Come coltivare il ranuncolo

Tramite: O2O 11/06/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il ranuncolo è una pianta appartenete al genere Ranunculus, una famiglia molto numerosa composta da circa 400 specie di fiori. Questi ultimi sono luminosi, di colore giallo e hanno cinque petali; la pianta è originaria dell'Asia, dell'Australia, dell'America Centrale, dell'America del Nord e dell'Europa. Il ranuncolo è perenne e molto resistente, i cui fiori assomigliano molto ai fiori di campo e riescono ad illuminare intere colline. Essi possono crescere anche in casa, nelle aiuole e in giardini rocciosi. Coltivare il ranuncolo è molto semplice, in quanto essi richiedono pochissima o nessuna attenzione. Nella seguente guida impareremo come coltivare il ranuncolo.

26

Occorrente

  • vasi
  • terriccio ricco di humus
  • concimazioni varie a seconda del periodo
36

È un fiore che si presenta in numerose specie, alcune sono considerate invasive e altre invece molto rare, però parlando del ranuncolo, possono coltivarlo e curarlo avendo un vasto terreno ricco di letame, profondo e sciolto, che sia tra l'altro ben lavorato, e protetto dal gelo e dal freddo.
Al contempo devi pensare che il ranuncolo ama stare all'aria aperta, ma predilige stare esposto al sole nei momenti meno caldi della giornata la temperatura non dovrà superare i 15 °C.

46

Il periodo perfetto in cui devi fare la piantagione è quello compreso tra settembre e novembre, mediante interramento dei cosiddetti rizomi, o i bulbi, a una profondità che non sia superiore ai 5-9 cm e con una distanza tra l'uno e l'altro di circa 20 cm.
Di solito la piantagione avviene in autunno, ma siccome si avvicina il freddo, è bene ricoprire il terreno con paglia, foglie e letame. Se li pianterai in autunno, i fiori sbocceranno in aprile, mentre se preferisci piantarli in primavera, avrai i fiori in giugno. Durante il periodo di fioritura, occorre concimare con del fertilizzante liquido da aggiungere all'acqua d'annaffiatura, con una buona quantità di potassio per agevolare la fioritura; mentre in fase di crescita utilizzare un concime con un livello elevato di azoto per favorire la crescita.

Continua la lettura
56

Il ranuncolo può riprodurre anche per seme, ma questa pratica è applicata durante l'inverno quando i semi devono essere interrati nel vaso coprendoli bene con sabbia annaffiata. La germinazione avviene dopo circa un mese.
Il terreno di questo fiore deve essere bene o male sempre tendente all'umido, e come ogni pianta anche il Ranuncolo avrà bisogno di essere concimato, è poco sensibile ai parassiti, però è facilmente colpito dal mal bianco nei climi afosi e umidi. La muffa bianca si diffonde sui boccioli e sul fogliame.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione, in quanto foglie e steli del ranuncolo, se ingeriti, sono tossici.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.