Come coltivare in casa una pianta di cocco

Tramite: O2O 13/06/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La palma da cocco è una pianta originaria delle isole dell'Oceano Pacifico, rinomata per il suo famoso frutto. Grazie alle sue foglie molto allungate e slanciate che partono direttamente dal grosso seme (la noce di cocco), questa pianta non di rado assume una funzione decorativa e viene coltivata anche in appartamento. In natura la sua altezza raggiungerebbe i 30 metri, ma coltivata in casa non supererà i 2 metri e non sarà assolutamente produttiva. La varietà più adatta è la cultivar "Nino" grazie alla sua compattezza e alla lucentezza delle sue foglie. Coltivare una palma in casa non è una cosa semplice, ma se sarete pazienti e seguirete i consigli proposti in questa guida otterrete una pianta di cocco bella e rigogliosa.

26

Occorrente

  • una piantina di cocco
  • concime specifico
36

Iniziate per prima cosa a recarvi in un vivaio oppure presso un fioraio ben fornito e acquistate una piccola piantina di cocco formata da un picciolo e piccole foglie che spuntano direttamente da una noce di cocco interrata per metà, fatto che permette alla pianta di non svilupparsi eccessivamente, ma che ne riduce anche la longevità. Questo è l'unico modo per ottenere una pianta di questa specie, a meno che non siate in grado di procurarvi una noce di cocco non trattata e che abbia mantenuto il suo potere germinativo, fatto assai raro.

46

Tornati a casa, sistemate il vaso in un luogo molto illuminato ma non esposto alla luce solare diretta. La temperatura dell'ambiente dove si trova la pianta non deve mai scendere sotto i 16°. Il terriccio della palma deve essere ricco di humus, al quale sarà utile mescolare della sabbia per migliorare il drenaggio dell'acqua che non deve mai ristagnare nel vaso, a differenza del sottovaso che dovrà essere riempito di ciottoli che andranno tenuti sempre bagnati. Bisognerà quindi annaffiare la pianta moderatamente, inumidendo però il fogliame giornalmente con un vaporizzatore spray.

Continua la lettura
56

Fino a che la pianta non diventerà adulta sarà necessario rinvasarla ogni anno durante la primavera; una volta cresciuta sarà sufficiente sostituire il terriccio superficiale con quello nuovo, al fine di ripristinarne le proprietà organolettiche. Sempre nel periodo primaverile-estivo sarà necessario somministrare alla pianta di cocco del concime liquido una volta al mese. Se la noce di cocco tende ad annerire e a diventare appiccicosa significa che l'acqua ha ristagnato nel terriccio. Bisogna allora sospendere immediatamente le annaffiature e contattare il fioraio che ce l'ha venduta che saprà consigliare la terapia da effettuare al fine di salvare la palma.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la palma da cocco

La Cocos nucifera, più conosciuta come palma di cocco, è una pianta tipica delle coste di regioni tropicali. Essa infatti è ampiamente coltivata in Asia, Africa e America meridionale. Con le dovute accortezze, tuttavia, è possibile coltivare questa...
Giardinaggio

Come coltivare e utilizzare la pianta delle giuggiole

Se avete il desiderio di acquistare una pianta per il vostro appartamento, dovrete innanzitutto verificare le vostre abilità di coltivatori. La coltivazione, infatti, risulterà fondamentale per far sì che la pianta in questione cresca sana e forte;...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta di ciclamino

Il ciclamino è una pianta a fiori, di piccole dimensioni, adeguata infatti non solo per ambienti come il giardino ma anche per interni. Come lo stesso nome richiama, si tratta di una pianta a fiori dai colori che variano come il bianco, il rosa ed i...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ligustro

Il ligustro è una piccola pianta, che è stata coltivata principalmente nelle isole britanniche per secoli, dove si è adattata bene alla crescita in quasi tutti i tipi di terreno, sia all'ombra che al sole. Questa pianta, è una pianta densa e sempreverde....
Giardinaggio

Come coltivare una pianta antibatterica come l'Areca

Al mondo esistono una quantità infinita di piante, ed ognuna di esse possiede delle caratteristiche particolari. Alcune sono curative, altre solo decorative, studiarle per comprenderne le potenzialità potrebbe rivelarsi particolarmente utile. L'Areca...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta della lenticchia

Le lenticchie sono una buona fonte di proteine e di carboidrati e, poiché prive di glutine, sono adatte a chi ha problemi di celiachia. Poterle coltivare nel proprio orto, rappresenta una grande soddisfazione poiché si accontenta di terreni non troppo...
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè

Meraviglioso, corroborante, aromatico caffè! Poche cose riescono a stimolarci come l'aroma inconfondibile e ristoratore del caffè, soprattutto al mattino.Per chi ama il giardinaggio, non sarà difficile cimentarsi nella produzione della pianta del caffè....
Giardinaggio

Come coltivare la pianta del caffè in vaso

Forse non tutti sanno, che è possibile tenere in casa le piante del caffè. Più precisamente, la varietà Coffea Arabica, che è originaria degli altopiani etiopi, ma ormai diffusa nelle zone tropicali di tutti i paesi. La pianta è formata da un arbusto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.