Come coltivare il sedano

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il sedano non è solamente un ortaggio ma è anche una pianta aromatica e medicinale. Come ortaggio è un ingrediente per numerose ricette di zuppe, insalate, frittate nonché stufati; come pianta aromatica, invece, il sedano è indispensabile per elaborare sale alle erbe. Infine, come pianta medicinale, si usa tanto in infusioni quanto in decotti per le sue proprietà antireumatiche, aperitive, digestive, diuretiche, ri-mineralizzanti, toniche ed afrodisiache. Il sedano si coltiva con estrema facilità: puoi comprare una pianta già nata in un vivaio oppure seminarla in un vaso a partire dai semi che puoi procurarti da un erborista. In questa guida, dunque, vedremo come coltivare il sedano in casa vostra, per poterne sfruttare le potenzialità uniche.

24

Semina

Per avere una o più piante di sedano avrete bisogno di una piantina o, ancora meglio, di un pugno di semi, di un vaso con capacità di dieci litri, di buona terra e di un vaso di vetro per conservare le foglie secche. Il sedano è una pianta annuale, ovvero dura un’unica stagione di dodici mesi. Si pianta all'inizio della primavera: il sedano richiede un suolo profondo, terra con compost maturo o sterco e non ha bisogno di eccessiva acqua, perciò non annaffiatelo troppo spesso. Non è una pianta particolarmente amate del sole, quindi piantala in un luogo dove non ce ne sia molto e sempre: il sedano tollera perfettamente posti all’ombra, con solo poche ore al giorno di luce diretta del sole.

34

Crescita

Dovete sapere che il sedano cresce, si sviluppa, fiorisce dando altri semi ed alla fine muore. Tutto il processo dal momento in cui si pianta dura intorno ai cinque mesi. Per poter ottenere altro sedano, basterà raccogliere i semi quando il sedano si seccherà del tutto in estate e poi riseminarli per averne di nuovo e fresco la stagione successiva. Una volta che il sedano nasce, tagliategli le foglie per il consumo della giornata. Se non siete solito consumare sedano o se lo preferite mangiare secco, tagliate lo stelo poco a poco, uno al giorno, e gradualmente appendetelo con le foglie in giù in un luogo scuro.

Continua la lettura
44

Raccolta e conservazione

Lasciatelo, infine, seccare per un periodo di pochi giorni: successivamente trasferitelo completamente in un vaso di vetro e sigillatelo, facendolo riposare in un luogo scuro e fresco. Il tempo di essiccazione del sedano si aggira intorno ai sette giorni circa. Una volta che avrete coltivato, visto nascere e crescere e poi raccolto il vostro sedano, usatelo pure come ingrediente imprescindibile del famoso ratatouille, della rinomata insalata Cesar o abbondante nella zuppa di ceci.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il sedano rapa

Molto spesso nella propria abitazione abbiamo uno spazio che possiamo dedicare alle coltivazioni di piante e fiori. Quello del giardinaggio è un hobby davvero molto diffuso, inoltre è anche molto appassionante. Chiaramente per ottenere dei buoni risultati...
Giardinaggio

Come coltivare il sedano da coste

Quando si possiede un piccolo angolo di giardino libero, sarebbe molto interessante poter coltivare qualcosa, magari poi da gustare. Molti hanno la passione per il giardinaggio che spesso non riesce a regalare molte soddisfazioni. Infatti è molto importante...
Giardinaggio

Come piantare in vaso il sedano

All'interno della presente guida, andremo a sviluppare una tematica molto interessante sotto il profilo del fai da te, in quanto andremo a spiegare ai lettori Come piantare il vaso il sedano, attività che potrebbe risultare utile, specie se si è appassionati...
Giardinaggio

Come seminare il sedano

L'Apium graveoleons più comunemente chiamato sedano è un ortaggio appartenete alla famiglia delle Apiaceae. Sin dall'antichità questa specie erbacea veniva considerata come una pianta medicinale. Effettivamente, il sedano ha molteplici proprietà che...
Giardinaggio

10 ortaggi da coltivare in terrazzo

Il biologico è il settore alimentare che più si sta espandendo. Il mangiare sano e il vivere in forma sono ormai un vero e proprio stile di vita per certi versi irrinunciabile. Tuttavia spesso capita che i prodotti a carattere biologico siano salutari...
Giardinaggio

I 10 ortaggi più facili da coltivare sul balcone

Per chi non ha la possibilità di coltivare l'orto ma dispone di un certo spazio sul balcone o terrazza, può prendere in considerazione l'idea di creare un piccolo orticello in casa. Naturalmente dovrete munirvi di vasi capienti, terriccio, argilla espansa...
Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.