Come coltivare il ribes rosso

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il ribes rosso è un arbusto molto diffuso. In Italia cresce spontaneamente nelle zone del Centro e sugli appennini. Può raggiungere i due metri di altezza, si sviluppa su fusti ramificati a portamento eretto, e si riconosce facilmente per i suoi caratteristici frutti rossi, rotondi e lucidi. Per maturare non necessita di particolare attenzione, ma non deve essere soggetto a temperature troppo alte. In questa guida ti indicherò come coltivare il ribes rosso.

26

Occorrente

  • terreno
  • concime organico
  • letame
36

In autunno e in primavera

In autunno e in primavera, concima il terreno con materiale organico, ai piedi della pianta. Per la raccolta, invece, attendi l'estate o fine luglio. Fai attenzione a staccare i grappoli delicatamente e a non lasciare filamenti sui rami, altrimenti favorirai la fastidiosa proliferazione di insetti. La produzione entrerà a pieno regime al quarto-quinto anno e sarà economicamente valida fino al decimo-dodicesimo. Se hai intenzione di conservarli per qualche mese, è meglio se li surgeli, altrimenti per una rapida consumazione puoi tenerli in frigorifero. Ultimo accorgimento da seguire è quello di effettuare a fine inverno un trattamento preventivo contro le malattie, che per fortuna sono poco frequenti. Siamo giunti al termine anche di questa guida su come coltivare il ribes rosso.

46

Le radici nude del ribes

Il tempo giusto per piantare le radici nude del ribes va da ottobre ad aprile. Predisponi un terreno al fresco per la loro coltura e separale tra loro con una distanza di circa un metro. Scava una buca molto profonda e larga 40-50 cm e, dopo averla liberata da tutte le erbacce, mischia il terriccio con del fertilizzante organico. Quello che ti consiglio è la cornunghia, ossia un fertilizzante di origine animale, ottenuto da scarti ricavati dalla lavorazione industriale della carne. Unisci anche 1 o 2 palate di letame composto, in modo che l'azoto in esso contenuto contribuisca alla crescita della pianta.

Continua la lettura
56

La potatura e la pulizia

Una volta pronto il fondo, rinfresca le radici e immergile in una poltiglia di fango. Poi, ricopri la buca con la terra asportata in precedenza e annaffia con abbondante acqua (10-15 litri almeno) per assicurare una perfetta coesione tra la terra e le radici. Ricorda di innaffiarlo con costanza e con molta acqua, ma senza creare ristagni. Ogni sei mesi, fai pulizia delle erbacce; la potatura non deve avvenire spesso, ma solo se necessario, in quanto i frutti maturano sui rami di almeno un anno, ma anche più vecchi. La potatura, infatti, deve soltanto garantire la nascita di nuove gemme fruttifere.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegli una zona non troppo esposta al sole e al riparo dal vento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare un acero rosso

L'acero è una specie vegetale che si adatta a ogni contesto, di grande impatto visivo, in grado di conferire grande fascino a ogni giardino. Può essere nano, oppure raggiungere anche 10 metri. Molto spesso viene scelto per l'arredo dei giardini, proprio...
Giardinaggio

Come coltivare l'uva spina

Se hai il pollice verde e non ti spaventa cimentarti con gli alberi da frutto, puoi provare a coltivare l'uva spina (Ribes grossularia). Dal suo nome botanico si può facilmente dedurre che l'uva spina fa parte del genere Ribes, in particolare della famiglia...
Giardinaggio

Come eliminare Il punteruolo rosso e proteggere la palma

Le palme sono delle piante tropicali e vengono utilizzate, nei paesi asiatici, per la produzione di vino e di olio. Purtroppo nel nostro territorio hanno un potentissimo insetto nemico conosciuto con il nome di punteruolo rosso. L'insetto ha la sua origine...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare la begonia in balcone

La begonia è una bellissima pianta ornamentale da giardino. Produce infatti delle foglie e dei fiori davvero splendidi. I colori dei fiori di begonia sono diversi, secondo le varietà. Ma tutti bellissimi ed attraenti. In particolare si può scegliere...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
Giardinaggio

Come coltivare le zinnie

Gli amanti di piante e fiori non si faranno certo mancare un bel balcone ricco di verde e profumi. O perché no una veranda. Esistono molte piante da fiore capaci di trasformare piccole aree della casa in un caleidoscopio di colori. O i vostri terrazzini...
Giardinaggio

Come coltivare un melo bonsai

Avere in casa molte piante e poterle coltivare è un po' la passione di molte persone che vorrebbero avere sempre un giardino ben colto. Molto spesso quando ci prendiamo cura di una pianta non sempre riusciamo ad ottenere i risultati sperati. Questo magari...
Giardinaggio

Come coltivare la Bella di Notte

La Bella di Notte è una pianta davvero molto particolare; infatti, i petali di questo fiore hanno la caratteristica di aprirsi di notte, mentre di giorno si chiudono per difendersi dal caldo. Tale peculiarità la rende anche più affascinante, soprattutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.