Come coltivare il tulasi

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per chi non conoscesse il tulasi, sappi che si tratta di una pianta erbacea annuale, diffusa soprattutto in India dove viene coltivato e utilizzato per tantissimi fini terapeutici. Noto anche come basilico sacro indiano, il tulasi si presenta come una pianta dalle foglie verdi, talvolta tendente al viola, simile alla nostra pianta di basilico. Ne esistono diverse varietà e tutte hanno proprietà benefiche per il nostro organismo, per esempio è un ottimo calmante e antiinfiammatorio, inoltre svolge funzione benefiche sull'apparato digerente. Se volete coltivarlo in casa e beneficiare delle sue proprietà, sappiate che potete farlo tranquillamente, trattandosi di una pianta che si adatta molto facilmente. Vediamo insieme come coltivare il tulasi.

26

Occorrente

  • Semi di Talusi, vaschette per sementi, vasi
36

Per coltivare il tulasi esistono modi diversi. Se hai la fortuna di avere un giardino, può seminarlo direttamente lì, mentre se hai un balcone non ti resta che optare per un vaso. L'ideale sarebbe comunque piantare i semi delle piccole vaschette dove avverrà la germinazione e dove nasceranno le piantine che poi andrete a trapiantare in un altro luogo. Ricordate però che il basilico indiano ha bisogno di temperature elevate e quindi dovete scegliere un posto ben caldo, evitando luoghi freddi e ombrosi. I semi si piantano in tarda primavera e se invece decidi di piantarli in inverno, tieni il contenitore sotto una lampada o in serra mentre se è la stagione giusta per poterli piantare, metti i contenitori davanti una finestra molto assolata.

46

Vedrai spuntare le piantine nelle prime sei settimane e, quando andrai a travasarle in vaso o nel terriccio, attento a farle avere un buon drenaggio ma mai un ristagno sulle radici. Cresce abbastanza in fretta e quando noterai che alla punta le foglie sono attaccate in sei parti, spunta delicatamente la pianta che in questo modo crescerà rigogliosa. Alla stessa maniera fai con i fiori che dovrebbero essere rimossi già da boccioli.

Continua la lettura
56

Attento a come la annaffierai perché se è vero che non deve avere ristagno d'acqua, è anche vero che le foglie devono essere sempre irrorate quindi con un vaporizzatore bagnale nelle ore meno assolate della giornata. Abbi cura di levare le foglie secche ed avvizzite che si formano sul gambo. Non lasciare mai che tutta la pianta fiorisca ma solo una parte di essa che taglierai e farai seccare per ottenere dei semi per la prossima semina. Prima che la pianta secchi durante l'inverno, taglia le sue foglie e dopo averle fatte essiccare, chiudile in un barattolo di vetro, saranno ottime per preparare il tè e gli oli essenziali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare patate in casa o in giardino

Se avete la passione per il giardinaggio e avete intenzione di cominciare a coltivare qualcosa, potete scegliere uno degli alimenti più amati sia dai grandi che dai bambini: la patata. Questo gustoso tubero può essere mangiato in tantissimi modi e le...
Giardinaggio

Come coltivare le lenticchie in casa

Quando si possiede del tempo libero a disposizione sarebbe il caso di sfruttarlo al meglio. Ad esempio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di coltivare qualcosa in casa che si possa poi gustare. Quindi potremmo mangiare qualcosa di sano e genuino,...
Giardinaggio

Come coltivare le patate sul proprio balcone

Se avete in mente di iniziare a coltivare qualcosa sul vostro balcone dovreste prendere in esame questa guida, dove spiegheremo come coltivare le patate sul proprio balcone. Fate conto che la patata è una pianta resistente che può essere coltivata facilmente,...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

Come iniziare a coltivare un orto

Oggigiorno sono sempre di più le persone che vogliono cominciare a coltivare un orto. Le ragioni possono essere le più svariate: si può farlo per il desiderio di riavvicinarsi alla natura, perché la coltivazione di un orto può essere un oggetto d’amore,...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla vostra passione. Anche in spazi ristretti è possibile coltivare le sementi ed i germogli che più vi aggradano,...
Giardinaggio

Come coltivare l'orto

Se vogliamo mangiare sano, senza spendere molto per costosissimi prodotti coltivati biologicamente, la soluzione ottimale è quella di coltivarci da soli un bell'orto pieno di verdure. Anche se non possediamo il classico pollice verde, non preoccupiamoci,...
Giardinaggio

Come coltivare e curare la gardenia

La Gardenia è una pianta delicata e profumata. La si può coltivare sia in giardino sia come pianta da vaso. Per coltivare e curare la gardenia, una varietà di pianta molto delicata e piacevolmente profumata, vi consiglio di seguire con attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.