti essa arriva fino a 120 giorni anche se è difficile da coltivare. Le sue esigenze di temperatura elevata del terreno lo rendono tuttavia adatto per crescere nel caldo di una casa. Vediamo insieme, a tale proposito, come coltivare in modo corretto il peperoncino più piccante al mondo.

27

Occorrente

  • Semi di Bhut Jolokia
  • Terriccio leggero
  • Vasi di terracotta
  • Pennello
  • Candeggina o acqua ossigenata
37

Dopo aver acquistato i semi bisogna immergerli per una notte in acqua, aggiungendo un cucchiaino di perossido di idrogeno (acqua ossigenata) per uccidere tutti i batteri o muffe. A questo punto bisogna riempire il vaso con del terriccio, che deve essere di buona qualità, molto leggero, adatto per far penetrare la luce. Esso ha bisogno di una costante irrigazione, quindi deve essere ben drenante. Con le dita bisogna poi praticare dei fori in cui si dovranno interrare ben due semi, che vanno spinti ulteriormente in profondità ed essere totalmente ricoperti nuovamente dal terriccio. Il vaso va posizionato su un termosifone, poiché per raggiungere una corretta germinazione i semi devono raggiungere i 75-90 gradi.

47

Se infatti il terreno rimane freddo, i semi del bhut Jolokia non germoglieranno mai. Inoltre il calore aiuta l'acqua in eccesso ad evaporare e quindi è possibile irrigarlo ogni giorno. Durante le ore diurne il sole è gradito, per cui le giovani piantine possono essere esposte ai suoi raggi sul davanzale di una finestra. Quest'ultima è ideale se è esposta a sud, in quanto le piantine crescono meglio come spessore e più compatte. La manutenzione, oltre a regolari innaffiature, prevede una periodica spazzolata del terriccio, che serve per impollinare i fiori. L'operazione consiste nell'interrare i pollini rilasciati dalla stessa pianta durante la crescita. È un passaggio importante per ottenere una fioritura rigogliosa.

Continua la lettura
57

Dopo circa sei mesi dalla nascita i Bhut joloka danno alla luce i primi frutti. Il colore appare di un verde chiaro quando saranno appena nati, e man mano, diventeranno più scuri fino al rosso intenso. Le piante adulte vanno poi esposte al sole diretto solo di mattina, per evitare che si possano essiccare troppo. Eseguendo accuratamente tutte le tecniche sin qui spiegate, il peperoncino più piccante al modo sarà facile da assaggiare, magari per condire dei buoni fagioli alla messicana, che sono famosi proprio per l'alto contenuto di peperoncini che loro chiamano chili!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Eseguendo accuratamente tutte le tecniche sin qui spiegate, il peperoncino più piccante al modo sarà facile da assaggiare, magari per condire dei buoni fagioli alla messicana, che sono famosi proprio per l'alto contenuto di peperoncini che loro chiamano chili!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare peperoncino in casa

Al giorno d'oggi, non tutti sono a conoscenza del fatto che il peperoncino possiede molteplici proprietà benefiche: è un antiossidante (proprio per questo motivo si dice che sia anche antitumorale), e può essere utilizzato per combattere il raffreddore...
Giardinaggio

10 tipi di peperoncino da coltivare in vaso

Il peperoncino è una pianta conosciutissima in tutto il mondo, utilizzato a scopo alimentare o per le sue proprietà benefiche e curative. È possibile coltivarlo anche in casa, in un orticello o in un vaso e in questa guida vedremo proprio quali tipi...
Giardinaggio

Come coltivare il peperoncino biologico

Il peperoncino è una pianta molto utile sia in cucina che nella vita di tutti i giorni. Ai nostri giorni sono acclarate da moltissimi studi scientifici le sue proprietà antiossidanti, che fanno di questa pianta un'alleata preziosa contro l'invecchiamento....
Giardinaggio

Come coltivare un capsicum (peperoncino ornamentale)

Il capsicum (peperoncino ornamentale) è una pianta, sia dolce che salata, coltivata per i suoi frutti fin dall'antichità. Ha bacche commestibili di colori e grandezza diversi. Possono essere consumati sia conservati che freschi. Tale pianta ha un aspetto...
Giardinaggio

I peperoncini più piccanti del mondo

Nella seguente guida illustreremo quali sono i peperoncini più piccanti al mondo secondo una classifica stilata seguendo la scala di Scoville (shu) che misura il loro grado di piccantezza.Per quanto possiate essere amanti del piccante vi sono alcune...
Giardinaggio

Come raccogliere il peperoncino

Il peperoncino è una pianta originaria delle Americhe, ma oggi diffusa praticamente in tutto il mondo. Esistono varie specie piccanti, dolci ed ornamentali. Tutte le varietà di peperoncino possono essere coltivate in Italia, seminando nei mesi di febbraio...
Giardinaggio

Come coltivare il chili

Il peperoncino, originario del territorio americano e ormai noto in tutto il mondo, veniva sfruttato come alimento sin da tempi antichissimi. Proprio in America, questa pianta piccante era conosciuta come "chili" e anche oggi viene spesso chiamata con...
Giardinaggio

Come piantare il peperoncino in vaso

Non molti sono a conoscenza del fatto che, le piante aromatiche, possono essere coltivate anche in vaso, direttamente sui vostri balconi, poiché necessitano di poco spazio e di poche cure. Il peperoncino, per esempio, oltre ad avere il compito di impreziosire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.