Come coltivare il prugno

Tramite: O2O 19/09/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il prugno risulta essere un albero da frutto della famiglia delle Rosaceae facilmente coltivabile e che dona rapidamente dei buoni raccolti: è di medie dimensioni, da 3-4 fino a 6-8 metri d?altezza secondo la varietà. Ha una bella fioritura bianca in Aprile e inoltre risulta essere una pianta particolarmente forte, infatti difficilmente si ammala. Proprio per questo motivo, potrete provare voi stessi a coltivare il prugno, ottenendo degli ottimi e soddisfacenti risultati. Facendo tutto con le vostre mani, oltre ad avere la possibilità di apprendere una tecnica particolarmente utile, potrete anche risparmiare il vostro denaro poiché non avrete la necessità di assumere un giardiniere professionista. Quindi, continuate a leggere con attenzione i passi di questa interessante guida, per imparare utilmente come coltivare il prugno.

26

Occorrente

  • Irrigazione
  • potatura
  • concimazione
36

Tipologia di terreno:

Il prugno si adatta a qualsiasi tipo di terreno, anche argilloso, umido, freddo e calcareo, purché profondo e ben drenato. Non prospera invece nei terreni poveri e sabbiosi specie se sono terreni anche siccitosi, nel qual caso i frutti crescono poco e cadono anzitempo. È un albero coltivabile su larga parte del territorio italiano, dalle aree mediterranee a quelle settentrionali, dalla pianura alla collina. Bisogna piantarlo in autunno in una zona soleggiata evitando le zone soggette a venti di forte intensità o alle brezze salmastre.

46

Irrigazione:

Va bagnato a fondo nei primi due anni, dopo averlo piantato per favorire la radicazione in profondità, in seguito va irrigato nel periodo della fioritura, dell'allegagione e nel periodo dell'accrescimento del frutto. Sulle piante giovani, la potatura dovrà essere ridotta al minimo indispensabile, come pure le concimazioni: solo quando la vostra pianta sarà adulta e in piena fruttificazione si potrà eseguire una potatura vera e propria con tagli di rinnovo per eliminare qualche rametto.

Continua la lettura
56

Distribuire il concime azotato:

Inoltre, quando la crescita di nuovi germogli è ridotta e la fruttificazione abbondante, risulta essere opportuno distribuire un concime azotato entro il mese di settembre. Soprattutto nei terreni poco fertili come quelli sabbiosi, una prima concimazione si può fare nella fase di fine fioritura, con un concime complesso. Nella fase di piena produzione per mantenere uno sviluppo equilibrato diventa utile, oltre alla potatura, anche il diradamento dei frutti. Quando l?allegagione tende ad essere eccessiva si deve ?alleggerire? la pianta per assicurare ai frutti uno sviluppo ottimale ed evitare il rischio di scarsa produzione nell?anno seguente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.