Come coltivare il sedano rapa

Tramite: O2O 01/10/2016
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Molto spesso nella propria abitazione abbiamo uno spazio che possiamo dedicare alle coltivazioni di piante e fiori. Quello del giardinaggio è un hobby davvero molto diffuso, inoltre è anche molto appassionante. Chiaramente per ottenere dei buoni risultati bisogna conoscere in maniera approfondita determinati concetti per offrire alle nostre piante le cure e le attenzioni necessarie a una rigoglioso crescita. Quella che andremo a a vedere in questa guida è la coltivazione di un ortaggio molto particolare. Attraverso semplici e chiarissimi passaggi vedremo per l'appunto come poter coltivare in maniera ottimale e soprattutto efficace il sedano rapa. Ben differente dal più classico sedano, di quest'ultimo si utilizza solo la radice, per cui non è sbagliato definirlo come un ortaggio da radice vero e proprio. Da un punto di vista nutrizionale presenta pochissime calorie e ha un gusto piuttosto delicato. Lo si può utilizzare per preparare numerosissime ricette.

25

La prima cosa che dobbiamo fare è quella di scegliere il terreno migliore per il nostro sedano, che nel caso del sedano rapa, detto anche Apium graveolens rapaceum, deve possedere un'umidità sempre costante. È inoltre molto importante, che il terreno sia ricco di sostanza organica, che possiamo però anche aggiungere prima della semina, cercando di concimare con l'utilizzo di un po' di letame maturo e magari anche di un po' di calcio.

35

La semina del nostro sedano rapa, la possiamo effettuare in due modi e cioè sia a spaglio o anche a file in semenzaio. Il periodo migliore per farlo è quello che va da aprile a maggio e si deve fare ad una profondità di pochi millimetri. Mentre, dobbiamo sapere che il trapianto del semenzaio, lo dovremo eseguire nel periodo di giugno, e cioè quando le piantine avranno raggiunto un'altezza di circa 12-15 cm, cercando di potare sia le foglie che le radici. Dobbiamo ricordare che dobbiamo mantenere una distanza di circa 35 cm tra le file e 20 cm sulla fila.

Continua la lettura
45

Per quanto riguarda le cure colturali, è molto importante sapere che l'irrigazione, dovrà essere posta lungo tutto il ciclo vitale, e non dobbiamo per nulla al mondo dimenticare di effettuare un'innaffiatura subito dopo il trapianto. La raccolta di questo ortaggio, cioè del sedano rapa, la possiamo effettuare a scalare dal periodo che va dall'autunno fino alla bella stagione primaverile. Dobbiamo anche ricordare che è importante dissotterrare la radice, quando le foglie inizieranno a diventare gialle e la polpa sarà ben soda ed anche bella croccante. In questo modo, con questi semplici e veloci consigli, saremo in grado di coltivare con le nostre mani, il sedano rapa e poter così usufruire del suo utilizzo in cucina, in modo da poter anche godere delle sue proprietà benefiche per il nostro organismo!

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Cosa coltivare con poco spazio a disposizione

Non tutti hanno a disposizione una casa con giardino. L'assenza di uno spazio esterno ampio però non preclude la possibilità di coltivare ortaggi, verdure, erbe aromatiche e piante. Anche con poco spazio a disposizione si può creare un piccolo angolo...
Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come coltivare una palma

La palma è una pianta ornamentale e ha un valore estetico inestimabile. Questo esemplare appartiene alla famiglia delle Arecaceae e si distingue per il suo particolare portamento. Coltivare una palma è davvero molto semplice e bastano pochi accorgimenti...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.